Terme "Bruno Marazzita"
...dopo circa un secolo di varie vicissitudini umane, di passaggi di proprietà e di cambi di gestione ...lo stabilimento termobalneare di Galatro tornava ad essere di proprietà del comune grazie all'opera instancabile del Sindaco Bruno Marazzita... Anche il nuovo palazzo delle Terme è stato ideato e voluto dall’amministrazione con a capo il Sindaco Bruno Marazzita ... che resterà nella storia di Galatro come il più importante ed il più rappresentativo amministratore di tutto il secolo appena concluso ...  il Sindaco Bruno Marazzita disinteressato e coraggioso “difensore civico”.

 

 

 

 

 

VII Incontro Mondiale Famiglie, Milano, 2012: «La Famiglia: il lavoro e la festa» :
DISCORSI BENEDETTO XVI

Sito ufficiale www.family2012.com
 

 

 

 

Benedetto XVI

> Libano, 14-16.09.12

> VII Incontro Mondiale Famiglie, Milano, 1-3.06.12

> Assemblea CEI: Il dono prezioso della fede, 24.05.12

> Arezzo: Nuovo sapore all'intera società civile, 13.05.12
> Educare i giovani alla giustizia e alla pace, 12.01.12
> Laici, cioè cristiani
, 25.11.11
>
In Calabria
9.10.11

> In Germania, 22-25.09.11
Brani scelti

> XXVI Giornata Mondiale della Gioventù, Madrid (Spagna), 18-21.08.11 

> B16 - XXVI Giornata Mondiale Gioventù: L'uomo è veramente creato per ciò che è grande , 06.09.10

> B16 in Gran Bretagna 16-19.09.10

> B16 a Torino  2.05.10

> B16, REGINA CÆLI,  Piazza San Pietro,  16.05.2010

> B16 ai Cattolici D'Irlanda, 19.03.10

> Più grande del peccato , Tracce, Aprile 2010

> Quei peccati dei preti, ferita profonda bisogna tornare alla lezione di Cristo, J. Carron La Repubblica, 4.04.10

 

 

Giuliano Ferrara

RADIO LONDRA

 

 

 

Why not

> Fango. Quando la macchina va in panne
Intervista ad Antonio Saladino, il principale indagato, la «nuova Tangentopoli» italiana risoltasi in un clamoroso flop 29.10.10

> Perché De Magistris non ci crede più
Il giornalista del Corriere sedotto e abbandonato dal giustiziere di Catanzaro rievoca la sua misteriosa metamorfosi. «Iniziata in campagna elettorale» 29.10.10
> Una Bufala finita nel nulla02.03.10
>L’accusatore finisce sotto accusa 16.03.10
 

 

 

 

 

 

 

 

Pellegrinaggio Papa BXVI
in Terrasanta,
8-15 Maggio 2009

Il programma

Servizi di Tempi.It

Servizi di Avvenire

Brani dei discorsi

 

 

 

 

Zibaldone

 

 Editoriale

 

 

 
 In evidenza

 

 

   

Domenica 26 Marzo 2016

   

Vincenzo La Gamba


 

 

 

 

 

 

Regni dimenticati

 
 

"Yazidi, Mandei, Sabei, Kalasha, Zoroastriani, Drusi, Alawiti, Copti, Samaritani. Perché i seguaci dei culti millenari vengono perseguitati dal fondamentalismo". È il tema di copertina del nuovo numero del settimanale Tempi in edicola da oggi a Milano e Roma (gli abbonati possono già leggerlo e scaricarlo qui).

 
 

COPTI. YAZIDI. DRUSI. ZOROASTRIANI. «Piccole isole che una volta erano grandi continenti». Il diplomatico veterano Gerald Russell svela la ricchezza inimmaginabile custodita per secoli dalle minoranze d’Oriente. Un tesoro che l’estremismo islamista sta spazzando via.
Di Rodolfo Casadei

 
 

NON È TUTTO FATWA E JIHAD. Alberto Negri, 37 anni da inviato di guerra, racconta le tante anime agitate ed emarginate di una religione che ha saputo anche aprirsi. In Siria, per esempio.
Di Tiziana Della Rocca

 
 

ROTTAMATORI ALLA PROVA COSTUME. Si avvicinano le amministrative e per il Pd «sarà un bagno di sangue». La ritrosia (calcolata) dell’ex segretario a metterci la faccia a Genova e Palermo.
Di Giuseppe Alberto Falci

 
 

IL RENZISMO SUL LETTINO. Lettura psico-politica della “generazione Telemaco” che pareva destinata a cambiare verso all’Italia e s’è persa in battute, tweet e iperattivismo coatto.
Di Riccardo Paradisi

 
 

GOVERNARE IN SMART WORKING. A partire da novembre quattrocento persone della presidenza del Consiglio inizieranno a lavorare fuori da Palazzo Chigi, mutuando un modello già in uso nelle grandi aziende. «È un buon affare per i conti dello Stato».
Di Mariarosaria Marchesano

 
 

GLORIA NELL'ALTO DI FACEBOOK. Non solo una «infrastruttura sociale che dia alle persone il potere di costruire una comunità globale che funziona per tutti noi». A plasmare i progetti avveniristici di Zuckerberg e compagnia è una precisa idea di umanità. O meglio, di transumanità.
Di Mattia Ferraresi

 
 

LA GRANDE FINANZA DETESTA LA LIBERTÀ. Corrado Sforza Fogliani col coltello fra i denti su famiglia, casa, scuola paritaria, Trump, Europa. E una riforma delle popolari «voluta dalle banche d’affari».
Di Alan Patarga

 
 

AREA GRIGIA, LAVORO NERO. «Voucher eliminati per ragioni ideologiche. Grave irresponsabilità della Cgil». Parla Francesco Rivolta, direttore generale di Confcommerico.
Di Francesca Parodi

 
 

LA FINE DELL'ETÀ DEL FERRO. Chi si aggiudicherà ciò che resta dell’Ilva? Chiunque vinca, trent’anni dopo, il derby padano tra Mantova (Marcegaglia) e Cremona (Arvedi), dovrà sottostare ai padroni indiani.
Di Alan Patarga

 
 

LATINI FINO AL MIDOLLO. Fra noi e i nostri antenati esiste una continuità che non riguarda solo gli studiosi e le regole della grammatica. Con loro condividiamo tutto un modo di pensare e di percepire le cose. Anche se non ce ne rendiamo conto. Un filologo spiega perché.

Di Maurizio Bettini

 
 

QUELLE MATERIE INUTILI EPPURE INDISPENSABILI. Ragioni un po’ più importanti di un curriculum scolastico “al passo coi tempi” per smettere di sottovalutare la classicità e le discipline umanistiche.

Di Alessandra Randazzo

 
 

MISTERI IRRISOLTI. Ma quale lingua si parlava davvero a Roma?

Di Leandro Sperduti

 

 

 

 

Martedì 21 marzo

Società

La Iena paracula
di Caterina Giojelli

#Leparolefannomale? Sì, ma mai quanto le ronde dei buoni
di Caterina Giojelli

Economia

«La Cgil è contro i voucher perché chi viene pagato così non si iscrive al sindacato»
di Francesca Parodi

Politica

Scalfari promuove Renzi (sia mai che torni a palazzo Chigi)
di Pietrangelo Buttafuoco

Chiesa

Cristiani perseguitati. Un gigantesco martirio che «non è mai una sconfitta»
di Francesca Parodi

Esteri

Immigrazione, i canadesi la pensano come il truce Trump (e non come beautiful Trudeau)
di Redazione

Parigi, tre attentati in tre giorni. Ma guai a parlare di terrorismo islamico
di Redazione

L'Onu ha fatto scoppiare un'epidemia di colera ad Haiti e ora non trova i soldi per fermarla
di Redazione

«Erdogan ha ragione qualunque cosa dica». La Turchia è sempre più un sultanato
di Leone Grotti

Le armi che uccidono in Siria parlano lingue balcaniche
di Rodolfo Casadei

Nigeria. Strage di Boko Haram con kamikaze adolescenti
di Redazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 19 Marzo 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna» New York, La Liturgia di Domenica 19 Marzo 2017, III DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Come fare per non essere disincantati, Domenica 19 marzo 2017
Come fare per non essere disincantati
Qual è il metodo per far sì che ogni mattina ritroviamo il mondo
( e dunque anche la nostra sposa) con la gratitudine e la meraviglia
di chi esce improvvisamente da una paralisi totale, o anche da una
totale sordità, da un totale accecamento,
da un completa lesione dei centri gustativi, da una perdita
completa dell'odorato, eccetera?
Il metodo lo suggerisce Pietro, ed è infallibile.
Consiste nel sentirsi sempre indegni - il che è abbastanza facile
se si è onesti con sé stessi.
Chesterton vede in questo sentimento di indegnità la chiave d'oro,
e anche una delle chiavi di san Pietro:
<<Il solo modo di gioire anche solo di un'erbaccia è
di sentirsi indegni anche dell'erbaccia>>.
Fabrice Hadjadj

(cit. in "Risurrezione Istruzioni per l'uso" pag.133 ed.Ares €15)

 
 

 

 

 

 

Venerdì 17 marzo

Economia

L'eliminazione dei voucher è «una mossa sbagliatissima»
di Francesca Parodi

Perché la Cgil è andata alla battaglia (ideologica) sui voucher
di Francesca Parodi

