Terme "Bruno Marazzita"
...dopo circa un secolo di varie vicissitudini umane, di passaggi di proprietà e di cambi di gestione ...lo stabilimento termobalneare di Galatro tornava ad essere di proprietà del comune grazie all'opera instancabile del Sindaco Bruno Marazzita... Anche il nuovo palazzo delle Terme è stato ideato e voluto dall’amministrazione con a capo il Sindaco Bruno Marazzita ... che resterà nella storia di Galatro come il più importante ed il più rappresentativo amministratore di tutto il secolo appena concluso ...  il Sindaco Bruno Marazzita disinteressato e coraggioso “difensore civico”.

 

 

 

 

 

VII Incontro Mondiale Famiglie, Milano, 2012: «La Famiglia: il lavoro e la festa» :
DISCORSI BENEDETTO XVI

Sito ufficiale www.family2012.com
 

 

 

 

Benedetto XVI

> Libano, 14-16.09.12

> VII Incontro Mondiale Famiglie, Milano, 1-3.06.12

> Assemblea CEI: Il dono prezioso della fede, 24.05.12

> Arezzo: Nuovo sapore all'intera società civile, 13.05.12
> Educare i giovani alla giustizia e alla pace, 12.01.12
> Laici, cioè cristiani
, 25.11.11
>
In Calabria
9.10.11

> In Germania, 22-25.09.11
Brani scelti

> XXVI Giornata Mondiale della Gioventù, Madrid (Spagna), 18-21.08.11 

> B16 - XXVI Giornata Mondiale Gioventù: L'uomo è veramente creato per ciò che è grande , 06.09.10

> B16 in Gran Bretagna 16-19.09.10

> B16 a Torino  2.05.10

> B16, REGINA CÆLI,  Piazza San Pietro,  16.05.2010

> B16 ai Cattolici D'Irlanda, 19.03.10

> Più grande del peccato , Tracce, Aprile 2010

> Quei peccati dei preti, ferita profonda bisogna tornare alla lezione di Cristo, J. Carron La Repubblica, 4.04.10

 

 

Giuliano Ferrara

RADIO LONDRA

 

 

 

Why not

> Fango. Quando la macchina va in panne
Intervista ad Antonio Saladino, il principale indagato, la «nuova Tangentopoli» italiana risoltasi in un clamoroso flop 29.10.10

> Perché De Magistris non ci crede più
Il giornalista del Corriere sedotto e abbandonato dal giustiziere di Catanzaro rievoca la sua misteriosa metamorfosi. «Iniziata in campagna elettorale» 29.10.10
> Una Bufala finita nel nulla02.03.10
>L’accusatore finisce sotto accusa 16.03.10
 

 

 

 

 

 

 

 

Pellegrinaggio Papa BXVI
in Terrasanta,
8-15 Maggio 2009

Il programma

Servizi di Tempi.It

Servizi di Avvenire

Brani dei discorsi

 

 

 

 

Zibaldone

 

 Editoriale

 

 

 
 In evidenza

 

 

   

Mercoledì  7 Dicembre 2016

   
@ «AUGURISSIMI, SAN NICOLA. Il sei dicembre prossimo tutti i calendari sono d’accordo: San Nicola di Bari. San Nicola è il Santo protettore di Galatro e si spera che resti a lungo il Patrono di Galatro per guidarlo, proteggerlo, dare alla gente pace e serenità, confortare gli ammalati, far crescere buoni ed onesti i bambini, raddrizzare qualche testa storta, frenare l'esodo che sta spopolando il paese, dare entusiasmo ai pochi rimasti, ispirare a chi di dovere idee per fatti concreti e non per bla, bla, bla ...»,
Cordiani
Carmelo, Galatro (RC),  4 Dicembre  2010
 

 


@ «Il Maestro, il Sindaco Bruno Marazzita. Ciao, Galatrese Bruno. Ricreatore di entusiasmo. Per farisei sei il “mostro”, per i pubblicani, ancora in vita, sei stato e resti il benefattore di Galatro»,
 di Carmelo Cordiani, Galatro (RC), 7 Dicembre 2007
 

