Terme "Bruno Marazzita"
...dopo circa un secolo di varie vicissitudini umane, di passaggi di proprietà e di cambi di gestione ...lo stabilimento termobalneare di Galatro tornava ad essere di proprietà del comune grazie all'opera instancabile del Sindaco Bruno Marazzita... Anche il nuovo palazzo delle Terme è stato ideato e voluto dall’amministrazione con a capo il Sindaco Bruno Marazzita ... che resterà nella storia di Galatro come il più importante ed il più rappresentativo amministratore di tutto il secolo appena concluso ...  il Sindaco Bruno Marazzita disinteressato e coraggioso “difensore civico”.

 

 

 

 

 

VII Incontro Mondiale Famiglie, Milano, 2012: «La Famiglia: il lavoro e la festa» :
DISCORSI BENEDETTO XVI

Sito ufficiale www.family2012.com
 

 

 

 

Benedetto XVI

> Libano, 14-16.09.12

> VII Incontro Mondiale Famiglie, Milano, 1-3.06.12

> Assemblea CEI: Il dono prezioso della fede, 24.05.12

> Arezzo: Nuovo sapore all'intera società civile, 13.05.12
> Educare i giovani alla giustizia e alla pace, 12.01.12
> Laici, cioè cristiani
, 25.11.11
>
In Calabria
9.10.11

> In Germania, 22-25.09.11
Brani scelti

> XXVI Giornata Mondiale della Gioventù, Madrid (Spagna), 18-21.08.11 

> B16 - XXVI Giornata Mondiale Gioventù: L'uomo è veramente creato per ciò che è grande , 06.09.10

> B16 in Gran Bretagna 16-19.09.10

> B16 a Torino  2.05.10

> B16, REGINA CÆLI,  Piazza San Pietro,  16.05.2010

> B16 ai Cattolici D'Irlanda, 19.03.10

> Più grande del peccato , Tracce, Aprile 2010

> Quei peccati dei preti, ferita profonda bisogna tornare alla lezione di Cristo, J. Carron La Repubblica, 4.04.10

 

 

Giuliano Ferrara

RADIO LONDRA

 

 

 

Why not

> Fango. Quando la macchina va in panne
Intervista ad Antonio Saladino, il principale indagato, la «nuova Tangentopoli» italiana risoltasi in un clamoroso flop 29.10.10

> Perché De Magistris non ci crede più
Il giornalista del Corriere sedotto e abbandonato dal giustiziere di Catanzaro rievoca la sua misteriosa metamorfosi. «Iniziata in campagna elettorale» 29.10.10
> Una Bufala finita nel nulla02.03.10
>L’accusatore finisce sotto accusa 16.03.10
 

 

 

 

 

 

 

 

Pellegrinaggio Papa BXVI
in Terrasanta,
8-15 Maggio 2009

Il programma

Servizi di Tempi.It

Servizi di Avvenire

Brani dei discorsi

 

 

 

 

Zibaldone

 

 Editoriale

 

Santa Pasqua 2017

"... sono andate al Sepolcro ed era vuoto, Lui non c’era. Sono andati col cuore chiuso dalla tristezza, la tristezza di una sconfitta...
Ma l’Angelo dice loro: “Non è qui, è risorto”...
E la Chiesa non cessa di dire alle nostre sconfitte, ai nostri cuori chiusi e timorosi: “Fermati, il Signore è risorto”.
Ma se il Signore è risorto, come mai succedono queste cose? ....
è il mistero della pietra scartata che finisce per essere il fondamento della nostra esistenza. Cristo è risorto, questo significa. In questa cultura dello scarto dove quello che non serve prende la strada dell’usa e getta, dove quello che non serve viene scartato, quella pietra – Gesù - è scartata ed è fonte di vita. E anche noi, sassolini per terra, in questa terra di dolore, di tragedie, con la fede nel Cristo Risorto abbiamo un senso, in mezzo a tante calamità...
Non so come va questo, ma sono sicuro che Cristo è risorto e io ho scommesso su questo”.

Papa Francesco, Domenica di Pasqua, 16 aprile 2017

 In evidenza

 

 

   

Domenica 21 Maggio 2016

   

Vincenzo La Gamba


@ La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Pregherò il Padre e vi darà un altro Paràclito» New York, La Liturgia di Domenica 21 Maggio 2017, VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A)

 

La Gamba Vincenzo - America: «Le stelle cadenti», New York-Brooklyn, 4 Maggio 2017

 

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Non è la realtà che è brutta, il problema è che vedi quel che vuoi vedere. Domenica 21 Maggio 2017
Quante volte chiamiamo realtà ciò che vogliamo vedere?
Quante volte abbiamo fatto lo sforzo di puntare lo sguardo sulla verità delle cose,
davvero curiosi di arrivare al cuore delle cose?
Se facessimo queste lavoro, che si chiama conversione,
la nostra vita vedrebbe cose che altrimenti non può vedere,
che il pregiudizio impedisce di vedere.
Non è la realtà che è brutta, il problema è che vedi quel che vuoi vedere.
La realtà è quella, è sempre lì.
Puoi aprire la finestra, vedere che piove e maledire;
oppure esclamare con san Francesco; <<Laudato si', mi' Signore, per sor' acqua>>.
La realtà è quella, piove. ma perché Francesco vede di più?
Perché la medesima realtà genera in lui una pace, una gratitudine e una lode,
mentre in noi suscita rancore, risentimento, malumore?
E' un modo di guardare.
Bisogna avere il coraggio di lasciare che qualcosa, qualcuno, ci muti lo sguardo,
ci aiuti a guardare.
Franco Nembrini

(cit. in "In Cammino con DANTE" pag.269 ed. Garzanti €169)

 

 

 

 

 

Venerdì 19 maggio

News

"La verità, vi prego, sui vaccini". Cosa c'è su Tempi in edicola
di Redazione

Esteri

Perché Greenpeace rischia di chiudere. Confonde «libertà di parola con disinformazione»
di Francesca Parodi

Nipote di sua madre, figlio di sua sorella. I nuovi pericoli dell'incesto in provetta
di Leone Grotti

Centinaia di morti in Centrafrica. «Musulmani rifugiati nella Cattedrale»
di Leone Grotti

Prete accoltellato sull'altare. Il Messico resta un paese letale per i sacerdoti
di Redazione

Interni

Milano, Madonna imbavagliata esposta dagli anarchici da una palazzina occupata
di Leone Grotti

Intercettazioni e caso Consip. «Siamo alla fuga di non notizie»
di Redazione

Società

Premi ai dirigenti che combattono l'omofobia. Succede a Torino
di Caterina Giojelli

Economia

Così il mercato immobiliare ha ripreso a crescere
di Francesco Megna

 

 

 

Martedì 16 maggio

Interni

Sentenza Cassazione sul kirpan. «Servirebbe una legge speciale per i sikh»
di Francesca Parodi

L’assoluzione di Saladino e la condanna dell’Italia a una tragica fine greca
di Luigi Amicone

Cultura

Padre Emmanuel, il cappuccino costruttore di comunità e di esperienza
di Giuseppe Reguzzoni

Esteri

Venezuela. «Chi è in disaccordo con il governo deve affrontare minacce, detenzioni e deportazioni»
di Redazione

