Terme "Bruno Marazzita"
...dopo circa un secolo di varie vicissitudini umane, di passaggi di proprietà e di cambi di gestione ...lo stabilimento termobalneare di Galatro tornava ad essere di proprietà del comune grazie all'opera instancabile del Sindaco Bruno Marazzita... Anche il nuovo palazzo delle Terme è stato ideato e voluto dall’amministrazione con a capo il Sindaco Bruno Marazzita ... che resterà nella storia di Galatro come il più importante ed il più rappresentativo amministratore di tutto il secolo appena concluso ...  il Sindaco Bruno Marazzita disinteressato e coraggioso “difensore civico”.

 

 

 

 

 

VII Incontro Mondiale Famiglie, Milano, 2012: «La Famiglia: il lavoro e la festa» :
DISCORSI BENEDETTO XVI

Sito ufficiale www.family2012.com
 

 

 

 

Benedetto XVI

> Libano, 14-16.09.12

> VII Incontro Mondiale Famiglie, Milano, 1-3.06.12

> Assemblea CEI: Il dono prezioso della fede, 24.05.12

> Arezzo: Nuovo sapore all'intera società civile, 13.05.12
> Educare i giovani alla giustizia e alla pace, 12.01.12
> Laici, cioè cristiani
, 25.11.11
>
In Calabria
9.10.11

> In Germania, 22-25.09.11
Brani scelti

> XXVI Giornata Mondiale della Gioventù, Madrid (Spagna), 18-21.08.11 

> B16 - XXVI Giornata Mondiale Gioventù: L'uomo è veramente creato per ciò che è grande , 06.09.10

> B16 in Gran Bretagna 16-19.09.10

> B16 a Torino  2.05.10

> B16, REGINA CÆLI,  Piazza San Pietro,  16.05.2010

> B16 ai Cattolici D'Irlanda, 19.03.10

> Più grande del peccato , Tracce, Aprile 2010

> Quei peccati dei preti, ferita profonda bisogna tornare alla lezione di Cristo, J. Carron La Repubblica, 4.04.10

 

 

Giuliano Ferrara

RADIO LONDRA

 

 

 

Why not

> Fango. Quando la macchina va in panne
Intervista ad Antonio Saladino, il principale indagato, la «nuova Tangentopoli» italiana risoltasi in un clamoroso flop 29.10.10

> Perché De Magistris non ci crede più
Il giornalista del Corriere sedotto e abbandonato dal giustiziere di Catanzaro rievoca la sua misteriosa metamorfosi. «Iniziata in campagna elettorale» 29.10.10
> Una Bufala finita nel nulla02.03.10
>L’accusatore finisce sotto accusa 16.03.10
 

 

 

 

 

 

 

 

Pellegrinaggio Papa BXVI
in Terrasanta,
8-15 Maggio 2009

Il programma

Servizi di Tempi.It

Servizi di Avvenire

Brani dei discorsi

 

 

 

 

Zibaldone

 

 Editoriale

 

 

 
 In evidenza

 

 

   

Domenica 25 Settembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti» New York, La Liturgia di Domenica 25 Settembre 2016, XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

Memorare, di Pino Mulone

 

La scristianizzazione in Europa prosegue, Domenica 25 Settembre 2016
In effetti sì. Direi che la scristianizzazione [in Europa] prosegue.
[.....]
E' palese che i nostri principi non coincidono più con quelli della cultura moderna,
che la struttura fondamentale cristiana non è più determinante-
Oggi prevale una cultura positivistica e agnostica che si mostra sempre più intollerante verso il cristianesimo.
La società occidentale, quindi, in ogni caso in Europa, non sarà una società cristiana e,
a maggior ragione, i credenti dovranno sforzarsi di continuare a plasmare e sostenere
la coscienza dei valori e della vita.
Sarà importante una testimonianza di fede più decisa delle singole comunità e Chiese locali.
Avranno una maggiore responsabilità.
Benedetto XVI

(cit. in: "Ultime conversazioni-a cura di Peter Seewald pag.217 ed Garzanti €12,90)

  
 

 

 

 

 

Ricucire una vita. Storia di suor Rosemary Nyirumbe

Sono oltre duemila le ragazze ridotte a lordura dalla sanguinaria milizia del Lord’s Resistence Army e salvate dalla donna che ha sconfitto i signori della guerra. Con ago e filo

 

Rodolfo Casadei 23 settembre, 2016


 

«Che colpa hanno di tutto questo gli avvocati?»

Il numero, i compensi, il rapporto coi magistrati. Intervista a Roberto Cataldi, direttore di un quotidiano sul mondo dell'avvocatura italiana

 

Elisabetta Longo 25 settembre, 2016

«Ma davvero sei sopravvissuto all’Hiv per morire di web?»

Siamo tutti vittime di una «epidemia di distrazione» tecnologica. Un racconto che fa pensare di Andrew Sullivan, blogger di successo che l'anno scorso si è reso conto di essersi costruito una non-vita sul web. E ha tagliato i ponti

 

Redazione 23 settembre, 2016


 

Outlet Italia. I nostri gioielli piacciono, ma non sempre vendere è un bene

In tempo di crisi il made in Italy si porta a casa a buon mercato. Ma vendere è un bene solo se permette una continuità aziendale e lavorativa. Parlano Luigino Bruni e Nicola Porro

25 settembre, 2016 


 

 

Mercoledì 21 settembre

Esteri

Belgio, eutanasia minorile. «L'obiettivo non sono tanto i bambini, ma tutte le persone improduttive»
di Benedetta Frigerio

Eutanasia infantile, eutanasia del diritto
di Aldo Vitale

In Siria nessuno crede alla strage compiuta «per errore» dagli americani
di Redazione

«I Boko Haram ci frustavano ogni giorno. Volevano convertirci all'islam»
di Leone Grotti

A che punto è la fame in Venezuela
di Redazione

Politica

Il Welfare State ti lascia da solo. Perché recuperare la Big Society
di Philip Booth

Da quando c'è Virginia Raggi, Roma funziona come un orologio (rotto)
di Redazione

Migranti a Milano. L'organizzazione raffazzonata di Beppe Sala
di Elisabetta Longo

Società

Perché la voglia di provare a creare esseri umani "senza mamma" è «scientificamente folle»
di Benedetta Frigerio

Interni

Oh toh! Mafia Capitale non è mafia
di Redazione

Arretrati Ici-Imu, primo round alla Chiesa. Per i radicali niente «regalo postumo a Pannella»
di Redazione

«Paritarie mai così umiliate come quest'anno. E ci chiamano "le scuole dei ricchi"»
di Elisabetta Longo

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

 

ITALIANO

Posted: 20 Sep 2016 07:03 AM PDT

Due categorie di italiani non parlano italiano: i napoletani, perché non ne sentono la necessità; i toscani, perché credono di parlarlo.