 

 

 

Domenica 11 Dicembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

@

 

 

 

Domenica 4 Dicembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Convertitevi: il regno dei cieli è vicino!» New York, La Liturgia di Domenica 4 Dicembre 2016, II DOMENICA DI AVVENTO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Dentro la quotidianità ci vogliono le dimensioni dell'universo, Domenica 4 Dicembre 2016
Dentro la quotidianità ci vogliono le dimensioni dell'universo,
così che quel che è banale dovere di tutti i giorni possa diventare il contributo cosciente al destino di tutti.
Se una donna lava i piatti, come obbligo di un ruolo derivante dalla divisione dei compiti con il marito,
alla lunga non regge.
Se li lava come gesto di amore nei confronti della famiglia,
perché cresca e i rapporti dentro e fuori diventino più veri,
la fatica non è tolta,
nemmeno l'occasionale arrabbiatura per la scarsa partecipazione dei familiari,
ma affrontata con una coscienza che cambia anche chi è vicino
Giancarlo Cesana

(cit. in"Ed io che sono-Tra psicologia ed educazione"pag.120 ed. La Fontana di Siloe €10)

 
 

 

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

MONAGHAN

Posted: 25 Nov 2016 04:31 AM PST

Dalla newsletter Une Minute Avec Marie: «La Domino’s Pizza era stata fondata da Tom Monaghan, un fervente cattolico americano. Orfano, è affidato ad un orfanotrofio tenuto da religiosi. Per mancanza di soldi si arruola nei Marines e finisce per comprare una pizzeria in Michigan. La trasformazione del suo affare in catena prende una inattesa dimensione e eccolo nuotare nell’oro. È molto generoso, particolarmente con la Chiesa e i movimenti a favore della vita. Qualche anno dopo, fa costruire una città cattolica: la città Ave Maria, a metà cammino tra Orlando e Miami. Fondata nel 2007, può ricevere 8000 abitanti e 5000 studenti. Le tre bandiere che sventolano al di sopra delle istituzioni sono quelle del Paese, dello Stato e del Vaticano».

 

@

 

 

 

Domenica 27 Novembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Vegliate, per essere pronti al suo arrivo» New York, La Liturgia di Domenica 27 Novembre 2016, I DOMENICA DI AVVENTO (ANNO A)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

La normalità, Domenica 27 Novembre 2016
<<la cosa più grande è la normalità.
Perché è nella normalità il passo che ti avvicina al destino.
E se hai coscienza del destino, allora tutto diventa grande della grandezza che il destino comunica.
"Nell'esperienza di un grande amore tutto ciò che accade diventa avvenimento nel suo ambito",
e l'amore è l'affermazione dell'altro, non un sentimento che riduce,
che tenta di ridurre l'altro a sé.
Affermare l'altro è strapparsi da sé,
strappare quasi l'altro da sé per affermarlo [...]
Vale a dire, diventa avvenimento la normalità>>.
Luigi Giussani

(cit. da Monica Scholz-Zappa in "Giussani e Guardini Una lettura originale" pag.115 ed Jaca Book €18)

 
 

 

 

 

 

 

 

@

 

 

 

Domenica 20 Novembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Signore, ricordarti di me quando entrerai nel tuo regno» New York, La Liturgia di Domenica 20 Novembre 2016, XXXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C), Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'Universo

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Cos'è la verità?, Domenica 20 Novembre 2016
La verità è verità, perché è la verità.
E' in sé e per sé indifferente ciò che la volontà le dice
o se essa possa dare inizio con la verità a qualche intrapresa.
Il volere non deve giustificare la verità, né essa ha bisogno di giustificarsi dinanzi ad esso,
bensì quello deve riconoscersi del tutto incompetente di fronte a questa.
Il volere non crea la verità, ma la trova;
[...]
Il volere deve fondamentalmente riconoscere il primato della conoscenza sulla volontà,
del Lògos sull'Ethos.
Romano Guardini