Venezuela. Civili giudicati da tribunali militari
di Redazione

Gao Zhisheng e la coscienza della Cina
di Leone Grotti

Economia

Lo straniero è già passato
di Alan Patarga

News

"Chi è il papa nero?". Cosa c'è su Tempi in edicola
di Redazione

 

 

 

 

 

 

 

Martedì 09 maggio

Interni

Unioni civili flop. «Ai gay non interessa il matrimonio gay»
di Francesca Parodi

Torino. «I tagli alle scuole paritarie sono una mossa ideologica dei grillini»
di Francesca Parodi

Esteri

Nigeria. Liberate 82 ragazze di Chibok: «Perché hanno aspettato tre anni per trattare?»
di Redazione

Venezuela. I bambini a scuola svengono per la fame
di Luca M. Possati

Padre Tom, rapito dall'Isis in Yemen: «Liberatemi, la mia salute peggiora»
di Leone Grotti

Siria. Scricchiola già la tregua: almeno 24 morti ad Hama
di Redazione

Egitto. Un altro cristiano assassinato nel Sinai
di Redazione

Indonesia. Condannato per blasfemia finisce in prigione il governatore cristiano di Jakarta
di Leone Grotti

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

 

CERVELLERA

Posted: 20 May 2017 09:03 AM PDT

Padre Bernardo Cervellera su Asia News: «Nel 2015 l’Arabia Saudita ha registrato un incremento del 275% delle importazioni di armi rispetto al 2006-2010; il Qatar un incremento del 279%. Entrambi questi due Paesi – insieme ad altri – sono noti per il loro sostegno alla “ribellione” ad Assad e quindi ad al Qaeda e Daesh».

 

PRECEDENTE

Posted: 15 May 2017 08:15 AM PDT

E c’è un precedente (dicembre 2016). Titolo (stesso quotidiano): «A Lecce i diretti interessati la chiamano “svolta ecumenica”, visto che per la prima volta nel Salento (e probabilmente in Italia) la Chiesa con la sua opera per il microcredito (…) finanzierà con 10mila euro un negozio di telefonia di un pakistano». Musulmano.

APPARTAMENTI

Posted: 10 May 2017 08:02 AM PDT

Titolo del Giornale.it del 15.4.17: «Consegnato il primo dei 55 appartamenti sistemati dalla diocesi di Milano con i fondi dell’8xmille. Il primo dato a un imam egiziano. E scoppia la polemica». Sono cose che succedono, ma per carità niente polemiche. Né scioperi dell’8xmille.

“GIULIA”

Posted: 30 Apr 2017 11:17 AM PDT

Ricordate la povera donna veneta di 41 anni che voleva abortire ma è stata rifiutata da ben 23 ospedali? Impossibile mancare la notizia, ne avevano parlato, scandalizzati, i maggiori quotidiani. Scrive Costanza Miriano nel suo blog: «I magistrati che hanno indagato sulla denuncia della Cgil, il procuratore aggiunto Valeria Sanzani e il comandante dei Nas, Marco Passarelli, hanno concluso che le tante telefonate la donna le ha fatte in preda a uno “stato di ansia”, e che nessun ospedale l’ha respinta (…). Ha fatto la visita una settimana dopo e ha abortito tre settimane dopo, nel pieno rispetto dei termini della 194». Gli scandalizzati di cui sopra? Zitti e mosca. E la guerra alle fake news? Seeeh!

NIVEA

Posted: 10 Apr 2017 07:56 AM PDT

La Nivea ha ritirato una pubblicità di un suo deodorante. Lo spot diceva «Il bianco è purezza». Accusata sui social di razzismo. E che doveva scrivere, «il bianco è monnezza?». E gli alberghi, dovrebbero ritirare gli accappatoi e i lenzuoli? I medici, i loro camici?

 

 

 

Negli Stati Uniti domina la russo-fobia. L'ultima sceneggiata andata in onda, è stata la 'non-notizia' sulle confidenze di Trump al ministro degli esteri russo Trump (durante la visita ufficiale di Lavrov alla Casa Bianca)
Rivelato dalla TV USA NBC il contenuto 'top secret' che Trump ha 'passato' ai russi
g
iovedì, maggio 18, 2017
di Patrizio Ricci 

In tale occasione,  Trump avrebbe divulgato nonsochecosa a Lavrov. Su questo nonsochecosa stasera i 'Tiggì' hanno lasciato intendere che il russia-gate continua, che Trump è stato eletto grazie ai russi, che lavora per i russi etc... Tradotto, questo modo di comportarsi significa che da un pezzo le nostre televisioni pubbliche si fanno concorrenza tra loro solo limitatamente al parlare dell'inutile e per giunta in modo non esatto.

 

 

Gli Usa lanciano nuove accuse contro Assad
Le nuove accuse del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ad Assad sono arrivate lunedì,  in concomitanza con l’ apertura del nuovo ciclo di negoziati di Ginevra. Per l’occasione, gli USA  hanno usato l’immagine evocativa della Shoa: il ‘regime siriano’, ucciderebbe con le torture i prigionieri e poi li farebbe sparire incenerendoli nei forni crematori. Ma in realtà, come vedremo, l'accusa non è corroborata da prove tangibili.
di Patrizio Ricci,
martedì, maggio 16, 2017
Si tratta infatti di un’ accusa che fa acqua da tutte le parti: ricorderete che pochi mesi fa, il governo siriano è stato accusato (tramite il dossier 'Caesar') di torturare ed uccidere i prigionieri: i cadaveri dopo essere stati catalogati e fotografati sarebbero fatti sparire tramite la cremazione. Ma il dossier era già stato confutato più volte. L'evidenza più grande di queste controdeduzioni è che una simile accusa porta con sé una contraddizione evidente:

 

 

 

 

Domenica 14 Maggio 2016

   

Vincenzo La Gamba


@ La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Io sono la via, la verità e la vita» New York, La Liturgia di Domenica 14 Maggio 2017, V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

...anche se io non lo vedo c'è un bene grande, Domenica 14 Maggio 2017
[..] occorre qualcuno <<che discernesse/ de la vera cittade almen la torre >>:
qualcuno il cui compito è vedere la meta.
Uno che ti assicura sulla meta, che risponde alla grande domanda che è il cuore dell'educazione;
"Assicurami che valeva la pena venire al mondo,
assicurami che anche se io non lo vedo c'è un bene grande,
c'è un bene per cui vale la pena fare questo sacrificio".
Perché ci vuole uno che discerne, che nella << selva oscura>> della vita,
nelle nebbie dell'esistenza, veda la meta.
Non vedrà la città, non vedrà tutto;
ma << almen la torre>>, ciò che segnala quello a cui tutti siamo destinati.
Franco Nembrini

(cit. in "In Cammino con DANTE" pag. 167 ed. Garzanti €16)

 
 

 

 

Domenica 7 Maggio 2016

   

Vincenzo La Gamba


@ La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Io sono la porta delle pecore» New York, La Liturgia di Domenica 7 Maggio 2017, IV DOMENICA DI PASQUA (ANNO A)

 

 