MORRICONE

Posted: 20 Aug 2016 03:46 PM PDT

Così Ennio Morricone all’agenzia Zeenit.org: «Dopo il Concilio Vaticano II la mia attenzione si soffermò sul cambiamento che subì la musica in seguito a quell’evento. Ebbene, mi dispiacque moltissimo quando si decise di staccarsi dalla tradizione musicale che proveniva dal passato della Chiesa. Forse si cercò di andare incontro ai gusti dominanti, proponendo stili musicali più popolari e vicini alle tendenze della musica popolare di oggi. Mi sembrò si stesse minando un’identità musicale importante e millenaria».

 

 

@ 

 

 

 

 

Domenica 18 Settembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Non potete servire Dio e la ricchezza» New York, La Liturgia di Domenica 18 Settembre 2016, XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

Memorare, di Pino Mulone

 

Non siamo il prodotto casuale e senza senso dell'evoluzione, Donenica 18 Settembre 2016
Non siamo il prodotto casuale e senza senso dell'evoluzione.
Ciascuno di noi è il frutto di un pensiero di Dio.
Ciascuno di noi è voluto,
ciascuno è amato,
ciascuno è necessario.
Benedetto XVI

(cit. in:"Ultime Conversazioni- a cura di Peter Seewald" pag. 179. ed. Garzanti € 12,90 )

  
 

 

 

 

Mercoledì 14 settembre

Politica

Uno vale uno? No, nessuno vale niente. Il caso Raggi-M5S spiegato dal consulente di Casaleggio
di Redazione

Interni

Caos scuola. «Il problema non è il concorsone, ma il sistema centralistico di reclutamento»
di Benedetta Frigerio

Cultura

Ma quale "gaffe" a Ratisbona. Oggi possiamo riconoscere che Benedetto XVI aveva ragione?
di Redazione

Esteri

«La libertà religiosa è sinonimo di razzismo, sessismo, omofobia, islamofobia e intolleranza»
di Leone Grotti

Siria, cessate il fuoco in vigore. Ma basta uno schema per capire che è fragilissimo
di Redazione

Libia. Il generale Haftar si prende i pozzi di petrolio e il governo appoggiato dall'Onu gli dichiara guerra
di Redazione

Francia, le cinque jihadiste che volevano colpire Notre-Dame (o forse un'altra chiesa)
di Leone Grotti

Colorado, i danni della marijuana legale: più giovani fumatori, più ricoveri in ospedale e più morti
di Elisabetta Longo

Chiesa

«Persone sacre e sacre cose, tutto venne assalito, distrutto nei più villani e barbari modi»
di Vicente Cárcel Ortí

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 11 Settembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Ci sarà gioia in cielo per un solo peccatore che si converte» New York, La Liturgia di Domenica 11 Settembre 2016, XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

 

Memorare, di Pino Mulone

Io sono meglio di te, Domenica 11 Setembre 2016
Soltanto l'amore non dice ciò che tutti noi passiamo tutta la vita a dire a tutti: <<Io sono meglio di te>>.
L'amore ha altri modi per essere rassicurato.
Ha un'autorità diversa, che non viene dall'alto ma dal basso.
Le nostre società, tutte le società umane, sono piramidali.
Al vertice ci sono le persone importanti:
ricchi, potenti, belli, intelligenti, quelli a cui tutti guardano.
In mezzo, la plebe, che è la maggioranza e che nessuno guarda.
E poi, in fondo, quelli che persino la plebe è contenta di guardare dall'alto in basso:
gli schiavi, i minorati, le nullità.
Pietro è come tutti: gli piace essere amico delle persone importanti, non delle nullità,
e ora Gesù si mette in modo molto concreto al posto di una nullità.
Così non va più bene.
Pietro rattrappisce i piedi in modo che Gesù non possa lavarli, e dice:<<Neanche per sogno>>.
Gesù gli risponde con fermezza:
<< Se non ti laverò i piedi, non potrai aver parte con me, essere mio discepolo>>,
e Pietro cede, esagerando come sempre:
<<D'accordo, >>dice <<ma allora non solo i piedi. Anche le mani, e po la testa!>>.
Dopo aver lavato i piedi a tutti, Gesù si alza, si rimette la tunica e torna a sedersi.
Dice:<<Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene , perché lo sono.
Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi,
anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri.
Se lo farete sarete beati>>.
Emmanuel Carrère

(cit. in "Il Regno" pag. 424 ed. Gli Adelphi €14)

 
 

 

 

 

Venerdì 09 settembre

Interni

Terremoto. Cosa bisogna sapere per evitare di parlare a vanvera di "crolli anomali”
di Caterina Giojelli

Scuola. Perché il concorsone anti-precariato finirà per creare migliaia di insegnanti precari
di Benedetta Frigerio

Politica

«M5S? Sono la casta degli anticasta». Parola di grillino della prima ora
di Caterina Giojelli

Gender a scuola, rimonta la campagna con 8 proposte di legge. Stroncate da Agesc e Forum famiglie
di Redazione

Il Deserto dei Tartari

Se il prete gay-friendly discrimina chi non è omosessuale
di Rodolfo Casadei

Chiesa

Chi ha trasmesso il documentario più crudele contro Madre Teresa? La Tv dei vescovi
di Sabino Paciolla

Cosa dice Benedetto XVI di Obama, Putin e Castro
di Redazione

Quando Ratzinger era progressista
di Redazione

Esteri

«Sono Down e non mi fa problema. Perché ci impedite di parlare in tv?»
di Leone Grotti

Cina. Sequestrato dal regime il vescovo di Wenzhou, la città delle croci demolite
di Leone Grotti

Se in Francia l'estremismo islamico si combatte così, stiamo freschi
di Leone Grotti

Se nemmeno il pragmatismo di Angela Merkel funziona
di Rodolfo Casadei

«I terroristi dell'Isis sono dei mostri. Non ci hanno lasciato niente in questa terra»
di Leone Grotti

Cultura

Operazione “fideicidio”. Storia della persecuzione comunista nell'Armenia cristiana
di Shahe Anayan

 

 

Martedì 06 settembre

Politica

Roma, caso Raggi-Muraro. Il problema non è l'onestà, il problema è che sono grillini
di Redazione