(cit. da Monica Scholz-Zappa in "Giussani e Guardini Una lettura originale" pag.121 ed. Jaca Book €18)

 

 

 

 

Martedì 15 novembre

Interni

Calogero Mannino. Storia di un processo inscenato prima a teatro che nei tribunali
di Emanuele Boffi

Rimborsopoli, «il fatto non sussiste». Ora mettetevi voi in mutande
di Luigi Amicone

Politica

Roma. Quanto può arrivare a costare il (non) governo dell’antipolitica
di Pietro Piccinini

Le ragioni per cambiare la Costituzione che non sono presenti nella riforma
di Alfredo Mantovano

Sport

Tutte le ragioni per leggere Tempi. Ve le dico io che ho partecipato al casting delle assunzioni
di Fred Perri

Esteri

I nuovi dissidenti musulmani. «Contro un islam che reprime ogni forma di libertà»
di Rodolfo Casadei

Il Deserto dei Tartari

Perché dico No alla riforma Renzi-Boschi
di Rodolfo Casadei

Good Bye, Lenin!

Trump-param-pam-pam. Cosa dicono in Russia del nuovo presidente Usa
di Angelo Bonaguro

Il sugo della storia

Tutti uniti per il restauro della Natività a Betlemme
di Giovanni Fighera

Appunti

Un calendario del 2017
di Marina Corradi

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

FUMETTI2

Posted: 20 Nov 2016

Siete appassionati di fumetti? Ma, soprattutto, ne capite? Allora saprete chi è Frank Frazetta. Per gli altri: ricordate le mejo copertine di Conan il Barbaro e di Tarzan? Qualche universitario, ai miei tempi, teneva in camera il poster di Odino che avanzava in mezzo ai teschi. In realtà Frazetta era un illustratore, forse il migliore di sempre (fece anche una locandina per Clint Eastwood). Frazetta (i cui oli valgono milioni) disegnò una sola serie a fumetti, «The White Indian», tra il 1949 e il 1952. ReNoir-NonaArte la ripropone in edizione da collezionismo per palati fini (pp. 196, €. 19,90). Poi, per chi ama le storie ben disegnate, ecco la vita di san Josemaría Escrivá de Balaguer, fondatore dell’Opus Dei: Gillisen-Gabriel- Fostroy, «Attraverso le montagne», Ares, pp. 84, €. 18. Se, infine, conoscete la storia dei famosi «47 rōnin» giapponesi, eccola per ReNoir: di Mike Richardson e Stan Sakai (quello del coniglio-samurai Usagi Yojimbo), pp. 154, €. 19,90.

 

 

@

FOOD

Posted: 15 Nov 2016

Il numero dei locali dove si mangia o si vende roba da mangiare avanza in progressione geometrica. Un italiano su tre –leggo- posta su Facebook foto di piatti (non vuoti, ovvio). Cioè: visto che non posso più risparmiarli, i soldi, tanto vale che me li mangi.

 

 

 

 

Domenica 13 Novembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita» New York, La Liturgia di Domenica 13 Novembre 2016, XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

Dio non c'è o manca?, Domenica 13 Novembre 2016
Quando io sento dire da un ateo,
uno di quelli che 'si confessano' tali in pubblico,
che Dio non c'è, mi viene alla mente:
non c'è, ma manca.
Martin Walser

(cit. in "Il Foglio" 13 novembre 2016 pag. 3)

 

 

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

SINISTRA

Posted: 12 Nov 2016 10:20 PM PST

La sinistra è il partito del popolo, la destra è il partito dei ricchi. Ma allora com’è che la sinistra il popolo lo carica di tasse e la destra gliele vuole levare?

 

ECCOCHIESTATO

Posted: 10 Nov 2016 09:27 AM PST

«Nel 1921 il belga Henri Pirenne aveva messo in luce la persistenza delle istituzioni romane in Italia, in Spagna e nell’Africa del nord fino all’invasione musulmana. Privando l’Occidente di ogni tipo di contatto con l’Oriente ellenistico con la paralisi del commercio mediterraneo e condannandolo così alla stagnazione netta delle economie autarchiche, l’Islam avrebbe interrotto le tradizioni antiche molto più delle invasioni germaniche» (Michel De Jaeghere, Gli ultimi giorni dell’Impero Romano, Leg 2016, pag. 25).