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Ma un amore condizionato a un "se" si chiama ricatto, Domenica 07 Maggio 2017
Quante volte è come se dicessimo al figlio:
" Sono la tua mamma, certo che ti voglio bene;
ma quanto più bene ti vorrei se tu fossi così e cosà,
facessi questo e quest'altro, ti comportassi come dico io
e non come vuoi tu...." e così via.
Ma un amore condizionato a un "se" si chiama ricatto.
L'amore vero, quello di cui tutti abbiamo bisogno,
è l'amore di Dio come lo descrive a un certo punto san Paolo:
<< mentre eravamo ancora peccatori, Cristo morì per noi>> (Romani 5,8).
Un amore che ti sceglie senza condizioni, che non ti chiede prima di cambiare.
Mia mamma e mio papà mi hanno voluto bene così:
io sapevo che avrebbero dato la vita per me in quel momento,
senza chiedermi prima di essere migliore, di cambiare, di prendere otto a scuola,
di laurearmi...Senza condizioni: questo è l'amore.
Franco Nembrini

(cit. in " In Cammino con DANTE" pag.66 ed. Garzanti €16)

  
 

 

 

 

Venerdì 05 maggio

News

Esuli in patria. Cosa c'è su Tempi in edicola
di Redazione

Economia

Alitalia, Marzano: vi spiego come rimettere in piedi la compagnia
di Mariarosaria Marchesano

Il Deserto dei Tartari

Marine Le Pen e Macron per me pari sono
di Rodolfo Casadei

Esteri

Francia. Finkielkraut attacca Macron: «Strumentalizza lo sterminio degli ebrei»
di Leone Grotti

L'Isis sgozza donne e bambini in un campo profughi
di Redazione

Belgio, gli ospedali cattolici dicono sì all'eutanasia. Bufera nella Chiesa
di Leone Grotti

Dammi i tuoi ovuli e ti regalo la fecondazione. Il business miliardario (illegale) della fertilità
di Redazione

Iraq. "Ritorno alle radici". I cristiani nella Piana di Ninive
di Redazione

Nigeria. Vescovo: «Governo più in sintonia con gli assassini fulani che con le vittime cristiane»
di Redazione

Società

Ma quale biotestamento. «L'unica legge che conta è quella della relazione»
di Caterina Giojelli

Eutanasia. Uno studio smonta i luoghi comuni sulla "dolce" morte
di Leone Grotti

Trasformare un embrione «inutilizzato» in un gioiello
di Francesca Parodi

Chiesa

È "venerabile" il cardinale Van Thuan, che convertiva i comunisti in carcere
di Redazione

Gli Stati Uniti premiano suor Carolin, "donna coraggiosa" che lotta per dare un futuro alla Siria
di Redazione

 

Martedì 02 maggio

Esteri

Francia. La famiglia è "arcobaleno" secondo Macron
di Leone Grotti

«La Chiesa condanni Le Pen». Quella strana voglia di ingerenza dei giornali francesi
di Leone Grotti

«I cristiani iniziano a tornare ad Aleppo. Ma manca l'elettricità»
di Redazione

L'Onu ha eletto un nuovo paese a difesa dei diritti delle donne: l'Arabia Saudita
di Redazione

Società

«Non ho mai conosciuto un malato autodeterminato a sospendere le cure»
di Caterina Giojelli

Interni

Guazzaloca, il macellaio che strappò Bologna alla sinistra «grazie alla sua grandezza umana»
di Francesca Parodi

Economia

La mancata strategia di Alitalia
di Francesca Parodi

Alitalia e il pasticcio del referendum. «Comprarla oggi è un suicidio»
di Francesca Parodi

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

FATIMA

Posted: 05 May 2017 10:39 AM PDT

Ricevo e diffondo:

Convegno “Cento anni dopo: Fatima, la grande speranza”. mercoledì 24 maggio, alle ore 17,00 all’Ambrosianeum, Via delle Ore, 3, Milano (dietro la Curia Arcivescovile). Relatori: S.E. Mons. Athanasius Schneider O.R.C., Vescovo ausiliare dell’Arcidiocesi di Maria Santissima in Astana, Kazakhstan; Avv. Gianfranco Amato, presidente Giuristi per la Vita. Presenta: Julio Loredo, giornalista. Modera: avv. Benedetto Tusa, presidente Circolo La Rocca.

 

“GIULIA”

Posted: 30 Apr 2017 11:17 AM PDT

Ricordate la povera donna veneta di 41 anni che voleva abortire ma è stata rifiutata da ben 23 ospedali? Impossibile mancare la notizia, ne avevano parlato, scandalizzati, i maggiori quotidiani. Scrive Costanza Miriano nel suo blog: «I magistrati che hanno indagato sulla denuncia della Cgil, il procuratore aggiunto Valeria Sanzani e il comandante dei Nas, Marco Passarelli, hanno concluso che le tante telefonate la donna le ha fatte in preda a uno “stato di ansia”, e che nessun ospedale l’ha respinta (…). Ha fatto la visita una settimana dopo e ha abortito tre settimane dopo, nel pieno rispetto dei termini della 194». Gli scandalizzati di cui sopra? Zitti e mosca. E la guerra alle fake news? Seeeh!

 

 

 
 

 

 

Domenica 30 Aprile 2016

   

Vincenzo La Gamba


@ La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Lo riconobbero nello spezzare il pane» New York, La Liturgia di Domenica 30 Aprile 2017, III DOMENICA DI PASQUA (ANNO A)

 

 

 

Memorare, di Pino Mulone

 

La ribellione totalmente irrazionale dell'uomo, Domenica 30 Aprile 2017
[...] la figura di Capaneo è sempre rimasta per me l'immagine più potente
della ribellione totalmente irrazionale dell'uomo.
Perché dico totalmente irrazionale?
Perché, se appena uso la ragione, qual è la prima evidenza che noto
a proposito della mia vita?
Che non mi faccio da me.
Non c'ero e adesso ci sono.
Non mi sono fatto da me, e non mi faccio da me ora:
che io continui a respirare, che il mio cuore continui a pulsare,
dipende da una forza che non faccio io.
La prima evidenza della vita è che io dipendo.
Anche un ateo leale con l'evidenza non può non riconoscerlo:
da Dio o dalla natura, comunque io dipendo.
Una vita davvero umana, una vita secondo la statura umana,
una vita secondo la grandezza della ragione umana,
non può non partire da questa evidenza:
l'evidenza di una originaria dipendenza.
Franco Nembrini

(cit. in "In Cammino con DANTE" pag.88 ed Garzanti €16)

 
 

 

 

 

Venerdì 21 aprile

News

"Noio volevam savuar". Cosa c'è su Tempi in edicola
di Redazione

Esteri

Parigi. L'attentato ai Champs Elysees e il voto di domenica
di Leone Grotti

Francia, bambina nasce con la sindrome di Down. Ospedale deve risarcire i genitori
di Redazione

Francia. Se vince Le Pen è «la fine dell’Unione Europea»
di Francesca Parodi

Pakistan. Il processo di Asia Bibi potrebbe «riprendere a breve, forse già a giugno»
di Redazione

Erdogan getta la maschera. «Sogna l'impero ottomano "contro i crociati"»
di Francesca Parodi

Tv, schede, ideologia. Come Erdogan ha vinto il referendum in Turchia
di Francesca Parodi

Cultura

La «situazione esplosiva dell'Europa» spiegata da Benedetto XVI
di Bendetto XVI

Chiesa

Cardinale Sarah: «L'Africa è diventata una discarica in cui riversare contraccettivi e armi»
di Redazione

Società

Chi l'ha detto che a Pasqua non succedono miracoli?
di Stefano Lorenzetto

Politica

Torino. Il bilancio di previsione di Chiara Appendino «non sta in piedi»
di Francesca Parodi

Cultura

Cosa ci insegna oggi l'eccidio di Porzûs
di Francesca Parodi

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

TERRONI

Posted: 25 Apr 2017 10:37 AM PDT

A Pontida, nel prato usato dai leghisti, il megaraduno di Orgoglio Terrone in risposta alla visita (con disordini) di Salvini a Napoli. Nessun timore di scontri coi centri sociali: i leghisti non ne hanno.