Interni

L'amarezza del primario per Eleonora, che aveva «più possibilità di guarire che di non guarire»
di Caterina Giojelli

Chiesa

Macerata. La grande ferita lasciata dal terremoto: «Chiese inagibili ma la gente vuole la messa»
di Elisabetta Longo

Società

Allarme cinghiali, 100 milioni di danni nel 2015. Coltivatori in rivolta: «I cacciatori non bastano più»
di Elisabetta Longo

Esteri

La nuova rivista dell'Isis si chiama "Roma"
di Redazione

Sud Sudan, dove i bambini di 10 anni giocano ad «ammazzare i Dinka»
di Leone Grotti

Nigeria, a processo un gruppo di ufficiali che trafugava armi e le rivendeva a Boko Haram
di Benedetta Frigerio

«La Libia diventerà il ponte per l'occupazione dell'Italia, con il permesso di Allah»
di Redazione

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

MADRETERESA

Posted: 10 Sep 2016 04:08 AM PDT

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-quando-madre-teresa-combatte-il-demonioin-albania-sulla-tomba-del-tiranno-hoxha-17320.htm

M5S

Posted: 09 Sep 2016 07:42 AM PDT

I grillini vincono a Roma? Eccoli serviti di barba e capelli. Di Sala indagato a Milano si è saputo solo dopo elezioni, ballottaggio e vittoria. Ieri, procedimento archiviato. Lupi, ministro ciellino, costretto a dimettersi perché qualcuno aveva regalato un rolex al figlio… Eh, ragazzi, la politica è una cosa seria, meglio perciò farla dalla parte giusta. W la Svizzera!

JAY

Posted: 05 Sep 2016 08:03 AM PDT

Leggo sul sito provita.it di Jay Hendry, americano della Pennsylvania. Due anni fa un incidente stradale. Lesione cerebrale irreversibile. Per diciassette volte i medici hanno invitato la moglie a “mettere fine alle sue sofferenze”. Diciassette. Ma lei, niente. Allora è stata accusata di egoismo (semmai è vero il contrario: ricordate il coniuge di Terry Schiavo?) perché insisteva nel mantenere il marito in quello “stato vegetativo permanente”. Lei, visto che non le davano l’assistenza domiciliare, ha lasciato il lavoro ed è stata sostenuta dai parenti. Ma alla fine ha trovato un centro riabilitativo che ha acconsentito a prendersi cura di quella “vita non degna di essere vissuta”. Oggi l’uomo gioca coi tre figlioletti e la aiuta perfino nelle faccende domestiche. Certo, è rimasto handicappato, ma lei è convinta che, se le avessero dato retta fin dal principio, la riabilitazione avrebbe potuto fare molto di meglio. Jay adesso è, sì, un marito e un padre handicappato, ma è vivo, ride, parla, si arrabbia e litiga perfino.

 

 

 

 

 

 

Domenica 4 Settembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Chi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo» New York, La Liturgia di Domenica 4 Settembre 2016, XXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

 

 

Fine dell' estate . Mass on the Beach.
PARISH ENDS SUMMER WITH MASS ON THE BEACH
As summer comes to a close, one parish is taking its last chance to hit the sand. St Francis De Sales parish in Belle Harbor is taking its annual labor day mass to Rockaway Beach, allowing the parish to get closer to God while also working on a tan. Katie Engesser talks to pastor Monsignor John Bracken about blessing God’s garden.
Air date September 2, 2016

http://netny.tv/episodes/currents/parish-ends-summer-mass-beach/#.V8m8q8T3anM

Memorare, di Pino Mulone

La riconquista dell'identità, Domenica 4 Settembre 2016
Ma l'emergenza dell'uomo, la riconquista dell'identità, è possibile
non per un ragionamento, per un' auto riflessione, bensì solo per un incontro:
l'incontro con una realtà umana viva.
[...]
Ciò che caratterizza il fenomeno dell'incontro è una differenza qualitativa,
una percepibile differenza di vita.
L'incontro è l'imbattersi in una differenza qualitativa,
in una diversità che attrae.
E attrae nella misura in cui passa attraverso il filtro del paragone e del giudizio,
in quanto cioè corrisponde di più al cuore.
L'incontro suscita dunque la libertà.
Luigi Giussani

(cit. in "Un avvenimento di vita cioè una storia" pag.227 ed. "Il Sabato")

 

 

 

 

Venerdì 02 settembre

Politica

Fertility Day. Due paroline a Renzi, il “benaltrista”
di Luigi Amicone

Società

Terremoto. Va bene non dar la colpa a Dio, ma non si può gettare la croce sugli uomini
di Redazione

Una "chiesa da campo" per i terremotati. «Segno di una compagnia nella fede»
di Caterina Giojelli

Chiesa

«Grazie Dio per aver donato al nostro tempo tragico questa santa». Madre Teresa e don Giussani
di Renato Farina

«E poi c'è quella buffa suorina che raccoglie i morenti». Così il mondo scoprì Madre Teresa
di Leone Grotti

Società

Cos'è dunque la laicità? Il diritto di entrare a Monreale in canotta
di Correttore di bozze

Interni

Italia: 13 mila migranti in quattro giorni, 116 mila nel 2016. Anche la Grecia al collasso
di Leone Grotti

Esteri

La Turchia invade la Siria, Assad e Russia non protestano. La spartizione del paese è cominciata
di Rodolfo Casadei

Germania costretta a fare i conti con «decine di moschee estremiste»
di Redazione

Arabia Saudita. Scoperti a pregare la Madonna in casa: arrestati e deportati 27 cristiani
di Leone Grotti

Asia Bibi, a ottobre il processo decisivo. Le prove sono con lei, gli estremisti islamici no
di Leone Grotti

Francia, parte male "l'islam repubblicano"
di Leone Grotti

Venezuela, tensione altissima. Un milione in piazza. Maduro: «Golpisti, tutti in galera»
di Redazione

Cultura

L'Italia del Family Day. Gandolfini si racconta in un libro
di Redazione

 

Martedì 30 agosto

Cultura

Le dieci bugie anticattoliche che non fanno onore agli storici. Intervista a Rodney Stark
di Pietro Piccinini

Società

L'unico modo di ricostruire dopo il terremoto
di Cassian Folsom

Cosa ci suggerisce la croce costruita dai pompieri nella tendopoli di Arquata
di Emanuele Boffi

Economia

Terremoto. Per "Casa Italia" strada in salita tra rigidità europea e «crescita zero»
di Redazione

Esteri

"Spezza la croce". La rivista dell'Isis attacca papa Francesco e Benedetto XVI
di Leone Grotti