News

"La Patria desnuda". Cosa c'è su Tempi in edicola
di Redazione

Politica

Vittoriano. Dopo la copertina di Tempi, Gasparri presenta interrogazione parlamentare
di Redazione

Minzolini senatore a vita
di Pietro Piccinini

Economia

Cosa prevede il "Fattore famiglia lombardo"
di Francesca Parodi

Società

La perfetta trinità contemporanea: figlio, genitore 1 e genitore 2
di Pietrangelo Buttafuoco

Esteri

C'è una sola Aleppo. Cronaca dalla città liberata dai jihadisti
di Nabil Antaki

Wilders non vince, ma Rutte non convince
di Rodolfo Casadei

Venezuela: panettieri arrestati come criminali e donne costrette a partorire per strada
di Redazione

 

 

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

IMMIGRANTS

Posted: 15 Mar 2017 11:32 AM PDT

Anna Bono, esperta d’Africa, su La Nuova Bussola Quotidiana del 16 febbraio 2017: «A sette anni dal loro ingresso in Svezia solo il 60% circa degli immigrati svolgono lavori regolari. “Stiamo creando un nuovo sottoproletariato – dice Sten-Erik Johansson, direttore del sindacato dei lavoratori stranieri irregolari – che vivrà ai margini della società senza avere diritto alla pensione, ai permessi per maternità, a niente”». Ed è la Svezia. Il futuro è tutta una banlieue, periferia. Che il papa sia anche profeta?

 

 

 

 

 

 

Domenica 12 Marzo 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Il suo volto brillò come il sole» New York, La Liturgia di Domenica 12 Marzo 2017, II DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

La facoltà di essere liberi diventa un dramma o addirittura una tragedia, Domenica 12/03/2017
Quando non possiamo realizzare quello che vogliamo,
la facoltà di essere liberi diventa un dramma o addirittura una tragedia,
per cui, dobbiamo chiederci
perché vogliamo vogliamo quello che vogliamo.
L'infelicità è determinata certamente dal fatto
che non ci è concesso quello che vogliamo,
ma spesso e volentieri anche e soprattutto da un esercizio sbagliato
nei modi e negli scopi perseguiti.
Posso dire che sono libero quando faccio quello che voglio?
Si, ma il problema è coda voglio.
Sono più libero quando faccio di testa mia e me la rompo,
oppure quando obbedisco al dato di realtà,
o al consiglio di chi è più saggio di me?
Giancarlo Cesana

(cit. in "Ed io che sono? - tra psicologia ed educazione" ed. La Fontana di Siloe pag.93 €10)

 
 

 

 

 

Venerdì 10 marzo

Esteri

Migliaia di rifugiati musulmani si convertono al cristianesimo in Europa (e molti vengono perseguitati)
di Leone Grotti

Iraq, cristiani perseguitati. Come tornare a casa se non c'è più la casa?
di Rodolfo Casadei

Morti, roghi, violenze. Cristiani copti sotto attacco dei jihadisti
di Redazione

Cina, arrestati 80 cristiani perché «pregavano in casa»
di Leone Grotti

Siria. Triangolo militare turco-russo-americano
di Rodolfo Casadei

Società

Il "superiore interesse del minore” è non avere la mamma?
di Centro studi Livatino

I problemi del testamento biologico
di Aldo Vitale

Parlare di femminicidio senza la retorica sul femminicidio
di Caterina Giojelli

Pugni, buoi, fidanzate e altri disastri. Storia strapaesana a Offida
di Francesca Parodi

Economia

Tutte le energie che servono per spostare il macigno
di Francesca Parodi

Esteri

Immigrazione. Trump non «discrimina i musulmani», casomai ignora i cristiani perseguitati
di Leone Grotti

 

Martedì 07 marzo

Società

«L'è campà cume un pirla, l'è mòrt cume un re. Grazie». Storia della Maddalena Grassi
di Leone Grotti

Interni

Crollo natalità. «Neanche gli immigrati fanno più figli. Dobbiamo aiutare la famiglia»
di Caterina Giojelli

Calano le nascite in Italia per il sesto anno consecutivo
di Redazione

Per festeggiare l'8 marzo, più aborti e meno obiezione di coscienza
di Redazione

Ingroia indagato per peculato (non è una battuta di Crozza)
di Nuccio Molino

Esteri

Egitto. La lista dell'Isis con i nomi dei cristiani: «Andatevene o vi uccidiamo uno a uno»
di Redazione

Centrafrica. Migliaia di profughi ospitati dai frati tornano a casa dopo due anni
di Federico Trinchero

Economia

Dopo il boom in Borsa, il fantasmino di Snapchat sta già scomparendo?
di Francesca Parodi

Società

Torna il Nokia 3310, un telefono che serve a telefonare (e basta)
di Francesca Parodi

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

CHESTERTON

Posted: 10 Mar 2017 10:55 AM PST

Avere radici porta vantaggi, soprattutto se le si conosce e riconosce. «E questo vantaggio si chiama frutto». Lo «spirito del Natale» di Chesterton non ha niente a che vedere con quello dickensiano, anzi. Il Natale protestante è tutto neve, abeti, stelline, jingle bells, buonismo, regali, famiglia ristretta e accoccolata al calduccio del camino, Santa Claus, renne & slitte. Insomma, due palle (colorate). Roba da CocaCola e canzoncine dell’Esercito della Salvezza. Ma il Natale cristiano è molto più di questo. Potente, virile, paradossale. E secondario rispetto alla Pasqua. Cfr. Gilbert K. Chesterton, Lo spirito del Natale (D’Ettoris Editori, pp. 144, €. 12,90).

 

 

 

 

 

Domenica 5 Marzo 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Gesù digiuna per quaranta giorni nel deserto ed è tentato» New York, La Liturgia di Domenica 5 Marzo 2017, I DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Quando sono libero? Domenica 05 Marzo 2017
[...] quando sono libero?
La risposta immediata è che ci sentiamo liberi
quando riusciamo a realizzare ciò che vogliamo e, così, essere protagonisti della vita.
ma la constatazione che non sempre riusciamo a realizzare ciò che vogliamo,
significa che non siamo liberi?
Oppure può significare semplicemente che la nostra libertà è limitata?
La libertà è un mezzo per raggiungere la felicità,
un compimento di sé che non è ultimamente nelle nostre facoltà.
Noi possediamo gli organi per camminare, ma la meta cui arriviamo non ci basta mai,
o se ci basta, ci basta per poco.
Poi l'insoddisfazione ci riprende e ci rimette in moto.[...]
Giancarlo Cesana

(cit. in "Ed io che sono?-Tra psicologia ed educazione" ed.La Fontana di Siloe pag.93 €10)

 
 

 

 

 

Venerdì 03 marzo

News

I bannati della Terra. Cosa c'è su Tempi in edicola
di Redazione

Società

Io, disabile, vi dico: non fate una legge sull'eutanasia
di Lorenzo Moscon

Si può curare anche quando non si può più guarire
di Francesca Parodi

Guida bioeticamente scorretta per cattolici adulti
di Aldo Vitale

La sentenza che riconosce i due papà gay «cancella la madre». Parola di prof lgbt
di Redazione

Interni

Il rottamatore dei rottamatori
di Nuccio Molino

Economia

L'imprenditoria italiana non si perda in un bicchiere d'acqua. Anzi, di caffè
di Francesca Parodi

Esteri

Shahbaz Bhatti, un politico nel vero senso del termine
di Pietro Parolin

Pakistan. Di nuovo libera Fouzia, la cristiana rapita da un musulmano, sposata e convertita a forza
di Leone Grotti

«Non vogliamo finire come Rotterdam». Perché l'Olanda vota l'impresentabile Wilders
di Redazione

Iraq. «L’intera minoranza siro-cattolica rischia di scomparire per sempre»
di Redazione

Cultura

La genesi dell'Europa cristiana spiegata dallo storico che sfatò il mito dei "secoli bui"
di Paolo Grieco

Trump che rovina cose

Era ora che qualcuno lo dicesse: Trump provocherà la fine del mondo
di Redazione

Martedì 28 febbraio

Interni

Il problema della giustizia civile non è la mancanza di fondi, ma «la gerontocrazia nella magistratura»
di Redazione

Collegare la morte di Dj Fabo alla proposta di legge sulle Dat è la prova che è una legge per l’eutanasia
di Centro Studi Livatino

La morte di dj Fabo e la fine di tutte le cose
di Aldo Vitale

Esteri

Eutanasia. In Canada aumentano i medici obiettori: «Non possiamo più farlo»
di Leone Grotti

Non esistono catene per il folle di Dio. Storia di Gregoire Ahoungbonon
di Rodolfo Casadei

Egitto. Centinaia di cristiani in fuga dal Sinai: «L'Isis è assetato del nostro sangue»
di Redazione

Società

C'è vita nell'universo? Le stelle, la birra e la fede degli astronomi
di Guy Consolmagno

Trump che rovina cose

Valorose carnevalate delle forze del bene per esorcizzare l'uragano Trump
di Redazione

 

Venerdì 24 febbraio

Interni

Dati alla mano, la mancanza di medici che fanno aborti è una fake news
di Caterina Giojelli

Lazio. Grave violazione all’obiezione di coscienza e alla legge 194
di Centro Studi Livatino

Ricostruzione terremoto. Lo dice anche Errani: «È il fallimento dello Stato»
di Redazione

Gli eroi della terra ferita contro il partito unico della burocrazia
di Alessandro Giuli

Nato. Se passa la linea Trump, l'Italia dovrà spendere 18 miliardi in più all'anno
di Redazione

Società

«Femminicidio è una parola terribile. Trasforma la persona in oggetto»
di Caterina Giojelli

Il Leviatano tecno-burocratico che porta uomo e donna alla follia
di Caterina Giojelli

Esteri

Francia. «I centri di deradicalizzazione sono un assoluto fallimento»
di Redazione

Politica

Ho sognato il partito della Nazionale
di Luigi Amicone

Cultura

In viaggio con le reliquie dei coniugi Martin
di Elisabetta Longo

Trump che rovina cose

Trump vuole rovinare il mercato del lavoro nero
di Redazione

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

FUTURESHOCK

Posted: 01 Mar 2017 09:02 AM PST

C’è una rivista di fantascienza che si chiama «Future Shock». E’ fatta con mezzi felicemente artigianali (futureshock@alice.it), ma vi consiglio di farvene mandare una copia perché ha una caratteristica unica: è di impostazione cattolica. Buona lettura.