 

 

Gli sceneggiatori sono stanchi
http://oraprosiria.blogspot.it/2017/04/gli-sceneggiatori-sono-stanchi.html
7 giugno 2011: «Arrestata in Siria la blogger di “A gay girl in Damascus”». «Era la voce della libertà in un Paese in cui ogni diritto è calpestato. Era una donna, era lesbica. Amina Abdallah Arraf cercava di gridare al mondo il disagio e i soprusi che le persone ogni giorno vivono in Siria. Lunedì un'auto dei servizi segreti l'ha prelevata e di lei si è persa ogni traccia». Pochi giorni dopo si scopre che Amina, che da mesi teneva banco col suo blog, era Tom McMaster, un americano che scriveva da Edimburgo.
Quando si parla di “fake news” teniamo in mente questa vicenda: un isolato come Tom McMaster ha imbrogliato l’intero sistema mediatico. E quindi chi davvero gestisce l’informazione non ha difficoltà a creare notizie false.
I vaccini contro le fake news sono tre: un ampio archivio di notizie certe, una memoria viva e allenata, un uso continuo della logica. E poi ci sono alcune linee guida:

Una ottima investigazione sul falso attacco al gas di Khan Shayhum che mentendo, con arroganza e contro ogni evidenza gli USA e l’Europa continuano a sostenere.
Non solo la vicenda non regge, ma purtroppo siamo passati direttamente alla rappresaglia con 59 missili tomahawk e ieri alle sanzioni.
Per avvallare la loro falsa verità, loro millantano prove dei servizi segreti mai mostrate. Quella che segue è la dimostrazione che si ha la passione e la ragionevolezza di cercare, chiunque può arrivare a conoscere la verità.

Niente Sarin, solo una messinscena organizzata prima. Stupisce che gli analisti di Washington in venti giorni non se ne siano accorti.

Siria, l’attacco coi gas a Khan Shaykhun (Idlib)
http://www.vietatoparlare.it/siria-lattacco-coi-gas-khan-shaykhun-idlib/

Analysis of evidence contradicts allegations on Syrian gas attacks

http://theindicter.com/analysis-of-evidence-contradicts-allegations-on-syrian-gas-attacks/

Il video che smaschera la bufala di Idlib:
 
http://www.sibialiria.org/wordpress/?p=3347
BY - · 20 APRILE 2017

Il “Sarin di Assad” a Idlib nell’aprile 2017: una bufala che rischia di scatenare la Terza Guerra mondiale (e/o far vincere un altro Premio Oscar a George Clooney e ai suoi White Helmets). Per analizzarla in molti dei suoi aspetti, questo video (postato sia su Youtube che su Facebook).
Il tutto con una linkografia (in continuo aggiornamento) di riferimento.
Buona visione.
Francesco Santoianni

 
 
 

 

 

Domenica 23 Aprile 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Otto giorni dopo venne Gesù» New York, La Liturgia di Domenica 23 Aprile 2017, II DOMENICA DI PASQUA o della Divina Misericordia (ANNO A)

 

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Veramente vale la pena essere nati? Domenica 23-04-2017
[....] veramente vale la pena essere nati?
E' la domanda che ci assale quando la vita, pur con tutta la sua bellezza,
con tutta la sua promessa, ci mette alle strette:
perché vale la pena essere nati?
[...] non sarebbe valsa la pena  essere nati se non avessimo la speranza di una vita compiuta , per sempre.
Come ci ricorda la lettera agli Ebrei, vivere sarebbe una condanna,
perché tutti vivremmo nella paura della morte,
[....].Invece noi possiamo riconoscere la positività ultima della creazione,
della vita dell'uomo, della vita di ciascuno di noi,
alla luce della vittoria di Cristo,
perché lì trova risposta compiuta la grande domanda sul significato della nostra vita..
[.....] Senza la risurrezione di Cristo, che cosa sarebbe la vita, quale sarebbe il suo significato?
[....] Don Giussani non usa mezzi termini:
<<Senza la risurrezione di Cristo, c'è una sola alternativa: il niente>>
Juliàn Carròn

(cit. in "Esercizi della Fraternità di Comunione e liberazione 2015)

 
 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

  

LONDRA

Posted: 20 Apr 2017 08:16 AM PDT

L’agenzia Corrispondenza Romana ci informa che a Londra in dieci anni sono state chiuse 500 chiese e aperte 423 moschee. Certe chiese, anche cattoliche, sono state trasformate direttamente. In certe parrocchie sono rimasti una decina di fedeli. Non stanno meglio anglicani, protestanti ed ebrei. Pure il sindaco è musulmano…

 

 
 

 

 

Domenica 16 Aprile 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Egli doveva risuscitare dai morti» New York, La Liturgia di Domenica 16 Aprile 2017, DOMENICA DI PASQUA - RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A)

 

La Gamba Vincenzo - America: «Brooklyn: La  35.ma Processione del Venerdì Santo nel segno della fede», New York-Brooklyn, 14 Aprile 2017

Memorare, di Pino Mulone

 

La condizione umana del cristiano è radicalmente cambiata. Domenica di Pasqua, 16 aprile 2017
Grazie alla fede nella risurrezione di Cristo, la condizione umana del cristiano è radicalmente cambiata.
Sa che deve morire, che la sua vita è un inesorabile cammino verso la morte.
Ma possiede qualcosa che lo distingue dal non credente:
ha la certezza che il suo ingresso nella morte sarà, come è stato per Cristo,
un ingresso nella risurrezione, nella vita senza necessità né possibilità di morire.
Detto con le parole di sant'Agostino, il cristiano ormai ormai non conosce solo due istanze,
nascere e morire, bensì tre; nascere , morire e risuscitare.
Apparentemente, la morte non è cambiata; e di fatto, per quelli che - come dice san Paolo-
non hanno speranza, non è cambiata.
Per il cristiano, invece, mediante la morte e la risurrezione di Cristo la morte ha perso la sua efferatezza
e si è trasformata in cammino verso Dio, verso la vita di Dio, insieme a Cristo.
Per questo la vita del cristiano non sarà più un cammino penoso, implacabilmente schiavo del timore della morte.
Ma tutto ciò a una condizione:
che la sua fede in Cristo morto e risorto sia sempre una realtà viva, che tale fede sia
- nel senso più reale del termine - il suo pane quotidiano.
Mariano Herranz

(cit. in "San Paolo attraverso le sue lettere" pag. 180 ed.Marietti 1820 €26)

 
 

 

 

 

Martedì 04 aprile

Interni

L'Unione Europea è morta. Per salvarla, trasformiamola nella Svizzera
di Francesca Parodi

Cosa sappiamo dei presunti jihadisti che minacciavano un attentato a Venezia
di Redazione

«La legge sul testamento biologico danneggia medici, pazienti e cure palliative»
di Redazione

Esteri

Cosa sappiamo finora dell'attentato a San Pietroburgo
di Redazione

Nessuno parla più del rapporto tra Zika e microcefalia. Indovinate perché
di Leone Grotti

All'università di Hull voti bassi a chi non usa linguaggio gender-neutrale
di Redazione

Politica

Energie per Forza Italia. Lettera a Berlusconi
di Luigi Amicone

Un Renzusconi per battere i grillini in Sicilia?
di Nuccio Molino

Società

Paranoia Fact-Checking
di Caterina Giojelli

Autismo. Ecco la goccia che scava la pietra
di Caterina Giojelli

Cultura

Viaggio ragionato alla Fiera del libro per ragazzi (mica solo diari per schiappe)
di Francesca Parodi

 

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

SEMINARISTI

Posted: 15 Apr 2017 10:43 AM PDT

L’Annuario Pontificio dice che sono 1.285 milioni i cattolici (di battezzo, s’intende) nel mondo. Però non è più in Europa la patria del cristianesimo: qui i seminaristi sono diminuiti del 9,7% in 5 anni. E in certi Paesi non ce n’è neanche uno. Qualcosa vorrà pur dire.