«Non è giunto il momento per i musulmani di affrontare seriamente il problema Isis?»
di Louis Raphael I Sako

«Aleppo è diventata una grande prigione»
di Rodolfo Casadei

Indonesia, cerca di sgozzare un prete in chiesa. «Ispirato agli assassini di padre Jacques»
di Redazione

Nigeria. «Abbiamo bisogno di acqua e cibo, non di contraccettivi»
di Redazione

Chiesa

Madre Teresa. Governo indiano onora la sua canonizzazione, gli indù protestano
di Redazione

 

Venerdì 26 agosto

Società

Terremoto: al bando sentimentalismi e polemiche. «Mettiamoci a disposizione»
di Caterina Giojelli

Terremoto, Norcia. «Le campane non possono più suonare, ma noi continuiamo a pregare»
di Benedict Nivakoff

Interni

Terremoto, i monaci di Norcia salvi per un soffio. «Tutto in macerie in pochi secondi»
di Caterina Giojelli

«Il terremoto a Pescara del Tronto ha colpito tantissime persone. Si lavora per salvarne il più possibile»
di Caterina Giojelli

Esteri

I poliziotti curdi pronti a morire per salvare il figlio del loro carnefice
di Emanuele Boffi

Società

L'Italia non è un paese per bebè (e nemmeno per giovani)
di Rodolfo Casadei

Chiesa

Vita, opere, preghiere, amici (e nemici) di Madre Teresa, la «santa dell’“oscurità”»
di Rodolfo Casadei

Società

Giudicare tutto per «essere felici» (a costo di essere definiti «integralisti»)
di Leone Grotti

Esteri

«Mentre infuriava la guerra in Centrafrica ho visto tanti miracoli. E ho capito perché la Chiesa non è una ong»
di Leone Grotti

Società

Mi sa che l'orgoglioso "no" laico alla poligamia non durerà molto (questione di burkini)
di Correttore di bozze

Esteri

Altro che progresso e libera scelta, anche l'India vuole bloccare il business dell'utero in affitto
di Redazione

Chiesa

L’Europa è diventata un’unione di diritti, ma mai di doveri
di Joseph Weiler

Esteri

«Cari studenti, benvenuti nella nostra università. Aspettatevi cose politicamente scorrette»
di Redazione

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

SANTO

Posted: 30 Aug 2016 03:21 AM PDT

Qual è il Santo più gettonato dai vescovi? Don Abbondio. Direte che non è Santo. Appunto.

 

 

 

 

 

Domenica 28 Agosto 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato» New York, La Liturgia di Domenica 28 Agosto 2016, XXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

 

Memorare, di Pino Mulone

Non compio il bene che desidero, ma il male che odio, Domenica 28 Agosto 2016
Io sono d'accordo con Nietzsche quando paragona il cristianesimo al buddhismo e loda il secondo perché è
<<più freddo, più obiettivo, più sincero>>,
ma mi sembra che al buddhismo, come allo stoicismo, manchi qualcosa di essenziale e di tragico,
che è il cuore del cristianesimo e che quel pazzo furioso di Paolo aveva capito meglio di tutti.
Stoici e buddhisti credono nel potere della ragione e ignorano o minimizzano la profondità dei conflitti interiori.
Pensano che l'infelicità degli uomini coincida con l'ignoranza e che se conosciamo la ricetta della vita felice, bé,
non resta che metterla in pratica.
Quando, in contrasto con ogni forma di saggezza, Paolo detta questa frase folgorante:
<<Non compio il bene che desidero, ma il male che odio>>,
quando stende quel verbale che Freud e Dostoevskij non hanno mai smesso di analizzare e che
non ha smesso di far digrignare i denti a tutti i nietzschiani da operetta,
esce completamente dall'orizzonte del pensiero antico
Emmanuel Carrère

(cit. in "Il Regno" pag.322 ed. Gli Adelphi €14)

 

 

 

 

«Aleppo è diventata una grande prigione»
 

Da undici mesi vice parroco latino ad Aleppo, padre Firas racconta come sopravvivono i cristiani e cosa gli ha detto l'inviato Onu per la Siria Staffan De Mistura
28 agosto, 2016, Tempi.it 

 

Chiara Appendino, la finta incendiaria. È «il volto antisistema del sistema»
 

Sotto la Mole di Torino, si è già capito che la “sindaca” Appendino non farà fuoco e fiamme per bruciare gli assetti di potere della città. Anzi. Marco Margrita 27 agosto, 201

 

Terremoto: al bando sentimentalismi e polemiche. «Mettiamoci a disposizione»

Intervista a don Antonio Villa, il prete che quarant'anni fa in Friuli costruì una scuola sulle macerie del sisma. «Siamo presenti nel dolore, con la preghiera, l'amicizia e il coraggio della speranza»

 

Il kit di sopravvivenza
 

Nel momento in cui si è scoperto che non tutto può essere scoperto, cosa resta se non la certezza dell’incertezza dell’esistenza?

 

L’unico modo di ricostruire dopo il terremoto
Cassian Folsom

 

Ghostbusters. Quando il remake non funziona
 

A metà tra sequel e reboot, il film di Paul Feig rischia grosso spostando il registro dalla commedia avventuroso-fantastica anni Ottanta al demenziale al femminile
Simone Fortunato 27 agosto, 201

 

L’uso della denuncia anonima è illegale, e però è legale. Strane sentenze di Cassazione
Maurizio Tortorella

 

 

«Non sapevo nemmeno che esistesse Dio»
Leone Grotti

 

Mercoledì 10 agosto

Società

I terroristi non sono pazzi. I pazzi non sono terroristi
di Rodolfo Casadei

Esteri

Da Aleppo a Cracovia. E da Cracovia ad Aleppo. La testimonianza dei giovani siriani
di Rodolfo Casadei

Interni

Non sono clandestini, ma "solo" cristiani. Per questo non possono entrare in Italia
di Redazione

La chiamavano ripresa
di Pier Giacomo Gherardini

«Gettate le chiavi», ma ricordate che i diritti valgono anche per i detenuti peggiori
di Maurizio Tortorella

Sport

Mi auguro solo che le nostre "cicciottelle" non si siano offese
di Fred Perri

Le mie nove Olimpiadi
di Roberto Perrone

Cultura

L'importante è vincere
di Giuseppe Zanetto

Sport

Quando la forza non basta
di Rodolfo Casadei

Chiesa

Le origini e la vita della Fraternità san Carlo raccontate da monsignor Camisasca
di Benedetta Frigerio

Interni

Selvaggia Lucarelli sognava di risvegliarsi Formigoni. Il sogno è diventato realtà
di Antonio Simone

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

TERZOSEGRETO

Posted: 25 Aug 2016 09:06 AM PDT

«…un vescovo vestito di bianco, altri vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose salire una montagna ripida, in cima alla quale c’era una grande croce di tronchi grezzi, come se fosse di sughero con la corteccia (…); giunto alla cima del monte (…) venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i vescovi, sacerdoti, religiosi, religiose e varie persone secolari…». E’ il terzo segreto di Fatima. Ma, data la croce pauperistica, non potrebbe essere, invece, l’atteso Trionfo del Cuore Immacolato?