 

TRUMP

Posted: 09 Nov 2016 10:16 PM PST

Trump è il Berlusconi d’America. Gli faranno sopportare lo stesso calvario.

 

@

 

 

 

Domenica 6 Novembre 2016

   

Vincenzo La Gamba


La Gamba Vincenzo M. - Meditazioni: «Dio non è dei morti, ma dei viventi» New York, La Liturgia di Domenica 6 Novembre 2016, XXXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

 

Memorare, di Pino Mulone

 

La questione della divinità di Cristo, Domenica 6 Novembre 2016
La questione della fede consiste essenzialmente nella questione della divinità di Cristo:
l'angoscioso problema dei nostri giorni sta proprio in questo:
se l'uomo moderno può ancora ragionevolmente professare tale fede.
[...]
[Anche se] non sta qui tutta la questione.
Infatti il mistero del Cristo non consiste solo nel fatto che Egli è Dio,
ma specialmente in questo: che Egli è "Uomo-Dio".
La grande realtà meravigliosa, incredibile,
non consiste che nel Volto di Cristo risplendeva la maestà di Dio;
ma che Iddio è divenuto vero uomo:
che Egli, Iddio, si manifestò sotto forma di un uomo.
Karl Adam

(cit. da Monica Scholz-Zappa in "Giussani e Guardini-Una lettura originale" pag.146 ed Jaca Book €18 )

 

 

 

 

 

 

 

Il Blog di Rino Cammilleri
Il Blog di Rino Cammilleri

PEDO

Posted: 05 Nov 2016 06:23 AM PDT

«Secondo il sociologo Philip Jenkins, uno dei principali studiosi della pedofilia nel clero, il tasso di sacerdoti condannati per abusi su minori varia, a seconda delle aree geografiche, dallo 0,2% all’1,7% del totale, mentre per i ministri protestanti va dal 2 al 3%. Negli Stati Uniti, in particolare, la presenza di pedofili è da due a dieci volte più alta tra i pastori protestanti rispetto ai preti cattolici. La statistica è importante perché, dal momento che i pastori protestanti si sposano, dimostra che il problema non è in alcun modo legato al celibato dei sacerdoti. Un altro studio del John Jay College of Criminal Justice della City University of New York, citato dal sociologo Massimo Introvigne, attesta che oltre l’80% dei preti incriminati per pedofilia risultano di orientamento omosessuale» (Roberto de Mattei, in Il Tempo, 8 ottobre 2016).

 

@

 

 

 

@  Il Santo del giorno:
  -Tracce
   -santi, Beati, Testimoni

@  PAPI NELLA STORIA

@  MAGISTERO

Galatro  News

 

Brooklyn  News

 

Galatro Blog


@
«In Memoria della Signora Franca Cannatà. Zia Franca. Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
ma non avessi la carità,
sarei un bronzo risonante o un cembalo squillante.
», Galatro, Giovedì 28 Aprile2016

@ San Pio da Pietralcina:  «Padre Pio nella mia vita, quando lo straordinario era quotidiano. Appunti della vita del Dottor Francesco Lotti, collaboratore e figlio spirituale di San Pio da Pieltralcina» di Angelo Marazzita, Galatro, 16 Agosto 2015 Festa di San Rocco