 

 

 
 

 

 

Domenica 09 Aprile 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «La passione del Signore» New York, La Liturgia di Domenica 9 Aprile 2017, DOMENICA DELLE PALME (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

il problema della vita non è ... , Domenica 9 Aprile 2017
[...] il problema della vita non è accontentarsi, ma essere contenti.
Sono due cose diversissime.
Essere contenti è lo scopo della vita,
è sempre intrapreso e mai compiuto,
il desiderio di essere contenti è proprio quel che spinge Dante al cammino della Commedia,
è quello che muove ciascuno nella vita a continuare a cercare.
Accontentarsi è invece l'inferno,
legarsi a particolari che non hanno consistenza,
offrire una dedizione incondizionata a realtà effimere.
Afferrarsi, come Farinata, a un particolare,
e di quello fare il proprio idolo,
affermandolo contro tutti e contro tutto.
Franco Nembrini

(cit. in "In cammino con DANTE" pag.86 ed Garzanti €16)

 
 

 

 

 

Venerdì 07 aprile

News

"Processo al giornalismo". Cosa c'è su Tempi in edicola
di Redazione

Esteri

Usa attaccano la Siria. Abou Khazen: «Perché vogliono decidere loro per noi?»
di Leone Grotti

Attacco chimico in Siria. C'è un problema di affidabilità delle fonti
di Leone Grotti

Reportage da Rotterdam, la città dove il multiculturalismo ha fallito
di Rodolfo Casadei

Europa, attentati in aumento del 174 per cento nel 2016
di Redazione

Il martirio di Zakhar. «Pentiti, infedele. Convertiti all'islam e avrai salva la vita»
di Leone Grotti

Politica

«Se Renzi apre la crisi per la mia elezione il Paese gli ride dietro»
di Nuccio Molino

Chiesa

Si avvicina il novantesimo compleanno di Benedetto XVI, testimone della fede pasquale
di Kurt Koch

Società

Comunque è stato Putin
di Pietro Piccinini

Le "sopravvissute" alla schiavitù della prostituzione
di Francesca Parodi

Affrontare lo sciopero selvaggio col tacco dodici
di Caterina Giojelli

Cultura

L'attualità dell'antico nel contributo di Marta Sordi
di Francesca Parodi

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

KATTOLICO

Posted: 30 Mar 2017 09:47 AM PDT

Che ci faceva l’italiana suor Blandina con Billy The Kid? E che ci faceva il fratello di Nino Bixio nella guerra di secessione? E che cosa aveva sognato esattamente la moglie di Pilato? Queste e altre domande, con relative risposte, le troverete nella mia ultima fatica: «Il Vangelo fa parte del paesaggio?» (Fede & Cultura, pp. 225, €. 19). Non perdetevelo, mi raccomando.

PAESIAVANZATI

Posted: 05 Apr 2017 07:24 AM PDT

Secondo un sondaggio dell’Agenzia europea per i diritti fondamentali (Fra) questa è la classifica europea della violenze sulle donne. Prima la Danimarca (52%), poi la Finlandia (47%) e la Svezia (46%). A seguire Paesi Bassi (45%), Francia e Gran Bretagna (44%); l’Italia per ora è al diciottesimo posto (27%).

 

 

La situazione internazionale torna gravissima grazie alla malafede di molti
La descrizione breve di quando è successo e la contraddiione di condannare prima di una verifica, prendendo per buone le dichiarazioni e i video dei jihadisti
http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2017/4/6/STRAGE-DI-BAMBINI-IN-SIRIA-Dalle-finte-prove-ai-depistaggi-che-nascondono-le-verita-scomode/758159/

 

 

 

 

Domenica 2 Aprile 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Io sono la risurrezione e la vita» New York, La Liturgia di Domenica 2 Aprile 2017, V DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Se l'inferno è il luogo dell'assenza di Dio, Domenica 2 Aprile 2017
Se l'inferno è il luogo dell'assenza di Dio, è il luogo
dell'assenza della misericordia, dell'impossibilità
di cambiamento e di perdono.
[....]
Quando sei inferno per tua moglie, per i tuoi figli?
Quando li guardi e li crocifiggi al loro male, al loro difetto, al loro limite.
L'inferno è proprio un modo con cui ci si tratta,
perché se io ti incontro e di te vedo solo il limite e ti identifico con quel limite,
io ti tratto da inferno:
ti condanno senza appello, non c'è possibilità di redenzione, non c'è salvezza.
Non può cambiare niente, nulla di nuovo può avvenire:
questo è l'inferno, quando niente può più cambiare perché il male ha
detto la parola definitiva.
Franco Nembrini

(cit. in "In cammino con DANTE" pag.15 ed. Garzanti €16)

 
 

 

 

 

Venerdì 31 marzo

Interni

Cosa sappiamo dei presunti jihadisti che minacciavano un attentato a Venezia
di Redazione

Sindaca Appendino, se davvero vuole privilegiare le periferie, non tagli i contributi alle paritarie
di Cesare Nosiglia

«Sono scuole pubbliche». Più punti in graduatoria per i prof delle paritarie
di Francesca Parodi

«Le benedizioni pasquali a scuola sono legittime». Sconfitta la crociata laicista
di Redazione

Meno ceri, più lampadine. Intervista a Stefano Parisi
di Emanuele Boffi

L'utero in affitto è illegale ma «il fatto non costituisce reato»
di Redazione

Società

Pentobarbital. Lo stesso farmaco per l'eutanasia e la pena di morte
di Lucetta Scaraffia

Esteri

Siria. Trump ha capito in due mesi quello che Obama non ha voluto vedere per cinque anni
di Leone Grotti

Tunisia. Minoranze religiose e omosessuali ancora discriminati
di Redazione

Dice che l'aborto è «omicidio». Viene attaccato. Dalla Chiesa cattolica belga
di Leone Grotti

Venezuela, abolito il Congresso. Maduro sempre più dittatore di un paese in rovina
di Redazione

Allarme populismo-razzismo-estremismo in Francia? Leggete questi dati
di Redazione

Chiesa

Riapre la cattedrale di Carpi e la comunità «ritrova la sua casa»
di Francesca Parodi

 

 

Mercoledì 29 marzo

Chiesa

Così la visita di Francesco ha rivelato Milano a se stessa. La sfida cristiana al mondo
di Renato Farina