 

Branciaroli: «La fede, una lotta continua»
Avvenire, Alessandro Zaccuri, 19 agosto 2016
Branciaroli legge Manzoni. L’artista delle grandi passioni affronta il grande peccatore e la madre di tutte le conversioni: ieri sera, l’attore preferito da Giovanni Testori e dallo stesso don Giussani è tornato a Rimini con 'La Notte dell’Innominato', la lettura manzoniana che più di ogni altra associa la cupezza del dolore al guizzo della Misericordia. Schopenauer e papa Francesco, la lotta eterna con il Male e la metamorfosi del Meeting, che l’attore frequenta da anni. Letti, ovviamente, con tutta la visceralità di Branciaroli.
 

 

 

 

Domenica 21 Agosto 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Verranno da oriente a occidente e siederanno a mensa nel regno di Dio» New York, La Liturgia di Domenica 21 Agosto 2016, XXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

 

Memorare, di Pino Mulone
 

La verità e la menzogna abbiano lo stesso sapore?,  Domenica 21 Agosto 2016
In uno dei quaderni in cui vent'anni fa commentavo san Giovanni, ho copiato un brano di Lanza del Vasto che denuncia
<< chi fa della verità un argomento di curiosità,
delle cose sacre un oggetto di piacere,
della pratica ascetica un'esperienza interessante;
chi sa dividere se stesso,
ricominciare daccapo,
vivere più vite in una sola;
chi ama sia il pro sia il contro,
trova che la verità e la menzogna abbiano lo stesso sapore,
chi a furia di mentire dimentica di mentire e inganna se stesso;
l'uomo d'oggi insomma,
che s'interessa superficialmente di tutto,
capovolge tutto,
cambia idea su tutto;
l'uomo a noi più vicino,
quello che conosciamo meglio.
Sarei forse io, Signore?>>
Le parole <<sarei forse io, Signore?>> sono quelle che mormorano i discepoli quando Gesù dice che uno di loro lo tradirà.
Nell'abbozzare questo ritratto, Lanza del Vasto ha in mente Giuda, non Luca.
Ma quando l'ho copiato,
mi sembrava avesse in mente me.
Emmanuel Carrère

(cit. in "Il Regno" pag.318 ed, Gli Adelphi €14)

 

 

 

 

Domenica 14 Agosto 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Non sono venuto a portare pace sulla terra, ma divisione» New York, La Liturgia di Domenica 14 Agosto 2016: - XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C).  ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA (Messa della Vigilia)

 

Memorare, di Pino Mulone
 

Ma insomma, alla fin fine, lei è cristiano o no?. Domenica 14 Agosto 2016
Ho idea che quando questo libro uscirà qualcuno mi chiederà:
<<Ma insomma, alla fin fine, lei è cristiano o no?>>
[...]
Potrei giocare d'astuzia, dire che se ho sudato sette camicie su questo libro è proprio per non dare una risposta.
Per lasciarla in sospeso, per rinviare tutti a quella domanda.
Sarebbe proprio una cosa da me.
Ma preferisco rispondere.
No.
No, non credo che Gesù sia risorto.
Non credo che un uomo sia tornato dal mondo dei morti.
Ma il fatto che lo si possa credere, e che io stesso l'abbia creduto, mi intriga, mi affascina, mi turba, mi sconvolge - non so quale sia il verbo più adatto.
Scrivo questo libro per non pensare, ora che non ci credo più, di saperne più di quelli che ci credono e di me stesso quando ci credevo.
Scrivo questo libro per cercare di non essere troppo d'accordo con me stesso.
Emmanuel Carrèr

(cit. in "Il Regno" pag.244 ed.Gli Adelph €14)

 

 

 

 

Domenica 7 Agosto 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Anche voi tenetevi pronti» New York, La Liturgia di Domenica 7 Agosto 2016, XIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

 

Memorare, di Pino Mulone
 

Il cristianesimo è un avvenimento - qualcosa di accaduto, che accade, Domenica 7 Agosto 2016
Il cristianesimo è un avvenimento - qualcosa di accaduto, che accade - :
questa è l'insostituibile categoria che ne definisce la natura. (...)
Non è una produzione dialettica, ma la notizia di qualcosa che c'è: un avvenimento un fatto. L'annuncio di tale Fatto coincide con l'annuncio di un cambiamento: un cambiamento dell'uomo, che all'uomo è impossibile, tanto da chiamarsi <<miracolo>>. (...) Il cristianesimo è un avvenimento (annuncio e miracolo) profondamente razionale, perchè permette l'esperienza di un potenziamento dell'umano che ne costituisce la verifica: l'uomo si sente più certo e limpido nella ragione della vita, e più libero, cioè più capace e più pieno di energia nell'aderire all'essere.
Luigi Giussani, (cit. in "Un avvenimento di vita cioè una storia" pag.158 ed. Il Sabato)

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

I DELITTI NELLA CAMERA CHIUSA

Posted: 02 Aug 2016 08:00 AM PDT

I delitti nella camera chiusaLe prove sono schiaccianti: l’indagine su un delitto commesso in una camera chiusa dall’interno, o comunque in un ambiente circoscritto, rappresenta la quintessenza del giallo classico. E appunto in questi spazi delimitati, divenuti scena del crimine, si muovono investigatori vecchi e nuovi, maschere che richiamano i celebri detective del passato e volti originali come l’inquisitore Corrado da Tours o don Gaetano Alicante. Tutti alle prese con rebus apparentemente insolubili, con misteri che travalicano i confini della ragione, con assassini dotati di un’astuzia diabolica. E che il palcoscenico si collochi nel lontano Medioevo, nel ventennio fascista o in epoca attuale, dalla Sicilia all’India britannica al Giappone, tra biblioteche spettrali e party dell’alta società, non cambia la sostanza: un duello d’intelligenze tra il colpevole e chi gli dà la caccia. Sta a dimostrarlo questa collezione di casi da manuale, capaci di rinnovare con maestria l’eterna sfida dell’enigma in attesa di una soluzione.