MESTIERISCOMPARSI

Posted: 20 Feb 2017 03:22 AM PST

Un antico mestiere che si credeva, ahimè, scomparso è magicamente ritornato alla grande per la gioia degli etnografi: l’accattone. Ce n’è uno davanti a ogni negozio.

CENTRO

Posted: 25 Feb 2017 08:00 AM PST

«Questa moda della Madonna superstar, come una protagonista che mette se stessa al centro, non è cattolica». Troppo giusto. Infatti, sarebbe difficile spiegare questo concetto a uno Scalfari o al compianto Pannella. Anche perché la Madonna ha il vizio di apparire quando Le pare e senza preavviso. Meglio mettere al centro il papa, almeno si vede e si tocca.

 

 

 

 

 

 

Domenica 26 Febbraio 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Non preoccupatevi del domani» New York, La Liturgia di Domenica 26 Febbraio 2017, VIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Per un amico fedele non c'è prezzo, Domenica 26 Febbraio 2017

Per un amico fedele non c'è prezzo
Dal libro del Siracide, Sir 6,5-17

Una bocca amabile moltiplica li amici,
una lingua affabile le buone relazioni.
Siano molti quelli che vivono in pace con te,
ma tuo consigliere uno su mille.
Se vuoi farti un amico, mettilo alla prova
e non fidarti subito di lui.
C'è infatti chi è amico quando gli fa comodo,
ma non resiste nel giorno della tua sventura.
C'è anche l'amico compagno di tavola,
ma non resiste nel giorno della tua sventura.
[.....]
Tieniti lontano dai tuoi nemici
e guardati dai tuoi amici.
Un amico fedele è rifugio sicuro:
chi lo trova, trova un tesoro.
Per un amico fedele non c'è prezzo,
non c'è misura per il suo valore.
Un amico fedele è medicina che dà vita:
lo troveranno quelli che temono il Signore.
Chi teme il Signore sa scegliere gli amici:
come è lui, tali saranno i suoi amici.

 
 

 

 

Domenica 19 Febbraio 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Amate i vostri nemici» New York, La Liturgia di Domenica 19 Febbraio 2017, VII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

 

 

 

 

 

Venerdì 17 febbraio

Interni

«Le parole della mamma di Lavagna dovrebbero diventare un programma di governo»
di Pietro Piccinini

Lavagna. Il ragazzo suicida e la grande lezione di umanità di sua madre
di Redazione

Società

La droga, il ragazzo di Lavagna e noi. Lettera a Roberto Saviano
di I responsabili di In-Presa

Presunti pedofili Bassa Modenese. «Vescovo, mi aiuti a conoscere i miei fratelli»
di Stefano Covezzi

Politica

Matteoli: «Centrodestra unito e un berlusconiano quarantenne contro Renzi»
di Giuseppe Alberto Falci

Trump che rovina cose

Manco Sunny la pandessa può vedere 'sto muratore di un Trump
di Redazione

Esteri

Iraq. Musulmani restaurano chiesa: «Fratelli cristiani, tornate. Mosul ha bisogno di voi»
di Redazione

Bambini frustati, uomini uccisi, mani mozzate. Video inedito su Boko Haram
di Leone Grotti

Olanda. L'appello «senza precedenti» di 350 medici contro l'eutanasia ai dementi
di Redazione

Francia. Mimò l'aborto di Gesù in chiesa: Femen condannata
di Redazione

"A" per albero, "B" per bomba, "C" per cecchino. Così insegna l'alfabeto lo Stato islamico
di Redazione

Io, giornalista emarginato dalla comunità gay perché non odiavo abbastanza Trump
di Redazione

Cultura

Le fedi ci rendono stupidi? Contrappunto a Boncinelli e al suo libro contro il sacro
di Dario Fertilio

 

Lunedì 13 febbraio

Esteri

Antipolitici sarete voi
di Mauro Zanon

Trump taglia i fondi federali pro aborto nel mondo e l'Europa annuncia: «Paghiamo noi»
di Redazione

Interni

Carlo Nordio, gran magistrato consapevole dei limiti della giustizia
di Maurizio Tortorella

Bologna, antagonisti sfasciano l'università per un badge. «Scenario di guerra, pensano di vivere negli anni 70»
di Elisabetta Longo

Migranti. Perché l’accordo Italia-Libia non fermerà i trafficanti di uomini
di Alfredo Mantovano

Politica

L’egotismo impostore di The Massimo, sempre serioso e mai serio
di Giuliano Ferrara

Società

Oltre i Masaniello ma anche oltre le élite
di Carlo Lottieri

Terra di nessuno

Il Cristo morto di Norcia
di Marina Corradi

Cultura

La nenia sul dialogo e la potenza dell’augurio: «Marx? Verificalo!»
di Luigi Amicone

Contro la pretesa dello Stato di «regolare l’umanità “all’ingrosso”»
di Luca Tedesco

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

OBIEZIONE

Posted: 16 Feb 2017 03:44 AM PST

Obiezione al mio Antidoto “Antichimestieri”: “Non è proprio così, caro Cammilleri; questa mattina in Via Cola di Rienzo a Roma, una donna chiedeva l’elemosina; era vestita in modo dignitoso e aveva in grembo un cagnolino. Il cartello spiegava che ha perso il lavoro ed ha un figlio disoccupato a carico: era italiana. Chissà perché per questi italiani lo stato non può spendere 35 euri al giorno: in due fanno 70 euri e ci si può anche mangiare”.

 

ANTICHIMESTIERI

Posted: 15 Feb 2017 03:18 AM PST

E’ vero, gli immigrati fanno i mestieri che gli italiani non vogliono più fare, colmando così una lacuna: i mendicanti, per esempio. Ce n’è uno ogni 50 metri.

 

MISERICORDIA

Posted: 10 Feb 2017 07:10 AM PST

Dunque, se ho ben capito, la dottrina cristiana è arida, legalistica e troppo difficile da seguire. Il vero messaggio di Cristo è: venghino, siori, venghino, ché c’è misericordia per tutti. E se lo dice il papa, chi sono io per giudicare? Certo, avrebbero potuto dirmelo quattro papi fa, mi sarei risparmiato un sacco di sacrifici e rinunce…

 

PASQUINATA

Posted: 06 Feb 2017 06:41 AM PST

Sarebbe non tanto misericordioso quanto signorile se il papa chiedesse alla Digos di soprassedere sulla pasquinata goliardiaca romanesca a lui indirizzata: La polizia ha cose più serie di cui occuparsi.

BALTIMORA

Posted: 10 Jan 2017 10:32 AM PST

Leggo nel sito Aleteia.org che nel 1995 il papa Giovanni Paolo II fu negli Stati Uniti. L’ultimo giorno della visita, a Baltimora, un fuori programma. Dopo il saluto dei seminaristi, il papa volle inginocchiarsi davanti al tabernacolo nella loro cappella. Ma non era stato previsto, sicché la polizia dovette ispezionare preventivamente il sito. I cani poliziotto, però, si fermarono fissi davanti al tabernacolo, assumendo la posa che indica, quando cercano sopravvissuti a un terremoto, che c’è qualcuno vivo.

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 12 Febbraio 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Così fu detto agli antichi; ma io vi dico» New York, La Liturgia di Domenica 12 Febbraio 2017, VI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

E' la Chiesa che ha abbandonato l'umanità, o l'umanità che ha abbandonato la Chiesa?, Domenica 12 Febbraio 2016
DOMANDA: La nostra generazione ha percepito la presenza pubblica della Chiesa in Spagna
 praticamente come legata solo alle battaglie sulla morale sessuale e sul diritto a educare nelle scuole.
Perché si è ridotto in questo modo ciò che dovrebbe essere un annuncio universale?
Che cosa occorre perché la Chiesa abbia una modalità di presenza diversa?
RISPOSTA: 
E' la domanda che si fece molti anni fa un poeta inglese, Thomas Stearns Eliot;
<< E' la Chiesa che ha abbandonato l'umanità,
o l'umanità che ha abbandonato la Chiesa?>>.
Perché la Chiesa abbia una presenza diversa occorre solo una cosa:
che noi cristiani sappiamo approfittare di questa circostanza - e questa crisi è una opportunità -
per scoprire qual è la vera natura del cristianesimo.
Il cristianesimo è in primo luogo l'avvenimento di Dio che si fa uomo
e rimane presente nella storia attraverso la vita cambiata di coloro che lo seguono
Juliàn Carròn

(cit. in "I PROBLEMI NON LI CREANO GLI ALTRI , GLI ALTRI CI RENDONO COSCIENTI DEI PROBLEMI CHE ABBIAMO"  in  www.clonline.org.)