Interni

Sulla pillola dei 5 giorni dopo il vero "boom" che va registrato è quello delle bugie
di Caterina Giojelli

250 giuristi contro il biotestamento: le chiamano “disposizioni anticipate di trattamento” ma è eutanasia
di Centro Studi Livatino

Società

Uno stereotipo ci salverà
di Caterina Giojelli

Esteri

«Tutti ci trattano da terroristi. Sappi che noi abbiamo solo terrorizzato i francesi infedeli»
di Redazione

Canada legalizzerà la marijuana, ma in Uruguay e Colorado non è stata una buona idea
di Leone Grotti

«Sono stata in un inferno che si chiama Boko Haram»
di Francesca Parodi

«Putin non è Hitler. Negoziare con lui conviene a tutti». La lezione di Kissinger
di Redazione

Yemen. I bambini sono le prime vittime dell'orrore della guerra
di Redazione

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

 

TREGIORNI

Posted: 05 Mar 2017 10:50 AM PST

Quand’è che a Dante venne in testa di scrivere la Divina Commedia? E’ vero che gli ultimi tredici canti del Paradiso sono andati perduti? E come descrivevano l’aldilà i grandi autori della letteratura greca e latina? E chi diavolo era veramente Beatrice? Lo sapevate che il capolavoro massimo del genio italico è stato tradotto in tutte le lingue del mondo? E Dante? Ha ragione il cantautore Venditti a chiedersi se «era un fallito, un servo di partito»? E com’è che parteggiava per l’imperatore, visto che era di parte guelfa? Giovanni Fighera risponde a tutto, tranquilli. cfr. Giovanni Fighera, Tre giorni all’Inferno. In viaggio con Dante (Ares, pp. 176, €. 13).

GHAZALI

Posted: 20 Mar 2017 10:41 AM PDT

«Bisogna riconoscere che la spada o la frusta sono talvolta più utili della filosofia o della convinzione. E, se la prima generazione non aderisce all’islam che con la lingua, la seconda aderirà anche con il cuore e la terza si considererà come musulmana da sempre» (Al Ghazali, famoso teologo musulmano, morto nel 1111).

 

 

 

 

 

 

Mercoledì  7 Dicembre 2016

   
@ «AUGURISSIMI, SAN NICOLA. Il sei dicembre prossimo tutti i calendari sono d’accordo: San Nicola di Bari. San Nicola è il Santo protettore di Galatro e si spera che resti a lungo il Patrono di Galatro per guidarlo, proteggerlo, dare alla gente pace e serenità, confortare gli ammalati, far crescere buoni ed onesti i bambini, raddrizzare qualche testa storta, frenare l'esodo che sta spopolando il paese, dare entusiasmo ai pochi rimasti, ispirare a chi di dovere idee per fatti concreti e non per bla, bla, bla ...»,
Cordiani
Carmelo, Galatro (RC),  4 Dicembre  2010
 

 


@ «Il Maestro, il Sindaco Bruno Marazzita. Ciao, Galatrese Bruno. Ricreatore di entusiasmo. Per farisei sei il “mostro”, per i pubblicani, ancora in vita, sei stato e resti il benefattore di Galatro»,
 di Carmelo Cordiani, Galatro (RC), 7 Dicembre 2007
 

 

 

 

@  Il Santo del giorno:
  -Tracce
   -santi, Beati, Testimoni

@  PAPI NELLA STORIA

@  MAGISTERO

 

 

News

 

Brooklyn  News

Rete 4 - Il terzo indizio: Terza puntata
La ragazza del Lago - Anguillara
Federica Mangiapelo
Venerdì 16 Dicembre 2016

Da Mediaset On Demand clicca qui

Archivio

 

Galatro Blog


@
«In Memoria della Signora Franca Cannatà. Zia Franca. Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
ma non avessi la carità,
sarei un bronzo risonante o un cembalo squillante.
», Galatro, Giovedì 28 Aprile2016

@ San Pio da Pietralcina:  «Padre Pio nella mia vita, quando lo straordinario era quotidiano. Appunti della vita del Dottor Francesco Lotti, collaboratore e figlio spirituale di San Pio da Pieltralcina» di Angelo Marazzita, Galatro, 16 Agosto 2015 Festa di San Rocco

@ am: «Italia il bancomat dei terroristi, San Nicola! La generosità di Gianna e gli stravanti aiuti di Greta e Vanessa» Galatro, Sabato 24 Gennaio 2015

am: «Parigi val bene una messa, San Nicola! In margine all'attentato al giornale “Charlie Hebdo” di Parigi il 7 Gennaio 2015» Galatro, Sabato 10 Gennaio 2015

am: «L'Europa rinascerà? San Nicola! L’Europa ha perso per strada molti dei suoi ideali. La vera emergenza odierna» Galatro, Sabato 24 Maggio 2014

am: «Suicidarsi a 13 anni, San Nicola! Sabato mattino una leggera ed esile pioggia, quasi reverenziale, ha accompagnato il funerale di una giovanissima ragazza, una tredicenne. La cronaca nera di una cittadina a ridosso di Torino questa volta è generosa di dettagli» Galatro, Lunedì 21 Aprile 2014

am: «La primavera, San Nicola! Tutto è diverso, tutto è nuovo. Il Destino non ha lasciato solo l’uomo. Il Destino si è reso incontrabile, verificabile» Galatro, Giovedì 10 Aprile 2014

@ am: «La notte degli Oscar, San Nicola! Era una giornata bellissima, primaverile e tiepida. Gli amici sbucavano all’improvviso e alla spicciolata. La compagnia si ricomponeva. Uno degli amici aveva lo sguardo sospeso in aria e a tratti sembrava che calpestasse qualcosa per terra. Di punto in bianco esordì: “Avete visto domenica scorsa gli Oscar?"» Galatro, Mercoledì 12 Marzo  2014

@ am: «La Bulla e le Nuove Periferie, San Nicola! Un timido sole di metà febbraio ci ha invogliato a spingerci a fare una lunga passeggiata sino alle Terme, quelle che Bruno “Il Sindaco” considerava l'oro del Paese. Le poche macchine che intercettavamo lasciavano inalterato tutto l'ambiente, non alteravano la tranquillità che ci invadeva e ci permetteva di parlare con trasporto senza doverci urlare addosso, come invece vediamo accadere sistematicamente in tutte le trasmissione televisive. Ma la questione della “Bulla” di Bollate non ci lasciava tranquilli. “Avete visto cosa ha fatto la bulla ai primi di febbraio, fuori dalla scuola, con la sua tuta grigia e la borsetta a tracolla? Ha insultato e picchiato una ragazza, che forse le ha soffiato il ragazzo, con una semplicità disarmante”, ci raccontava un amico» Galatro, Domenica 16 Febbraio  2014

@ am: «Cannabis … per avere giovani storditi e passivi, San Nicola! Qualche giorno addietro approfittando di un pomeriggio ancora soleggiato ma freddo, con il solito gruppo di amici, facemmo una passeggiata lungo la strada che porta alle Terme, quella strada che “'u Sindacu” fece costruire proprio per agevolare l'accesso alle terme. Si chiacchierava sui festeggiamenti a Montevideo in Uruguay per la liberalizzazione del consumo di marijuana» Galatro, Domenica 2 Febbraio  2014