 

 

PADRONEDELMONDO
Posted: 05 Aug 2016 06:40 AM PDT
I regimi ideologicamente atei hanno teso all’eliminazione totale della Chiesa. Quelli laicisti, invece, hanno solo inteso asservirla allo Stato. Cioè, a quanti in quel momento comandavano. Costoro, coerentemente col loro agnosticismo, si limitavano a combattere gli aspetti «inutili» della Chiesa (gli ordini contemplativi) e quelli «dannosi» (per loro; l’insegnamento in primis). Lasciavano in piedi solo la «carità», cioè l’assistenza gratuita purché «senza oneri per lo Stato». I teologi progressisti lo sanno, ed è per questo che offrono un modello di Chiesa «accettabile» e pure depurata preventivamente di ogni eventuale dissenso. Così, il Padrone del Mondo bensoniano potrà risparmiarsi anche le bombe.

 

 

 

@  Il Santo del giorno:
  -Tracce
   -santi, Beati, Testimoni

@  PAPI NELLA STORIA

@  MAGISTERO

Galatro  News

 

Brooklyn  News

 

Galatro Blog


@
«In Memoria della Signora Franca Cannatà. Zia Franca. Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
ma non avessi la carità,
sarei un bronzo risonante o un cembalo squillante.
», Galatro, Giovedì 28 Aprile2016

@ San Pio da Pietralcina:  «Padre Pio nella mia vita, quando lo straordinario era quotidiano. Appunti della vita del Dottor Francesco Lotti, collaboratore e figlio spirituale di San Pio da Pieltralcina» di Angelo Marazzita, Galatro, 16 Agosto 2015 Festa di San Rocco

@ am: «Italia il bancomat dei terroristi, San Nicola! La generosità di Gianna e gli stravanti aiuti di Greta e Vanessa» Galatro, Sabato 24 Gennaio 2015

am: «Parigi val bene una messa, San Nicola! In margine all'attentato al giornale “Charlie Hebdo” di Parigi il 7 Gennaio 2015» Galatro, Sabato 10 Gennaio 2015

am: «L'Europa rinascerà? San Nicola! L’Europa ha perso per strada molti dei suoi ideali. La vera emergenza odierna» Galatro, Sabato 24 Maggio 2014

am: «Suicidarsi a 13 anni, San Nicola! Sabato mattino una leggera ed esile pioggia, quasi reverenziale, ha accompagnato il funerale di una giovanissima ragazza, una tredicenne. La cronaca nera di una cittadina a ridosso di Torino questa volta è generosa di dettagli» Galatro, Lunedì 21 Aprile 2014

am: «La primavera, San Nicola! Tutto è diverso, tutto è nuovo. Il Destino non ha lasciato solo l’uomo. Il Destino si è reso incontrabile, verificabile» Galatro, Giovedì 10 Aprile 2014

@ am: «La notte degli Oscar, San Nicola! Era una giornata bellissima, primaverile e tiepida. Gli amici sbucavano all’improvviso e alla spicciolata. La compagnia si ricomponeva. Uno degli amici aveva lo sguardo sospeso in aria e a tratti sembrava che calpestasse qualcosa per terra. Di punto in bianco esordì: “Avete visto domenica scorsa gli Oscar?"» Galatro, Mercoledì 12 Marzo  2014

@ am: «La Bulla e le Nuove Periferie, San Nicola! Un timido sole di metà febbraio ci ha invogliato a spingerci a fare una lunga passeggiata sino alle Terme, quelle che Bruno “Il Sindaco” considerava l'oro del Paese. Le poche macchine che intercettavamo lasciavano inalterato tutto l'ambiente, non alteravano la tranquillità che ci invadeva e ci permetteva di parlare con trasporto senza doverci urlare addosso, come invece vediamo accadere sistematicamente in tutte le trasmissione televisive. Ma la questione della “Bulla” di Bollate non ci lasciava tranquilli. “Avete visto cosa ha fatto la bulla ai primi di febbraio, fuori dalla scuola, con la sua tuta grigia e la borsetta a tracolla? Ha insultato e picchiato una ragazza, che forse le ha soffiato il ragazzo, con una semplicità disarmante”, ci raccontava un amico» Galatro, Domenica 16 Febbraio  2014

@ am: «Cannabis … per avere giovani storditi e passivi, San Nicola! Qualche giorno addietro approfittando di un pomeriggio ancora soleggiato ma freddo, con il solito gruppo di amici, facemmo una passeggiata lungo la strada che porta alle Terme, quella strada che “'u Sindacu” fece costruire proprio per agevolare l'accesso alle terme. Si chiacchierava sui festeggiamenti a Montevideo in Uruguay per la liberalizzazione del consumo di marijuana» Galatro, Domenica 2 Febbraio  2014

@ am: «Buon Anno, San Nicola! Le feste di Natale sono appena finite e si ricomincia con le passeggiate in piazza. Un anno nuovo non è diverso dal precedente. I pochi emigranti che erano venuti al paese, per ritrovare i loro cari, sono ormai andati via e pochi sparuti gruppetti hanno ripreso le salutari consuetudini. Da alcune sere si riesce a passeggiare piacevolmente. Non c'è un freddo eccessivo. Si conversa amabilmente ma gli argomenti toccati agitano sempre gli animi» Galatro, Domenica 12 Gennaio 2014

@ am: «L'invidia, San Nicola! Parlare delle vicende sportive ha un effetto: infiammare gli animi. Nelle fredde serate invernali questo è un grande beneficio. Le passeggiate  diventano sempre più corte, come i giorni, mente l’invidia per il successo riportato dalla squadra avversaria, cresce. Nelle vicende politiche nazionali e locali, l’invidia è padrona sovrana. Per non parlare dell’invidia sul luogo di lavoro, pubblico o privato che sia, … e l’elenco potrebbe continuare… ché a tutte un fil di ferro il ciglio fora/ e cuce si come a sparvier selvaggio …» Galatro, Lunedì 16 Dicembre 2013

@  am: «La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, che splendore San Nicola!"  Che c'è d'allegro in questo maledetto paese?" gridò l'Innominato di Manzoniana memoria. Questa battuta infiammò la discussione serale in piazza. Il commento dei fatti politici, degli scioperi nelle varie città italiane, non dava adito a possibili vie di fuga. Il disagio, l’ intolleranza, l’ insofferenza verso tutto ciò che non andava bene, prendeva il sopravvento» Galatro, Martedì 10 Dicembre 2013