 
 

 

 

Domenica 5 Febbraio 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Voi siete la luce del mondo» New York, La Liturgia di Domenica 5 Febbraio 2017, V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Quando uno si innamora, comincia a ..., Domenica 5 Febbraio 2017
Quando uno si innamora, comincia a fare spazio all'esistenza dell'altro, perché lo percepisce decisivo;
quando uno si innamora, comincia a cambiare la sua concezione individualista.
Comincia a tener presente l'altro nel modo di concepire il suo tempo, il suo denaro, l'uso delle cose che possiede.
Ossia, l'etica è la conseguenza di un avvenimento che accade nella vita.
Nessuno dice:<< Mi sono innamorato e disgraziatamente adesso mi tocca uscire con la ragazza di cui mi sono innamorato>>
Uscire con la ragazza di cui mi sono innamorato è la conseguenza etica normale di un avvenimento.
Se non mi va di uscire con lei...forse non è vero che mi sono innamorato!
Nessuna imposizione potrà avere la forza di convinzione del fatto di innamorarsi.
Lo stesso accade con il cristianesimo.
Il cristianesimo è un avvenimento di questa portata.
Quelli che incontrarono Gesù si trovarono sorprendentemente a vivere la vita quotidiano in un altro modo.
E' un modo nuovo di vivere le cose solite.
Juliàn Carròn

(cit. in" I problemi non li creano gli altri, gli altri ci rendono coscienti dei problemi che abbiamo" in www.clonline.org )

 
 

 

 

 

Venerdì 3 Febbraio 2017

Società

Lavori in corso per la più grande Italia
di Alessandro Giuli

Interni

I «vizi di metodo» del patto nazionale con l'islam del ministro Minniti
di Leone Grotti

La strage di Viareggio e il rischio dell'automatismo sulla "responsabilità oggettiva"
di Emanuele Boffi

Economia

Che senso ha azzuffarsi con l'Europa per una briciola di deficit quando la nostra crescita è zero?
di Redazione

Politica

Testamento biologico. «I medici diventeranno meri esecutori. Il Pd non ha niente da dire?»
di Elisabetta Longo

Esteri

Se volete capire il fenomeno Trump non leggete Repubblica, dice Repubblica
di Redazione

I "democratici" anti-Trump mettono a ferro e fuoco l'Università di Berkeley
di Redazione

Pensate quello che volete di Trump, ma la nomina di Gorsuch è da applausi
di Leone Grotti

Deir Ezzor è la nuova Aleppo, ma nessuno ne parla
di Rodolfo Casadei

A Parigi torna la paura. «Attentato di natura terroristica»
di Mauro Zanon

Francia, diminuiscono gli atti razzisti contro musulmani ed ebrei. Aumentano quelli anticristiani
di Redazione

Preti alla macchia. «Non si diventa sacerdoti per fuggire dall'Africa»
di Rodolfo Casadei

«Non chiamate una donna incinta "mamma": offendete i transgender»
di Redazione

«Niente sigarette né alcol in gravidanza, solo canne»
di Redazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 29 Gennaio 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Beati i poveri in spirito» New York, La Liturgia di Domenica 29 Gennaio 2017, IV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Perché ci dovrebbe essere giustizia? , Domenica 29 Gennaio 2017
<<Vuoi dire che alcune persone si sono comportate male con te, suppongo.
E ciò che vuoi è giustizia>>
<<Forse.>>
Abenadar scosse il capo. <<Perché ci dovrebbe essere giustizia? >> chiese.
Voglio dire.... Se non c'è un Dio, o non ci sono dei? Perché ci dovrebbe essere giustizia?>>
<< Non c'è.>>
<<Tu lo dici. Ma pretendi che ci sia. Per quale diritto pretendi una cosa del genere,
in un mondo che non è altro una somma di coincidenze?>>
<<Sei un filosofo, eh?>>
<<Tutti la vogliamo>> disse Abenadar pensieroso,
<<Tutti vogliamo la giustizia, e alcuni di noi pensano che giustizia significhi l'accoglimento di tutti i nostri desideri, e
chi se ne frega di quelli degli altri.
Vogliamo giustizia, , eppure vediamo che l'ingiustizia viene perpetrata ogni giorno.
La pretendiamo, a dispetto della realtà, malgrado i fatti. [....]
Louis De Wohl

(cit. in "La lancia di Longino" pag.151 ed.BUR € 13)

 

 

 

 

27 Gennaio 2017

News

Tempi cambia compagine sociale e nomina Alessandro Giuli nuovo direttore
di Redazione

«Sì, sono islamici». Cosa c'è su Tempi in edicola
di Redazione

Interni

Terremoto. «La vignetta di Charlie Hebdo non è satira, ma una porcheria travestita da libertà»
di Caterina Giojelli

Politica

Quando Raggi diceva: «Iniziamo a cacciare gli indagati?»
di Redazione

Società

Care amiche liberal, se è il diritto di aborto che ci unisce, non siamo meglio di Trump
di Solveig Gold

Abbiamo trasformato Auschwitz in una gita fuori porta «con birra omaggio»
di Rodolfo Casadei

Esteri

Cina. Guida comunista agli appuntamenti al buio: «Il partito aiuta a fare colpo»
di Leone Grotti

Siria. Ad Astana uno show politico russo-turco-iraniano
di Rodolfo Casadei

I paesi arabi pagano 50 milioni. Via la croce dallo stemma del Real Madrid
di Redazione

Mosul. Georgette, cristiana sfuggita all'Isis: «Mi ha nascosto una famiglia musulmana»
di Leone Grotti

Disastro Libia. L'Italia è sicura di avere l'appoggio europeo?
di Leone Grotti

Boom di esecuzioni capitali in Medio Oriente
di Redazione

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

FATIMA

Posted: 26 Jan 2017 08:29 AM PST

Passo il capodanno a Fatima, partecipo alla messa di mezzanotte. Tutta in portoghese, alla faccia della globalizzazione. Non dico che nel vecchio latino l’avremmo seguita tutti i pellegrini (da ogni dove) presenti, ma almeno in inglese… Il vescovo calcola male i tempi e a mezzanotte esatta, correttamente, le campane cominciano a sbraitare mentre lui è ancora intento nell’omelia. Meglio così: il linguaggio delle campane lo capiscono tutti.

 

 

 

 

 

Domenica 22 Gennaio 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Venne a Cafàrnao perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa» New York, La Liturgia di Domenica 22 Gennaio 2017, III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Secoli Bui, Domenica 22 Gennaio 2017
Stupisce assai poco che molti storici contemporanei si siano irritati per l'uso del termine <<Secoli Bui>>.
Come affermava l'illustre medievalista Warren Holliste (1930-97) nel suo discorso da presidente
alla Pacific Historical Association, << a mio parere chiunque creda che l'epoca che vide la costruzione della
cattedrale di Chartres e l'invenzione del parlamento e dell'università fu <<buia>> non può che essere mentalmente ritardato o,
nella migliore delle ipotesi, profondamente, profondamente, ignorante>>.
Oppure potrebbe semplicemente essere un irriducibile anticattolico.
Rodney Stark

(cit. in:" False Testimonianze- Come smascherare alcuni secoli di storia anticattolica" pag.123 ed.Lindau €25)

 

 

 

 

Martedì 17 gennaio

Società

Quid est post-veritas?
di Pietro Piccinini

È scomparso il principio di autorità. Cioè sono scomparsi gli uomini autorevoli
di Emanuele Boffi

Giuseppe Schillaci, scienziato e missionario
di Rodolfo Casadei

John Waters: «Giuseppe Schillaci era una forza della natura. Anzi, una forza di Dio nel mondo»
di John Waters

Qualcuno intanto si chiede come farà questo paese a non finire come la Grecia?
di Luigi Amicone

Interni

«Per la legge sulla blasfemia potrei essere condannata a morte»
di Redazione

Sono gemelli ma non fratelli
di Emanuele Boffi

Chiesa

Amoris laetitia. Una interpretazione legittima, coerente, feconda
di Livio Melina

Esteri

«Un miliziano ha trovato la mia collana con la croce e i jihadisti mi hanno pestato»
di Redazione

Obama e il «disastro» in politica estera. «Altro che Nobel, bisognerebbe processarlo»
di Leone Grotti

Egitto. Il grido di Thabet, la persecuzione dei cristiani e l'impotenza di Al-Sisi
di Leone Grotti

«Gesù non è figlio di Dio». Passi del Corano letti durante la funzione anglicana per l'Epifania in Scozia
di Leone Grotti

 

 

Venerdì 13 gennaio

Società

Pontelangorino. «Non trascuriamo la nostra responsabilità educativa»
di Luigi Negri

Marijuana, uso terapeutico. Nuovo studio smonta il mito degli «effetti benefici»
di Leone Grotti

Politica

La Raggi e quel contratto giuridicamente «nullo» che dice politicamente tutto
di Maurizio Tortorella