@ am: «Buon Anno, San Nicola! Le feste di Natale sono appena finite e si ricomincia con le passeggiate in piazza. Un anno nuovo non è diverso dal precedente. I pochi emigranti che erano venuti al paese, per ritrovare i loro cari, sono ormai andati via e pochi sparuti gruppetti hanno ripreso le salutari consuetudini. Da alcune sere si riesce a passeggiare piacevolmente. Non c'è un freddo eccessivo. Si conversa amabilmente ma gli argomenti toccati agitano sempre gli animi» Galatro, Domenica 12 Gennaio 2014

@ am: «L'invidia, San Nicola! Parlare delle vicende sportive ha un effetto: infiammare gli animi. Nelle fredde serate invernali questo è un grande beneficio. Le passeggiate  diventano sempre più corte, come i giorni, mente l’invidia per il successo riportato dalla squadra avversaria, cresce. Nelle vicende politiche nazionali e locali, l’invidia è padrona sovrana. Per non parlare dell’invidia sul luogo di lavoro, pubblico o privato che sia, … e l’elenco potrebbe continuare… ché a tutte un fil di ferro il ciglio fora/ e cuce si come a sparvier selvaggio …» Galatro, Lunedì 16 Dicembre 2013

@  am: «La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, che splendore San Nicola!"  Che c'è d'allegro in questo maledetto paese?" gridò l'Innominato di Manzoniana memoria. Questa battuta infiammò la discussione serale in piazza. Il commento dei fatti politici, degli scioperi nelle varie città italiane, non dava adito a possibili vie di fuga. Il disagio, l’ intolleranza, l’ insofferenza verso tutto ciò che non andava bene, prendeva il sopravvento» Galatro, Martedì 10 Dicembre 2013

@  am: «John Fitzgerald Kennedy un mito o il nuovo, San Nicola? Ripercorrere quanto stava sucedendo cinquant'anni fa in america, con quegli gli occhi di un bambino o di un adolescente, rende ancora oggi struggente il ricordo vivissimo di quelle sbiadite immagini in bianco e nero che arrivavano su quell'unico canale televisivo che esisteva. Arrivavano da un mondo lontanissimo che un'improvvisa tragedia rese incredibilmente e dolorosamente vicino. Il mondo era certamente molto diverso. Quelle vicende si fissarono molto più facilmente nel cuore e nella mente, sebbene i mezzi di comunicazione fossero quelli che erano» Galatro, Sabato 30 Novembre 2013

@ am: «Bomba d’acqua, San Nicola! Non erano passati che pochi giorni dalla chiacchierata su “Piove, governo ladro!” che una vera bomba d’acqua si stava abbattendo sulla Sardegna e su di noi. “Una bomba d’acqua sulla Sardegna”, “Un inferno d’acqua sulla Sardegna”, “Il ciclone Cleopatra fa una strage” , “Il ciclone Cleopatra semina morte, terrore e distruzione in Sardegna”, “Sardegna in ginocchio” ... questi i titoli dei vari giornali che leggevamo per capire cosa stesse succedendo» Galatro, Martedì 26 Novembre 2013

@ am: «Piove, governo ladro! San Nicola. Sino a pochi giorni orsono ero fermamente convinto che “Piove, governo ladro!” fosse un’imprecazione inventata nell’era della Prima repubblica, ma in questi giorni mi sono ricreduto. Visitando la mostra “Casimiro Teja, sulla vetta dell’umorismo”. Con mio grande stupore ho scoperto che correva l’anno 1861 quando Casimiro Teja usò questa espressione a corredo di una vignetta che illustrava un comizio indetto dai mazziniani ed interrotto a causa della pioggia. Per certi versi i mazziniani dell’epoca si potrebbe dire sono i grillini di oggi: ai mazziniani ieri, come ai grillini oggi, non andava mai bene nulla. L’imprecazione, però, andava bene allora come va bene oggi per la Prima, la Seconda e la Terza repubblica» Galatro, Sabato 16 Novembre 2013 ... continua a leggere

@  am: «Ognuno ha un prezzo, San Nicola! Quando muore un amico e viene celebrato il funerale ti accorgi che non tutti i funerali sono tristi. La chiesa è piena zeppa delle persone più diverse, gente del popolo, ex colleghi di lavoro, amici e nemici. Tutti hanno bisogno di ringraziarlo per aver reso migliore la propria vita. Il valore di quell’amico lo si vede lì. Poi nei  giorni scorsi leggendo i giornali, ascoltando i telegiornali, si restava sbigottiti nel sentire che alcune minorenni offrivano prestazioni sessuali in cambio di una ricarica telefonica. Per complicare il tutto si aggiungeva anche la notizia che qualche madre prendeva la percentuale sui proventi della prostituzione della propria figlia quindicenne. Era troppo. Tutto diventava insopportabile e rinasceva spontanea la domanda: "Qual' è il valore della nostra vita?"» Galatro, Sabato 9 Novembre 2013

@  am: «Il Papa spiato, San Nicola! Il Papa, gli spionaggi e i social network» Galatro, Sabato 2 Novembre 2013

@  am: «La chiave che apre la porta alla fede, San Nicola.  Immaginate una chiesa chiusa nella quale la gente, che passa davanti non può entrare e da dove il Signore che è dentro non può uscire. Ecco sovente molti cristiani hanno in mano la chiave e la portano via, non aprono la porta; o peggio, si fermano alla porta e non lasciano entrare» Galatro, Sabato 26 Ottobre 2013

Don Giuseppe Calimera: «“Beato l'uomo che confida nel Signore”... è con questa esclamazione che voglio salutare il Professore Cordiani. Ho voluto scegliere questa frase del Salmo 1 perchè così mi piace ricordare il professore, uomo timorato di Dio, uomo che confidava in Dio, uomo che aveva sempre il pensiero alle cose di Dio. Posso confermarlo sopratutto pensando a qualche mese fa quando lui stesso mi chiamò che voleva confessarsi e ricevere il sacramento dell'unzione. Non poteva essere diversamente essendo uscito da una formazione Salesiana dove ha ricevuto i principi cristiani, i valori umani, la conoscenza di Dio, che lui non ha mai smesso di trasmettere a chiunque lo incontrava. Galatro oggi perde un altro dei suoi figli che ha segnato le pagini di questo paese e ha servito questo paese formando diverse generazioni di ragazzi. Avendo studiato pedagogia non poteva che uscirne un uomo, un maestro di vita di valori fondati. La pagina della storia di Galatro da un lato è ricca di figli che hanno dato la vita per questo paese, da un altro lato è povera perché perde un suo figlio che poteva essere ancora strumento di crescita», Omelia per il Funerale di Carmelo Cordiani, Galatro, Domenica 20 Ottobre 2013

Gli amici di Carmelo Cordiani: «QUANDO NOI VEDREMO TUTTO, SAN NICOLA! Era da qualche giorno che il banco davanti a San Nicola era vuoto. Eppure Carmelo non aveva fato altro che raccomandarsi con i suoi amici di andare a trovare il suo Santo protettore, specialmente ora che doveva continuamente rifare il tagliando. Così gli piaceva ricordare i suoi continui viaggi della speranza per rimettere in sesto il suo corpo martoriato. Pieni di dolore e tristezza ci sedemmo al solito posto, ma neanche il tempo di aprire bocca che subito il Santo sbottò.», Galatro, Sabato 19 Ottobre 2013