@  am: «John Fitzgerald Kennedy un mito o il nuovo, San Nicola? Ripercorrere quanto stava sucedendo cinquant'anni fa in america, con quegli gli occhi di un bambino o di un adolescente, rende ancora oggi struggente il ricordo vivissimo di quelle sbiadite immagini in bianco e nero che arrivavano su quell'unico canale televisivo che esisteva. Arrivavano da un mondo lontanissimo che un'improvvisa tragedia rese incredibilmente e dolorosamente vicino. Il mondo era certamente molto diverso. Quelle vicende si fissarono molto più facilmente nel cuore e nella mente, sebbene i mezzi di comunicazione fossero quelli che erano» Galatro, Sabato 30 Novembre 2013

@ am: «Bomba d’acqua, San Nicola! Non erano passati che pochi giorni dalla chiacchierata su “Piove, governo ladro!” che una vera bomba d’acqua si stava abbattendo sulla Sardegna e su di noi. “Una bomba d’acqua sulla Sardegna”, “Un inferno d’acqua sulla Sardegna”, “Il ciclone Cleopatra fa una strage” , “Il ciclone Cleopatra semina morte, terrore e distruzione in Sardegna”, “Sardegna in ginocchio” ... questi i titoli dei vari giornali che leggevamo per capire cosa stesse succedendo» Galatro, Martedì 26 Novembre 2013

@ am: «Piove, governo ladro! San Nicola. Sino a pochi giorni orsono ero fermamente convinto che “Piove, governo ladro!” fosse un’imprecazione inventata nell’era della Prima repubblica, ma in questi giorni mi sono ricreduto. Visitando la mostra “Casimiro Teja, sulla vetta dell’umorismo”. Con mio grande stupore ho scoperto che correva l’anno 1861 quando Casimiro Teja usò questa espressione a corredo di una vignetta che illustrava un comizio indetto dai mazziniani ed interrotto a causa della pioggia. Per certi versi i mazziniani dell’epoca si potrebbe dire sono i grillini di oggi: ai mazziniani ieri, come ai grillini oggi, non andava mai bene nulla. L’imprecazione, però, andava bene allora come va bene oggi per la Prima, la Seconda e la Terza repubblica» Galatro, Sabato 16 Novembre 2013 ... continua a leggere

@  am: «Ognuno ha un prezzo, San Nicola! Quando muore un amico e viene celebrato il funerale ti accorgi che non tutti i funerali sono tristi. La chiesa è piena zeppa delle persone più diverse, gente del popolo, ex colleghi di lavoro, amici e nemici. Tutti hanno bisogno di ringraziarlo per aver reso migliore la propria vita. Il valore di quell’amico lo si vede lì. Poi nei  giorni scorsi leggendo i giornali, ascoltando i telegiornali, si restava sbigottiti nel sentire che alcune minorenni offrivano prestazioni sessuali in cambio di una ricarica telefonica. Per complicare il tutto si aggiungeva anche la notizia che qualche madre prendeva la percentuale sui proventi della prostituzione della propria figlia quindicenne. Era troppo. Tutto diventava insopportabile e rinasceva spontanea la domanda: "Qual' è il valore della nostra vita?"» Galatro, Sabato 9 Novembre 2013

@  am: «Il Papa spiato, San Nicola! Il Papa, gli spionaggi e i social network» Galatro, Sabato 2 Novembre 2013

@  am: «La chiave che apre la porta alla fede, San Nicola.  Immaginate una chiesa chiusa nella quale la gente, che passa davanti non può entrare e da dove il Signore che è dentro non può uscire. Ecco sovente molti cristiani hanno in mano la chiave e la portano via, non aprono la porta; o peggio, si fermano alla porta e non lasciano entrare» Galatro, Sabato 26 Ottobre 2013

Don Giuseppe Calimera: «“Beato l'uomo che confida nel Signore”... è con questa esclamazione che voglio salutare il Professore Cordiani. Ho voluto scegliere questa frase del Salmo 1 perchè così mi piace ricordare il professore, uomo timorato di Dio, uomo che confidava in Dio, uomo che aveva sempre il pensiero alle cose di Dio. Posso confermarlo sopratutto pensando a qualche mese fa quando lui stesso mi chiamò che voleva confessarsi e ricevere il sacramento dell'unzione. Non poteva essere diversamente essendo uscito da una formazione Salesiana dove ha ricevuto i principi cristiani, i valori umani, la conoscenza di Dio, che lui non ha mai smesso di trasmettere a chiunque lo incontrava. Galatro oggi perde un altro dei suoi figli che ha segnato le pagini di questo paese e ha servito questo paese formando diverse generazioni di ragazzi. Avendo studiato pedagogia non poteva che uscirne un uomo, un maestro di vita di valori fondati. La pagina della storia di Galatro da un lato è ricca di figli che hanno dato la vita per questo paese, da un altro lato è povera perché perde un suo figlio che poteva essere ancora strumento di crescita», Omelia per il Funerale di Carmelo Cordiani, Galatro, Domenica 20 Ottobre 2013

Gli amici di Carmelo Cordiani: «QUANDO NOI VEDREMO TUTTO, SAN NICOLA! Era da qualche giorno che il banco davanti a San Nicola era vuoto. Eppure Carmelo non aveva fato altro che raccomandarsi con i suoi amici di andare a trovare il suo Santo protettore, specialmente ora che doveva continuamente rifare il tagliando. Così gli piaceva ricordare i suoi continui viaggi della speranza per rimettere in sesto il suo corpo martoriato. Pieni di dolore e tristezza ci sedemmo al solito posto, ma neanche il tempo di aprire bocca che subito il Santo sbottò.», Galatro, Sabato 19 Ottobre 2013