«Sono Casavolpe e Beppegatto i responsabili»
di Redazione

Interni

Perché è assurdo il referendum della Cgil sui voucher
di Redazione

Esteri

Qualche appunto sui "numeri da favola" di Barack Obama
di Leone Grotti

Nigeria. «Più di 800 morti in poco tempo. Siamo diventati così sadici?»
di Leone Grotti

Se i corsi anti-fake news non sono una fake news, significa che siamo alla frutta
di Redazione

Belgio, abbiamo un problema. La commissione di controllo dell'eutanasia non controlla l'eutanasia
di Leone Grotti

No, le scuole cattoliche britanniche «non possono essere contrarie al matrimonio gay»
di Redazione

Cultura

Cantiere Eugenio Corti
di Redazione

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

BRINDISI

Posted: 20 Jan 2017 09:56 AM PST

«Il rituale del brindisi, un gesto antico quasi quanto il bere e dalle profonde radici religiose. In origine, la “libazione” consisteva, oltre al pronunciare invocazioni alla divinità, nell’offrire agli dei il primo sorso della propria bevanda. Secondo alcune fonti, l’abitudine di avvicinare i bicchieri è un’invenzione cristiana, poiché il loro tintinnio evoca il suono capace di allontanare i demoni delle campane della chiesa». (Michael P. Foley, Drinking with the Saints, 2015)

CENTENARIO

Posted: 16 Jan 2017 07:02 AM PST

In un bell’articolo, su «Avvenire», Marco Roncalli ha ricordato che William F. Cody, «Buffalo Bill», aveva sposato un’italiana e che prima di morire (nel 1917) si era fatto battezzare cattolico. Quasi tutti gli indiani che lo seguivano nel suo spettacolo erano cattolici, e pure Toro Seduto.

 

 

 

 

 

Domenica 15 Gennaio 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo» New York, La Liturgia di Domenica 15 Gennaio 2017, II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Ritengo che non siano uomini, ma bestie quanti pensano che ..., Domenica 15 Gennaio 2017
Ritengo che non siano uomini, ma bestie quanti pensano che l'ideale sia vivere
senza dover consolare nessuno,
senza essere di peso o causa di dolore per alcuno;
senza trarre gioia alcuna dal bene degli altri,
né amareggiarli con i propri sbagli;
stando bene attenti a non amare nessuno,
e non curandosi di essere amati da qualcuno.
Alredo di Rievaulx

(cit. in "La promessa della nostra amicizia" Vacanze estive della Fraternità san Carlo- pro manuscripto)

 

 

 

 

 

Mercoledì 11 gennaio

Esteri

Persecuzione dei cristiani nel 2016. Maglia nera per la Corea del nord, Nigeria il paese con più morti
di Leone Grotti

I turchi distruggono o rimuovono statue curde e assire
di Rodolfo Casadei

Danimarca. Così il governo "salva la vita" a Elliot con la «stanza della morte»
di Leone Grotti

Il Marocco vieta di commercializzare il burqa
di Redazione

Trump, i cambiamenti climatici e l'ideologia del New York Times
di Leone Grotti

Interni

«Istruire non basta. Bisogna tornare a pretendere. Bisogna tornare a educare»
di Redazione

Ma chi l'avrebbe mai detto? Chiesta archiviazione per il compagno dell'ex ministro Guidi
di Redazione

Politica

Questa volta il vaffa se l'è preso Beppe Grillo
di Redazione

Grillo predica bene, razzola male
di Redazione

Società

"Cari studenti di teologia, attenzione: le immagini di crocefissione potrebbero disturbarvi"
di Redazione

Chiesa

«Carlo è la prova evidente che Dio è ancora – anche oggi! – capace di bussare al cuore di un giovane»
di Federico Cenci

Il Deserto dei Tartari

Previsioni per il 2017: non date retta all'Economist
di Rodolfo Casade

 

“A volto scoperto” documentario sulla Siria mai ritrasmesso
http://www.vietatoparlare.it/volto-scoperto-documentario-sulla-siria-mai-ritrasmesso/
 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 8 Gennaio 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Appena battezzato, Gesù vide lo Spirito di Dio venire su di lui» New York, La Liturgia di Domenica 8 Gennaio 2017, BATTESIMO DEL SIGNORE (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

E' meglio lasciare ciascuno nella sua opinione che dilungarsi a contestare. Domenica 8 Gennaio 2017
Nella comunità c'è una sorella che ha il dono di dispiacermi in tutto;
i suoi modi, le sue parole, il suo carattere mi sembravano molto sgradevoli;
tuttavia è una santa religiosa che credo sia molto gradita al Buon Dio.
Così, non volendo cedere all'antipatia naturale che provavo,
mi sono detta che la carità non doveva consistere nei sentimenti ma nelle opere,
allora mi sono impegnata a fare per questa sorella quello che avrei fatto per la persona che amo di più
[.....]
Non mi accontentavo di pregare molto per la sorella che mi causava tante lotte interiori,
ma cercavo pure di renderle tutti i favori possibili
e quando avevo la tentazione di risponderle in modo scortese mi limitavo a farle
il mio più amabile sorriso, cercando di sviare la conversazione,
perchè nell' Imitazione è detto:
è meglio lasciare ciascuno nella sua opinione che dilungarsi a contestare.
Teresa di Lisieux

(cit. in "Storia di un' anima" pag.265 ed. Paoline €9,50)

 

 

 

 

 

Mercoledì 04 gennaio

Politica

M5s, dov'è la svolta garantista? È sempre uno (Grillo) che decide per tutti
di Redazione

Società

Maternità surrogata: gli equivoci logici e giuridici della Corte d’Appello di Milano
di Aldo Vitale

Te Deum laudamus per la spina conficcata nel mio fianco
di Aldo Trento

Te Deum laudamus perché non marcio da solo
di Alex Schwazer

Te Deum laudamus per quelle lavatrici da undici chili
di Tiziana Peritore

Esteri

Yemen. Padre Tom Uzhunnalil «è vivo, ma nessuno può fare niente per liberarlo»
di Leone Grotti

Grecia. «A causa dei tagli i nostri ospedali sono diventati pericolosi»
di Leone Grotti

I cristiani fanno da capri espiatori in Turchia. Arrestato pastore protestante
di Leone Grotti

Pakistan. Augura "buon Natale": accusato di blasfemia il figlio di Salman Taseer
di Leone Grotti

Cina, terrore nel partito comunista. Xi Jinping organizza la sua polizia segreta
di Leone Grotti

Good Bye, Lenin!

No, "Lucifero" non lo potete chiamare (e nemmeno "BOČ rVF 260602")
di Angelo Bonaguro

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

 

COMUNICATORE

Posted: 22 Dec 2016 08:10 AM PST

Leggo su Zenit.org del 16 dicembre 2016: «“A volte è una carezza, a volte un balsamo su una ferita, a volte uno schiaffo, in ogni caso quella di Papa Francesco è una comunicazione che non ti lascia mai indifferente”. Alessandro Gisotti, brillante giornalista vice-capo redattore della Radio Vaticana, autore del libro ‘Il decalogo del buon comunicatore secondo Papa Francesco’ (Elledici) presentato ieri alla Lateranense». Sarà. Ma è anche vero che non ci capiscono niente nemmeno fior di cardinali (v. i “dubia”) e, ogni volta che esterna, squadre si mettono in opera per chiarire che cos’ha “veramente voluto dire”. Per molti, anzi, il vero problema di questo pontificato sta nella «comunicazione». Che volete farci, anche Cristo non era venuto a «unire» ma a «dividere»

 

 

 

 

 

 

Domenica 1 Gennaio 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «I pastori trovarono Maria e Giuseppe e il bambino. Dopo otto giorni gli fu messo nome Gesù» New York, La Liturgia di Domenica 1 Gennaio 2017, MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Sperare per tutti, Domenica 1 Gennaio 2017
Dobbiamo sperare per tutti.
Non c'é nessuno che le Scritture affermino sia stato condannato all'Inferno, che esiste, é una possibilità reale.
Ma neppure per Giuda sappiamo se é stata più forte la misericordia.
Hans Urs von Balthasar

( cit da Renato Farina in settimanale Tempi in edicola)

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

CIPRO

Posted: 25 Dec 2016 11:20 AM PST

Da “I cristiani dimenticati di Cipro”, di Giovanni Masini, “Il Giornale”. Riporto pari pari: « “Repubblica turca di Cipro Nord” (…) violentata, come quasi tutti gli altri edifici di culto cristiani nella parte settentrionale dell’isola di Cipro. Abbandonate dai greci in fuga davanti ai soldati turchi trionfanti, le chiese degli ortodossi e dei cattolici maroniti sono state dissacrate e ridotte a magazzini. Alcune vennero convertite in luoghi sacri a Maometto, come a Larnaca Lapithou e Yilmazkoy, per poi essere dimenticate dopo la costruzione delle nuove fiammanti moschee in stile ottomano. Altre vennero saccheggiate (…). Nel monastero del profeta Elia le pecore si abbeverano al battistero. In quello di Larnaca i pastori turchi macellano le capre nelle celle dei monaci. Alcuni villaggi maroniti abbandonati dalla popolazione sono stati completamente circondati dalle caserme e ancor oggi sono inaccessibili ai loro antichi abitanti. È la sorte di Assomatos ed Aghia Marina, (…) la riapertura al culto è soggetta al beneplacito delle autorità militari (…). Il valore delle icone antiche è inestimabile e i trafficanti di opere d’arte lo sanno bene. Anche a Mirthou il monastero di San Pantaleone è chiuso per restauri, dopo decenni di oblio. Sul campanile ancora svetta una croce di pietra distrutta per metà. (…) per due volte il santo abbia scaraventato giù dalla torre i soldati turchi inviati ad abbatterla. (…) La cappella di Santa Maria (…) è stata riaperta su ordine del sindaco turco dopo che a una donna musulmana apparve in sogno la Vergine. Da cieca che era, la donna riacquistò la vista. (…) cimitero. Fra i rovi e gli sterpi, le croci di marmo sono in terra, spezzate. (…) anche dopo quarant’anni ai pochi cristiani rimasti (…) ancora vietato di ricoprire quelle lapidi scoperchiate (…), accendere un lume e portare un fiore».