@ Cordiani Carmelo: «QUANTA MISERICORDIA, SAN NICOLA!. Mi alzai piano piano perché volevo spendere ancora due parole davanti al Tabernacolo. Mi venne a mente di dire a Gesù che, senza la sua presenza nella nostra vita, ci sentiamo vuoti e inutili. Gli dissi anche di scuoterci, quando persistiamo in un atteggiamento orgoglioso che ci tiene distaccati e ci fa credere autosufficienti. Ma anche qui intervenne San Nicola…», Galatro, Domenica  22  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «COSA VUOLE IL SIGNORE, SAN NICOLA? Lo sai che, a volte, ci mandi fuori strada? Nel libro della Sapienza riconosci Tu stesso che il nostro corpo corruttibile appesantisce l’anima e la tenda d’argilla opprime una mente piena di preoccupazioni. Affermi, inoltre, che a stento immaginiamo le cose della terra, scopriamo con fatica quelle a portata di mano. Come possiamo, allora, conoscere il tuo volere? Come possiamo stabilire una relazione con Te se non sappiamo chi sei e cosa vuoi? Addirittura, tramite Luca ci dici che se amiamo il padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli… più di Te non possiamo essere tuoi discepoli. E di chi, allora? Rimaniamo chiusi nel nostro vaso d’argilla, come si è espresso anche il tuo servo Francesco, continuamente in ansia che quella piccola fiammella che abbiamo ereditato, o ci hai dato, si spenga e restiamo al buio?», Galatro, Domenica  15  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «PERCHE’ ULTIMI, SAN NICOLA? “Senti un po’, San Nicola, la faccenda degli ultimi non mi convince. Possibile che tra i tanti guai che ci affliggono dobbiamo metterci da parte se ci siamo sacrificati per un posto in prima fila? Se i primi diventano ultimi e questi i primi, mi sai dire che fine faranno i primi diventati ultimi?”», Galatro, Sabato 7  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «QUANT’E’ STRETTA, SAN NICOLA ? “Abbi pazienza, mio Signore. Non solo hai ristretto la porta, ma non si passa nemmeno sforzandosi per entrare. E allora, cosa ci resta?  Prima hai dichiarato di essere venuto a gettare fuoco sulla terra, poi ci inviti alla conversione, altrimenti periremo tutti allo stesso modo, concludi restringendo la porta … mi sai dire cos’altro ci aspetta? Già è difficile capire il tuo messaggio d’amore, di perdono; quando fai queste dichiarazioni, scusami, ci scoraggi. Possibile che tutta la partita tra Te e noi debba svolgersi sul filo della fede? E chi non ce l’ha? Non ci lasci un po’ di spazio anche per capirti quando il discorso diventa, per noi, assurdo?”», Galatro, Martedì  27 Agosto 2013

@ Cordiani Carmelo: «CHE SPLENDORE, SAN NICOLA! Un tunnel di luci, via Garibaldi di Galatro. Infondo, la chiesetta della Madonna del Carmine, con il portone spalancato. Vigilia della festa e, come per tradizione, la statua era stata portata al “catafalco”, una mini processione nell’altra parte del paese, la sezione Montebello. Suoni, canti, preghiere e un commento del giovane parroco. Poi il ritorno nella chiesetta, uno spazio ricco di ricordi per chi è nato a soli cinquanta metri. Nel fiume Metramo uno spettacolo insolito, un brulicare di fiammelle al passaggio della processione... Quello che conduce alla Madonna è un percorso di luce in cui, più ti immergi, più senti il profumo di cielo .... la madre di Gesù è più onorata, sia sotto il titolo di Madonna del Carmine che quello di Maria SS. Della Montagna. E’ la madre e, con le mamme, si ha più confidenza. Anche per i pellegrinaggi è così: La Salette, Fatima, Lourdes, Loreto…luoghi sacri alla Madonne, dove apri il tuo cuore pieno di rughe e di pieghe sclerotiche, un vero labirinto in cui trovi di tutto», Galatro, Venerdì 16 Agosto 2013

@ Cordiani Carmelo: «SOLO SODOMA, SAN NICOLA? “Ma perché questo uomo, questo capolavoro uscito dalla tue mani, ha combinato e continua a combinare guai?», Galatro, Mercoledì 31 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «PORRO UNUM”! RICORDI, SAN NICOLA? D’altra parte, una sola cosa è necessaria», Galatro, Giovedì 25 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"CHE FIGURACCIA, SAN NICOLA!". Il levita ed il sacerdote passarono indifferenti. E mi ritorna ancora la riflessione di papa Francesco quando ha parlato della “globalizzazione dell’indifferenza”. Sagge parole che, un padre passionista nell’omelia di domenica, ha  allargato aggiungendo che l’indifferenza è peggiore dell’odio, perché l’odio ha un avversario di fronte. L’indifferenza annienta ogni cosa, spegne la coscienza, annulla ogni legame, isola sempre di più spingendo l’uomo verso l’egoismo squallido. Ecco, allora, che si spezza il legame tra marito e moglie, tra padri, madri e figli, al punto di cancellare ogni traccia di rapporto umano», Galatro, Giovedì 18 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"PERCHE’ DUE, SAN NICOLA?". Ci hanno pensato i nemici interni a mettere tutto in crisi ... recentemente ha sottolineato Papa Francesco, una “globalizzazione dell’indifferenza” in materia di fede, come se credere significa solo accettare quello che fa comodo ... Francesco ha detto che, quando vede suore e preti con macchine di ultima moda, sente una fitta al cuore. La macchina serve, ma se ne compri una più modesta, pensando a quanti bambini muoiono di fame. E se alle macchine aggiungiamo le ville al mare, in montagna, gli appartamenti in città?», Galatro, Venerdì 12 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"CHE RETATA, SAN NICOLA!" La fede è un grosso libro in cui si legge una parola sola: Credo», Galatro, Venerdì 5 Luglio 2013

@  Cordiani Carmelo: «SAN BRUNO 2011 ... come gli altri precedenti, quando Bruno Marazzita era il personaggio più amato e più odiato dai galatresi e dopo quel sette dicembre 2002 che fermò il suo tempo. Ma cosa si può augurare ad un amico ormai nell’eternità, al quale il nostro tempo è qualcosa così piccola e meschina che può anche non interessare?  Si è sempre tentati di parlare con un amico scomparso convinti che, vedendo le nostre cose da una dimensione immensa, le riporti al giusto valore, prive di quelle scorie che le appesantiscono, le inaspriscono, le intrecciano in maniera così complicata da rendercele incomprensibili », Galatro (RC),  Giovedì  6 Ottobre 2011

Archivio

 

Galatro

 

 

Meditazioni della Domenica

 

Memorare
Pino Mulone

 

lo Straniero
Il blog di Antonio Socci

 

 

Radio LONDRA: Giuliano Ferrara, guarda i video

SamizdatOnLine - Una via per ricominciare

 

Christmas Truce 1914
OPERATION PLUM PUDDINGS

«È meraviglioso che la tregua tra gli eserciti sia stata generata da un evento accaduto una notte di duemila anni fa». Tra gli orrori della Grande Guerra, un episodio di straordinaria umanità

 

 

Opportunità

 

Piepoli Vito

 

 

 

 

 

 


#Galatro

 ID
 

   

Tempi.  Settimanale di cronaca, giudizio, libera circolazione di idee  ... per abbonarsi a TEMPI