@ Cordiani Carmelo: «QUANTA MISERICORDIA, SAN NICOLA!. Mi alzai piano piano perché volevo spendere ancora due parole davanti al Tabernacolo. Mi venne a mente di dire a Gesù che, senza la sua presenza nella nostra vita, ci sentiamo vuoti e inutili. Gli dissi anche di scuoterci, quando persistiamo in un atteggiamento orgoglioso che ci tiene distaccati e ci fa credere autosufficienti. Ma anche qui intervenne San Nicola…», Galatro, Domenica  22  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «COSA VUOLE IL SIGNORE, SAN NICOLA? Lo sai che, a volte, ci mandi fuori strada? Nel libro della Sapienza riconosci Tu stesso che il nostro corpo corruttibile appesantisce l’anima e la tenda d’argilla opprime una mente piena di preoccupazioni. Affermi, inoltre, che a stento immaginiamo le cose della terra, scopriamo con fatica quelle a portata di mano. Come possiamo, allora, conoscere il tuo volere? Come possiamo stabilire una relazione con Te se non sappiamo chi sei e cosa vuoi? Addirittura, tramite Luca ci dici che se amiamo il padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli… più di Te non possiamo essere tuoi discepoli. E di chi, allora? Rimaniamo chiusi nel nostro vaso d’argilla, come si è espresso anche il tuo servo Francesco, continuamente in ansia che quella piccola fiammella che abbiamo ereditato, o ci hai dato, si spenga e restiamo al buio?», Galatro, Domenica  15  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «PERCHE’ ULTIMI, SAN NICOLA? “Senti un po’, San Nicola, la faccenda degli ultimi non mi convince. Possibile che tra i tanti guai che ci affliggono dobbiamo metterci da parte se ci siamo sacrificati per un posto in prima fila? Se i primi diventano ultimi e questi i primi, mi sai dire che fine faranno i primi diventati ultimi?”», Galatro, Sabato 7  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «QUANT’E’ STRETTA, SAN NICOLA ? “Abbi pazienza, mio Signore. Non solo hai ristretto la porta, ma non si passa nemmeno sforzandosi per entrare. E allora, cosa ci resta?  Prima hai dichiarato di essere venuto a gettare fuoco sulla terra, poi ci inviti alla conversione, altrimenti periremo tutti allo stesso modo, concludi restringendo la porta … mi sai dire cos’altro ci aspetta? Già è difficile capire il tuo messaggio d’amore, di perdono; quando fai queste dichiarazioni, scusami, ci scoraggi. Possibile che tutta la partita tra Te e noi debba svolgersi sul filo della fede? E chi non ce l’ha? Non ci lasci un po’ di spazio anche per capirti quando il discorso diventa, per noi, assurdo?”», Galatro, Martedì  27 Agosto 2013

@ Cordiani Carmelo: «CHE SPLENDORE, SAN NICOLA! Un tunnel di luci, via Garibaldi di Galatro. Infondo, la chiesetta della Madonna del Carmine, con il portone spalancato. Vigilia della festa e, come per tradizione, la statua era stata portata al “catafalco”, una mini processione nell’altra parte del paese, la sezione Montebello. Suoni, canti, preghiere e un commento del giovane parroco. Poi il ritorno nella chiesetta, uno spazio ricco di ricordi per chi è nato a soli cinquanta metri. Nel fiume Metramo uno spettacolo insolito, un brulicare di fiammelle al passaggio della processione... Quello che conduce alla Madonna è un percorso di luce in cui, più ti immergi, più senti il profumo di cielo .... la madre di Gesù è più onorata, sia sotto il titolo di Madonna del Carmine che quello di Maria SS. Della Montagna. E’ la madre e, con le mamme, si ha più confidenza. Anche per i pellegrinaggi è così: La Salette, Fatima, Lourdes, Loreto…luoghi sacri alla Madonne, dove apri il tuo cuore pieno di rughe e di pieghe sclerotiche, un vero labirinto in cui trovi di tutto», Galatro, Venerdì 16 Agosto 2013

@ Cordiani Carmelo: «SOLO SODOMA, SAN NICOLA? “Ma perché questo uomo, questo capolavoro uscito dalla tue mani, ha combinato e continua a combinare guai?», Galatro, Mercoledì 31 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «PORRO UNUM”! RICORDI, SAN NICOLA? D’altra parte, una sola cosa è necessaria», Galatro, Giovedì 25 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"CHE FIGURACCIA, SAN NICOLA!". Il levita ed il sacerdote passarono indifferenti. E mi ritorna ancora la riflessione di papa Francesco quando ha parlato della “globalizzazione dell’indifferenza”. Sagge parole che, un padre passionista nell’omelia di domenica, ha  allargato aggiungendo che l’indifferenza è peggiore dell’odio, perché l’odio ha un avversario di fronte. L’indifferenza annienta ogni cosa, spegne la coscienza, annulla ogni legame, isola sempre di più spingendo l’uomo verso l’egoismo squallido. Ecco, allora, che si spezza il legame tra marito e moglie, tra padri, madri e figli, al punto di cancellare ogni traccia di rapporto umano», Galatro, Giovedì 18 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"PERCHE’ DUE, SAN NICOLA?". Ci hanno pensato i nemici interni a mettere tutto in crisi ... recentemente ha sottolineato Papa Francesco, una “globalizzazione dell’indifferenza” in materia di fede, come se credere significa solo accettare quello che fa comodo ... Francesco ha detto che, quando vede suore e preti con macchine di ultima moda, sente una fitta al cuore. La macchina serve, ma se ne compri una più modesta, pensando a quanti bambini muoiono di fame. E se alle macchine aggiungiamo le ville al mare, in montagna, gli appartamenti in città?», Galatro, Venerdì 12 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"CHE RETATA, SAN NICOLA!" La fede è un grosso libro in cui si legge una parola sola: Credo», Galatro, Venerdì 5 Luglio 2013

@  Cordiani Carmelo: «SAN BRUNO 2011 ... come gli altri precedenti, quando Bruno Marazzita era il personaggio più amato e più odiato dai galatresi e dopo quel sette dicembre 2002 che fermò il suo tempo. Ma cosa si può augurare ad un amico ormai nell’eternità, al quale il nostro tempo è qualcosa così piccola e meschina che può anche non interessare?  Si è sempre tentati di parlare con un amico scomparso convinti che, vedendo le nostre cose da una dimensione immensa, le riporti al giusto valore, prive di quelle scorie che le appesantiscono, le inaspriscono, le intrecciano in maniera così complicata da rendercele incomprensibili », Galatro (RC),  Giovedì  6 Ottobre 2011

Archivio

 

Galatro

 

 

Meditazioni della Domenica

 

Memorare
Pino Mulone

 

lo Straniero
Il blog di Antonio Socci

 

 

Radio LONDRA: Giuliano Ferrara, guarda i video

SamizdatOnLine - Una via per ricominciare

 

Christmas Truce 1914
OPERATION PLUM PUDDINGS

«È meraviglioso che la tregua tra gli eserciti sia stata generata da un evento accaduto una notte di duemila anni fa». Tra gli orrori della Grande Guerra, un episodio di straordinaria umanità

 

 

Opportunità

 

Piepoli Vito

 

 

 

 

 

 


#Galatro

 ID
 

   

Tempi.  Settimanale di cronaca, giudizio, libera circolazione di idee  ... per abbonarsi a TEMPI