 

 

 

 

 

 

Domenica 25 Dicembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Oggi è nato per voi il Salvatore» New York, La Liturgia di Domenica 25 Dicembre 2016, NATALE DEL SIGNORE - MESSA DELLA NOTTE

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Il compito del cristiano, non è quello di rivoluzionare le strutture, ma di comunicare l'annuncio, Domenica 25 Dicembre 2016
Tutta la nostra vita si esaurisce, come significato, nel rendergli testimonianza, nel comunicare a tutti che Lui è venuto.
Il cristiano, infatti, non è migliore degli altri, è colui che ha ricevuto il compito di comunicare agli altri l'annuncio, la gioia de Natale.
Perciò, il compito del cristiano, come tale, non è quello di rivoluzionare le strutture, ma di comunicare l'annuncio, - annuncio che non si può, però,comunicare se non si è compagni dell'uomo.
Di qui l'impegno con tutto quanto riguarda l'uomo - quindi anche con le strutture - che è però una conseguenza e un veicolo,
perché il valore all'impegno dell'uomo viene dal trascendente
(<<senza di me non potete fare niente>>)
Luigi Giussani

(cit. in "Dalla liturgia vissuta: una testimonianza" pag.46 ed Jaca BOOK)

 

 

 

 

 

Mercoledì 21 dicembre

Esteri

Solo i confini ci salveranno dalla teocrazia fintamente religiosa
di Rodolfo Casadei

Eritrea, dove il coraggio della fede è crocifisso
di Leone Grotti

Chiesa

Natale in Ciad. Come annunziare Cristo ai musulmani
di Piero Gheddo

Economia

Cosa ci aspetta se l'Italia finisce in mezzo fra Esm e Fmi
di Rodolfo Casadei

Cultura

Per fare scienza ci vuole fede. Il nuovo libro di Rodney Stark
di Rodney Stark

Politica

Il flop di Raggi e di un Movimento che ha finito per occuparsi (male) solo di poltrone
di Redazione

Interni

Per un carcere così, un suicidio in cella ogni settimana è quasi poco
di Maurizio Tortorella

Pillola del giorno dopo, assolta per la prima volta una farmacista obiettrice
di Simone Pillon

Il sugo della storia

Natale 1914. Il fatto che può portare davvero la pace nel mondo
di Giovanni Fighera

 

 

 

 

 

 

@

 

 

 

Domenica 18 Dicembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Gesù nascerà da Maria, sposa di Giuseppe, della stirpe di Davide» New York, La Liturgia di Domenica 18 Dicembre 2016, IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

L'attesa , Domenica 18 Dicembre 2016
L'attesa si nutre dell'intensità con cui si vive il presente.
Se si vive intensamente il presente,
si capisce ciò che manca e che cosa quindi bisogna attendere.
Giancarlo Cesana

(cit. in un ritiro di Avvento 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 11 Dicembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?» New York, La Liturgia di Domenica 11 Dicembre 2016, III DOMENICA DI AVVENTO (ANNO A) - GAUDETE

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Perché un ragazzo può fare anche il contrario di quello che gli si dice?, Domenica 11 Dicembre 2016
Perché un ragazzo può fare anche il contrario di quello che gli si dice?
Perché decisiva é la sua libertà , quella dimensione misteriosa per cui lui è indipendente da noi.
In questo senso, i genitori si devono come consegnare nelle mani dei figli;
gli insegnanti in quelle dei propri alunni.
Per quanto manipolabile, ogni persona é ultimamente libera e non soggetta a nessuno; padre, madre, professore, o padrone.
Sana o pazza, povera o ricca, forte o debole, ogni persona possiede un quid che la rende unica, irreprimibile e, per chi ci crede, simile a Dio, é libera.
GIANCARLO Cesana

(CIT. In "Ed io che sono-Tra psicologia ed educazione" pag.110 ed.La fontana di Siloe €10)

 
 

 

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

ZITA

Posted: 10 Dec 2016 08:09 AM PST

Chi avrebbe dato alla propria figlia il nome di una sguattera? Solo un nobile del sangue. Infatti, Zita di Borbone-Parma fu chiamata come la santa di Lucca, che di mestiere faceva la colf. Fu fidanzata a Carlo d’Asburgo, pronipote di Francesco Giuseppe. Quando li vide, san Pio X li salutò come «coppia imperiale», lasciandoli interdetti perché Carlo non era erede. Compresero la profezia quando lui divenne imperatore, l’ultimo, Beato. Erano ambedue bellissimi, il loro fu un matrimonio d’amore. Sulla tomba di lei c’è un serto di bronzo con su scritto «Le donne ungheresi». Cfr. Tamara Griesser Pečar, Zita. L’ultima imperatrice d’Austria-Ungheria, Leg, pp. 330, €. 26.

AFRICA

Posted: 30 Nov 2016 04:04 AM PST

Puntale come il destino, a novembre ricomincia la lagna postal-natalizia di offerte per l’Africa affamata. E’ da quando sono nato che, commossi, diamo soldi agli africani. I quali li usano per massacrarsi l’un l’altro al fine di strapparseli. Avendoci preso gusto, ora vengono a prenderseli a domicilio. Poi dice che uno passa dalla pietà alle scatole piene…

 

 

@

 

 

 

Mercoledì  7 Dicembre 2016

   
@ «AUGURISSIMI, SAN NICOLA. Il sei dicembre prossimo tutti i calendari sono d’accordo: San Nicola di Bari. San Nicola è il Santo protettore di Galatro e si spera che resti a lungo il Patrono di Galatro per guidarlo, proteggerlo, dare alla gente pace e serenità, confortare gli ammalati, far crescere buoni ed onesti i bambini, raddrizzare qualche testa storta, frenare l'esodo che sta spopolando il paese, dare entusiasmo ai pochi rimasti, ispirare a chi di dovere idee per fatti concreti e non per bla, bla, bla ...»,
Cordiani
Carmelo, Galatro (RC),  4 Dicembre  2010
 

 


@ «Il Maestro, il Sindaco Bruno Marazzita. Ciao, Galatrese Bruno. Ricreatore di entusiasmo. Per farisei sei il “mostro”, per i pubblicani, ancora in vita, sei stato e resti il benefattore di Galatro»,
 di Carmelo Cordiani, Galatro (RC), 7 Dicembre 2007
 

 

 

 

Domenica 4 Dicembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Convertitevi: il regno dei cieli è vicino!» New York, La Liturgia di Domenica 4 Dicembre 2016, II DOMENICA DI AVVENTO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Dentro la quotidianità ci vogliono le dimensioni dell'universo, Domenica 4 Dicembre 2016
Dentro la quotidianità ci vogliono le dimensioni dell'universo,
così che quel che è banale dovere di tutti i giorni possa diventare il contributo cosciente al destino di tutti.
Se una donna lava i piatti, come obbligo di un ruolo derivante dalla divisione dei compiti con il marito,
alla lunga non regge.
Se li lava come gesto di amore nei confronti della famiglia,
perché cresca e i rapporti dentro e fuori diventino più veri,
la fatica non è tolta,
nemmeno l'occasionale arrabbiatura per la scarsa partecipazione dei familiari,
ma affrontata con una coscienza che cambia anche chi è vicino
Giancarlo Cesana

(cit. in"Ed io che sono-Tra psicologia ed educazione"pag.120 ed. La Fontana di Siloe €10)

 
 

 

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

MONAGHAN

Posted: 25 Nov 2016 04:31 AM PST

Dalla newsletter Une Minute Avec Marie: «La Domino’s Pizza era stata fondata da Tom Monaghan, un fervente cattolico americano. Orfano, è affidato ad un orfanotrofio tenuto da religiosi. Per mancanza di soldi si arruola nei Marines e finisce per comprare una pizzeria in Michigan. La trasformazione del suo affare in catena prende una inattesa dimensione e eccolo nuotare nell’oro. È molto generoso, particolarmente con la Chiesa e i movimenti a favore della vita. Qualche anno dopo, fa costruire una città cattolica: la città Ave Maria, a metà cammino tra Orlando e Miami. Fondata nel 2007, può ricevere 8000 abitanti e 5000 studenti. Le tre bandiere che sventolano al di sopra delle istituzioni sono quelle del Paese, dello Stato e del Vaticano».

 

@

 

 

 

@  Il Santo del giorno:
  -Tracce
   -santi, Beati, Testimoni

@  PAPI NELLA STORIA

@  MAGISTERO

 

 

News

 

Brooklyn  News

Rete 4 - Il terzo indizio: Terza puntata
La ragazza del Lago - Anguillara
Federica Mangiapelo
Venerdì 16 Dicembre 2016

Da Mediaset On Demand: http://www.video.mediaset.it/video/il_terzo_indizio/full/terza-puntata_674088.html

Archivio

 

Galatro Blog


@
«In Memoria della Signora Franca Cannatà. Zia Franca. Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
ma non avessi la carità,
sarei un bronzo risonante o un cembalo squillante.
», Galatro, Giovedì 28 Aprile2016

@ San Pio da Pietralcina:  «Padre Pio nella mia vita, quando lo straordinario era quotidiano. Appunti della vita del Dottor Francesco Lotti, collaboratore e figlio spirituale di San Pio da Pieltralcina» di Angelo Marazzita, Galatro, 16 Agosto 2015 Festa di San Rocco

@ am: «Italia il bancomat dei terroristi, San Nicola! La generosità di Gianna e gli stravanti aiuti di Greta e Vanessa» Galatro, Sabato 24 Gennaio 2015

am: «Parigi val bene una messa, San Nicola! In margine all'attentato al giornale “Charlie Hebdo” di Parigi il 7 Gennaio 2015» Galatro, Sabato 10 Gennaio 2015

am: «L'Europa rinascerà? San Nicola! L’Europa ha perso per strada molti dei suoi ideali. La vera emergenza odierna» Galatro, Sabato 24 Maggio 2014

am: «Suicidarsi a 13 anni, San Nicola! Sabato mattino una leggera ed esile pioggia, quasi reverenziale, ha accompagnato il funerale di una giovanissima ragazza, una tredicenne. La cronaca nera di una cittadina a ridosso di Torino questa volta è generosa di dettagli» Galatro, Lunedì 21 Aprile 2014

am: «La primavera, San Nicola! Tutto è diverso, tutto è nuovo. Il Destino non ha lasciato solo l’uomo. Il Destino si è reso incontrabile, verificabile» Galatro, Giovedì 10 Aprile 2014

@ am: «La notte degli Oscar, San Nicola! Era una giornata bellissima, primaverile e tiepida. Gli amici sbucavano all’improvviso e alla spicciolata. La compagnia si ricomponeva. Uno degli amici aveva lo sguardo sospeso in aria e a tratti sembrava che calpestasse qualcosa per terra. Di punto in bianco esordì: “Avete visto domenica scorsa gli Oscar?"» Galatro, Mercoledì 12 Marzo  2014

@ am: «La Bulla e le Nuove Periferie, San Nicola! Un timido sole di metà febbraio ci ha invogliato a spingerci a fare una lunga passeggiata sino alle Terme, quelle che Bruno “Il Sindaco” considerava l'oro del Paese. Le poche macchine che intercettavamo lasciavano inalterato tutto l'ambiente, non alteravano la tranquillità che ci invadeva e ci permetteva di parlare con trasporto senza doverci urlare addosso, come invece vediamo accadere sistematicamente in tutte le trasmissione televisive. Ma la questione della “Bulla” di Bollate non ci lasciava tranquilli. “Avete visto cosa ha fatto la bulla ai primi di febbraio, fuori dalla scuola, con la sua tuta grigia e la borsetta a tracolla? Ha insultato e picchiato una ragazza, che forse le ha soffiato il ragazzo, con una semplicità disarmante”, ci raccontava un amico» Galatro, Domenica 16 Febbraio  2014

@ am: «Cannabis … per avere giovani storditi e passivi, San Nicola! Qualche giorno addietro approfittando di un pomeriggio ancora soleggiato ma freddo, con il solito gruppo di amici, facemmo una passeggiata lungo la strada che porta alle Terme, quella strada che “'u Sindacu” fece costruire proprio per agevolare l'accesso alle terme. Si chiacchierava sui festeggiamenti a Montevideo in Uruguay per la liberalizzazione del consumo di marijuana» Galatro, Domenica 2 Febbraio  2014

@ am: «Buon Anno, San Nicola! Le feste di Natale sono appena finite e si ricomincia con le passeggiate in piazza. Un anno nuovo non è diverso dal precedente. I pochi emigranti che erano venuti al paese, per ritrovare i loro cari, sono ormai andati via e pochi sparuti gruppetti hanno ripreso le salutari consuetudini. Da alcune sere si riesce a passeggiare piacevolmente. Non c'è un freddo eccessivo. Si conversa amabilmente ma gli argomenti toccati agitano sempre gli animi» Galatro, Domenica 12 Gennaio 2014

@ am: «L'invidia, San Nicola! Parlare delle vicende sportive ha un effetto: infiammare gli animi. Nelle fredde serate invernali questo è un grande beneficio. Le passeggiate  diventano sempre più corte, come i giorni, mente l’invidia per il successo riportato dalla squadra avversaria, cresce. Nelle vicende politiche nazionali e locali, l’invidia è padrona sovrana. Per non parlare dell’invidia sul luogo di lavoro, pubblico o privato che sia, … e l’elenco potrebbe continuare… ché a tutte un fil di ferro il ciglio fora/ e cuce si come a sparvier selvaggio …» Galatro, Lunedì 16 Dicembre 2013

@  am: «La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, che splendore San Nicola!"  Che c'è d'allegro in questo maledetto paese?" gridò l'Innominato di Manzoniana memoria. Questa battuta infiammò la discussione serale in piazza. Il commento dei fatti politici, degli scioperi nelle varie città italiane, non dava adito a possibili vie di fuga. Il disagio, l’ intolleranza, l’ insofferenza verso tutto ciò che non andava bene, prendeva il sopravvento» Galatro, Martedì 10 Dicembre 2013

@  am: «John Fitzgerald Kennedy un mito o il nuovo, San Nicola? Ripercorrere quanto stava sucedendo cinquant'anni fa in america, con quegli gli occhi di un bambino o di un adolescente, rende ancora oggi struggente il ricordo vivissimo di quelle sbiadite immagini in bianco e nero che arrivavano su quell'unico canale televisivo che esisteva. Arrivavano da un mondo lontanissimo che un'improvvisa tragedia rese incredibilmente e dolorosamente vicino. Il mondo era certamente molto diverso. Quelle vicende si fissarono molto più facilmente nel cuore e nella mente, sebbene i mezzi di comunicazione fossero quelli che erano» Galatro, Sabato 30 Novembre 2013

@ am: «Bomba d’acqua, San Nicola! Non erano passati che pochi giorni dalla chiacchierata su “Piove, governo ladro!” che una vera bomba d’acqua si stava abbattendo sulla Sardegna e su di noi. “Una bomba d’acqua sulla Sardegna”, “Un inferno d’acqua sulla Sardegna”, “Il ciclone Cleopatra fa una strage” , “Il ciclone Cleopatra semina morte, terrore e distruzione in Sardegna”, “Sardegna in ginocchio” ... questi i titoli dei vari giornali che leggevamo per capire cosa stesse succedendo» Galatro, Martedì 26 Novembre 2013

@ am: «Piove, governo ladro! San Nicola. Sino a pochi giorni orsono ero fermamente convinto che “Piove, governo ladro!” fosse un’imprecazione inventata nell’era della Prima repubblica, ma in questi giorni mi sono ricreduto. Visitando la mostra “Casimiro Teja, sulla vetta dell’umorismo”. Con mio grande stupore ho scoperto che correva l’anno 1861 quando Casimiro Teja usò questa espressione a corredo di una vignetta che illustrava un comizio indetto dai mazziniani ed interrotto a causa della pioggia. Per certi versi i mazziniani dell’epoca si potrebbe dire sono i grillini di oggi: ai mazziniani ieri, come ai grillini oggi, non andava mai bene nulla. L’imprecazione, però, andava bene allora come va bene oggi per la Prima, la Seconda e la Terza repubblica» Galatro, Sabato 16 Novembre 2013 ... continua a leggere

@  am: «Ognuno ha un prezzo, San Nicola! Quando muore un amico e viene celebrato il funerale ti accorgi che non tutti i funerali sono tristi. La chiesa è piena zeppa delle persone più diverse, gente del popolo, ex colleghi di lavoro, amici e nemici. Tutti hanno bisogno di ringraziarlo per aver reso migliore la propria vita. Il valore di quell’amico lo si vede lì. Poi nei  giorni scorsi leggendo i giornali, ascoltando i telegiornali, si restava sbigottiti nel sentire che alcune minorenni offrivano prestazioni sessuali in cambio di una ricarica telefonica. Per complicare il tutto si aggiungeva anche la notizia che qualche madre prendeva la percentuale sui proventi della prostituzione della propria figlia quindicenne. Era troppo. Tutto diventava insopportabile e rinasceva spontanea la domanda: "Qual' è il valore della nostra vita?"» Galatro, Sabato 9 Novembre 2013

@  am: «Il Papa spiato, San Nicola! Il Papa, gli spionaggi e i social network» Galatro, Sabato 2 Novembre 2013

@  am: «La chiave che apre la porta alla fede, San Nicola.  Immaginate una chiesa chiusa nella quale la gente, che passa davanti non può entrare e da dove il Signore che è dentro non può uscire. Ecco sovente molti cristiani hanno in mano la chiave e la portano via, non aprono la porta; o peggio, si fermano alla porta e non lasciano entrare» Galatro, Sabato 26 Ottobre 2013

Don Giuseppe Calimera: «“Beato l'uomo che confida nel Signore”... è con questa esclamazione che voglio salutare il Professore Cordiani. Ho voluto scegliere questa frase del Salmo 1 perchè così mi piace ricordare il professore, uomo timorato di Dio, uomo che confidava in Dio, uomo che aveva sempre il pensiero alle cose di Dio. Posso confermarlo sopratutto pensando a qualche mese fa quando lui stesso mi chiamò che voleva confessarsi e ricevere il sacramento dell'unzione. Non poteva essere diversamente essendo uscito da una formazione Salesiana dove ha ricevuto i principi cristiani, i valori umani, la conoscenza di Dio, che lui non ha mai smesso di trasmettere a chiunque lo incontrava. Galatro oggi perde un altro dei suoi figli che ha segnato le pagini di questo paese e ha servito questo paese formando diverse generazioni di ragazzi. Avendo studiato pedagogia non poteva che uscirne un uomo, un maestro di vita di valori fondati. La pagina della storia di Galatro da un lato è ricca di figli che hanno dato la vita per questo paese, da un altro lato è povera perché perde un suo figlio che poteva essere ancora strumento di crescita», Omelia per il Funerale di Carmelo Cordiani, Galatro, Domenica 20 Ottobre 2013

Gli amici di Carmelo Cordiani: «QUANDO NOI VEDREMO TUTTO, SAN NICOLA! Era da qualche giorno che il banco davanti a San Nicola era vuoto. Eppure Carmelo non aveva fato altro che raccomandarsi con i suoi amici di andare a trovare il suo Santo protettore, specialmente ora che doveva continuamente rifare il tagliando. Così gli piaceva ricordare i suoi continui viaggi della speranza per rimettere in sesto il suo corpo martoriato. Pieni di dolore e tristezza ci sedemmo al solito posto, ma neanche il tempo di aprire bocca che subito il Santo sbottò.», Galatro, Sabato 19 Ottobre 2013

@ Cordiani Carmelo: «QUANTA MISERICORDIA, SAN NICOLA!. Mi alzai piano piano perché volevo spendere ancora due parole davanti al Tabernacolo. Mi venne a mente di dire a Gesù che, senza la sua presenza nella nostra vita, ci sentiamo vuoti e inutili. Gli dissi anche di scuoterci, quando persistiamo in un atteggiamento orgoglioso che ci tiene distaccati e ci fa credere autosufficienti. Ma anche qui intervenne San Nicola…», Galatro, Domenica  22  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «COSA VUOLE IL SIGNORE, SAN NICOLA? Lo sai che, a volte, ci mandi fuori strada? Nel libro della Sapienza riconosci Tu stesso che il nostro corpo corruttibile appesantisce l’anima e la tenda d’argilla opprime una mente piena di preoccupazioni. Affermi, inoltre, che a stento immaginiamo le cose della terra, scopriamo con fatica quelle a portata di mano. Come possiamo, allora, conoscere il tuo volere? Come possiamo stabilire una relazione con Te se non sappiamo chi sei e cosa vuoi? Addirittura, tramite Luca ci dici che se amiamo il padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli… più di Te non possiamo essere tuoi discepoli. E di chi, allora? Rimaniamo chiusi nel nostro vaso d’argilla, come si è espresso anche il tuo servo Francesco, continuamente in ansia che quella piccola fiammella che abbiamo ereditato, o ci hai dato, si spenga e restiamo al buio?», Galatro, Domenica  15  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «PERCHE’ ULTIMI, SAN NICOLA? “Senti un po’, San Nicola, la faccenda degli ultimi non mi convince. Possibile che tra i tanti guai che ci affliggono dobbiamo metterci da parte se ci siamo sacrificati per un posto in prima fila? Se i primi diventano ultimi e questi i primi, mi sai dire che fine faranno i primi diventati ultimi?”», Galatro, Sabato 7  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «QUANT’E’ STRETTA, SAN NICOLA ? “Abbi pazienza, mio Signore. Non solo hai ristretto la porta, ma non si passa nemmeno sforzandosi per entrare. E allora, cosa ci resta?  Prima hai dichiarato di essere venuto a gettare fuoco sulla terra, poi ci inviti alla conversione, altrimenti periremo tutti allo stesso modo, concludi restringendo la porta … mi sai dire cos’altro ci aspetta? Già è difficile capire il tuo messaggio d’amore, di perdono; quando fai queste dichiarazioni, scusami, ci scoraggi. Possibile che tutta la partita tra Te e noi debba svolgersi sul filo della fede? E chi non ce l’ha? Non ci lasci un po’ di spazio anche per capirti quando il discorso diventa, per noi, assurdo?”», Galatro, Martedì  27 Agosto 2013

@ Cordiani Carmelo: «CHE SPLENDORE, SAN NICOLA! Un tunnel di luci, via Garibaldi di Galatro. Infondo, la chiesetta della Madonna del Carmine, con il portone spalancato. Vigilia della festa e, come per tradizione, la statua era stata portata al “catafalco”, una mini processione nell’altra parte del paese, la sezione Montebello. Suoni, canti, preghiere e un commento del giovane parroco. Poi il ritorno nella chiesetta, uno spazio ricco di ricordi per chi è nato a soli cinquanta metri. Nel fiume Metramo uno spettacolo insolito, un brulicare di fiammelle al passaggio della processione... Quello che conduce alla Madonna è un percorso di luce in cui, più ti immergi, più senti il profumo di cielo .... la madre di Gesù è più onorata, sia sotto il titolo di Madonna del Carmine che quello di Maria SS. Della Montagna. E’ la madre e, con le mamme, si ha più confidenza. Anche per i pellegrinaggi è così: La Salette, Fatima, Lourdes, Loreto…luoghi sacri alla Madonne, dove apri il tuo cuore pieno di rughe e di pieghe sclerotiche, un vero labirinto in cui trovi di tutto», Galatro, Venerdì 16 Agosto 2013

@ Cordiani Carmelo: «SOLO SODOMA, SAN NICOLA? “Ma perché questo uomo, questo capolavoro uscito dalla tue mani, ha combinato e continua a combinare guai?», Galatro, Mercoledì 31 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «PORRO UNUM”! RICORDI, SAN NICOLA? D’altra parte, una sola cosa è necessaria», Galatro, Giovedì 25 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"CHE FIGURACCIA, SAN NICOLA!". Il levita ed il sacerdote passarono indifferenti. E mi ritorna ancora la riflessione di papa Francesco quando ha parlato della “globalizzazione dell’indifferenza”. Sagge parole che, un padre passionista nell’omelia di domenica, ha  allargato aggiungendo che l’indifferenza è peggiore dell’odio, perché l’odio ha un avversario di fronte. L’indifferenza annienta ogni cosa, spegne la coscienza, annulla ogni legame, isola sempre di più spingendo l’uomo verso l’egoismo squallido. Ecco, allora, che si spezza il legame tra marito e moglie, tra padri, madri e figli, al punto di cancellare ogni traccia di rapporto umano», Galatro, Giovedì 18 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"PERCHE’ DUE, SAN NICOLA?". Ci hanno pensato i nemici interni a mettere tutto in crisi ... recentemente ha sottolineato Papa Francesco, una “globalizzazione dell’indifferenza” in materia di fede, come se credere significa solo accettare quello che fa comodo ... Francesco ha detto che, quando vede suore e preti con macchine di ultima moda, sente una fitta al cuore. La macchina serve, ma se ne compri una più modesta, pensando a quanti bambini muoiono di fame. E se alle macchine aggiungiamo le ville al mare, in montagna, gli appartamenti in città?», Galatro, Venerdì 12 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"CHE RETATA, SAN NICOLA!" La fede è un grosso libro in cui si legge una parola sola: Credo», Galatro, Venerdì 5 Luglio 2013

@  Cordiani Carmelo: «SAN BRUNO 2011 ... come gli altri precedenti, quando Bruno Marazzita era il personaggio più amato e più odiato dai galatresi e dopo quel sette dicembre 2002 che fermò il suo tempo. Ma cosa si può augurare ad un amico ormai nell’eternità, al quale il nostro tempo è qualcosa così piccola e meschina che può anche non interessare?  Si è sempre tentati di parlare con un amico scomparso convinti che, vedendo le nostre cose da una dimensione immensa, le riporti al giusto valore, prive di quelle scorie che le appesantiscono, le inaspriscono, le intrecciano in maniera così complicata da rendercele incomprensibili », Galatro (RC),  Giovedì  6 Ottobre 2011

Archivio

 

Galatro

 

 

Meditazioni della Domenica

 

Memorare
Pino Mulone

 

lo Straniero
Il blog di Antonio Socci

 

 

Radio LONDRA: Giuliano Ferrara, guarda i video

SamizdatOnLine - Una via per ricominciare

 

Christmas Truce 1914
OPERATION PLUM PUDDINGS

«È meraviglioso che la tregua tra gli eserciti sia stata generata da un evento accaduto una notte di duemila anni fa». Tra gli orrori della Grande Guerra, un episodio di straordinaria umanità

 

 

Opportunità

 

Piepoli Vito

 

 

 

 

 

 


#Galatro

 ID
 

   

Tempi.  Settimanale di cronaca, giudizio, libera circolazione di idee  ... per abbonarsi a TEMPI