@ am: «Italia il bancomat dei terroristi, San Nicola! La generosità di Gianna e gli stravanti aiuti di Greta e Vanessa» Galatro, Sabato 24 Gennaio 2015

am: «Parigi val bene una messa, San Nicola! In margine all'attentato al giornale “Charlie Hebdo” di Parigi il 7 Gennaio 2015» Galatro, Sabato 10 Gennaio 2015

am: «L'Europa rinascerà? San Nicola! L’Europa ha perso per strada molti dei suoi ideali. La vera emergenza odierna» Galatro, Sabato 24 Maggio 2014

am: «Suicidarsi a 13 anni, San Nicola! Sabato mattino una leggera ed esile pioggia, quasi reverenziale, ha accompagnato il funerale di una giovanissima ragazza, una tredicenne. La cronaca nera di una cittadina a ridosso di Torino questa volta è generosa di dettagli» Galatro, Lunedì 21 Aprile 2014

am: «La primavera, San Nicola! Tutto è diverso, tutto è nuovo. Il Destino non ha lasciato solo l’uomo. Il Destino si è reso incontrabile, verificabile» Galatro, Giovedì 10 Aprile 2014

@ am: «La notte degli Oscar, San Nicola! Era una giornata bellissima, primaverile e tiepida. Gli amici sbucavano all’improvviso e alla spicciolata. La compagnia si ricomponeva. Uno degli amici aveva lo sguardo sospeso in aria e a tratti sembrava che calpestasse qualcosa per terra. Di punto in bianco esordì: “Avete visto domenica scorsa gli Oscar?"» Galatro, Mercoledì 12 Marzo  2014

@ am: «La Bulla e le Nuove Periferie, San Nicola! Un timido sole di metà febbraio ci ha invogliato a spingerci a fare una lunga passeggiata sino alle Terme, quelle che Bruno “Il Sindaco” considerava l'oro del Paese. Le poche macchine che intercettavamo lasciavano inalterato tutto l'ambiente, non alteravano la tranquillità che ci invadeva e ci permetteva di parlare con trasporto senza doverci urlare addosso, come invece vediamo accadere sistematicamente in tutte le trasmissione televisive. Ma la questione della “Bulla” di Bollate non ci lasciava tranquilli. “Avete visto cosa ha fatto la bulla ai primi di febbraio, fuori dalla scuola, con la sua tuta grigia e la borsetta a tracolla? Ha insultato e picchiato una ragazza, che forse le ha soffiato il ragazzo, con una semplicità disarmante”, ci raccontava un amico» Galatro, Domenica 16 Febbraio  2014

@ am: «Cannabis … per avere giovani storditi e passivi, San Nicola! Qualche giorno addietro approfittando di un pomeriggio ancora soleggiato ma freddo, con il solito gruppo di amici, facemmo una passeggiata lungo la strada che porta alle Terme, quella strada che “'u Sindacu” fece costruire proprio per agevolare l'accesso alle terme. Si chiacchierava sui festeggiamenti a Montevideo in Uruguay per la liberalizzazione del consumo di marijuana» Galatro, Domenica 2 Febbraio  2014

@ am: «Buon Anno, San Nicola! Le feste di Natale sono appena finite e si ricomincia con le passeggiate in piazza. Un anno nuovo non è diverso dal precedente. I pochi emigranti che erano venuti al paese, per ritrovare i loro cari, sono ormai andati via e pochi sparuti gruppetti hanno ripreso le salutari consuetudini. Da alcune sere si riesce a passeggiare piacevolmente. Non c'è un freddo eccessivo. Si conversa amabilmente ma gli argomenti toccati agitano sempre gli animi» Galatro, Domenica 12 Gennaio 2014

@ am: «L'invidia, San Nicola! Parlare delle vicende sportive ha un effetto: infiammare gli animi. Nelle fredde serate invernali questo è un grande beneficio. Le passeggiate  diventano sempre più corte, come i giorni, mente l’invidia per il successo riportato dalla squadra avversaria, cresce. Nelle vicende politiche nazionali e locali, l’invidia è padrona sovrana. Per non parlare dell’invidia sul luogo di lavoro, pubblico o privato che sia, … e l’elenco potrebbe continuare… ché a tutte un fil di ferro il ciglio fora/ e cuce si come a sparvier selvaggio …» Galatro, Lunedì 16 Dicembre 2013

@  am: «La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, che splendore San Nicola!"  Che c'è d'allegro in questo maledetto paese?" gridò l'Innominato di Manzoniana memoria. Questa battuta infiammò la discussione serale in piazza. Il commento dei fatti politici, degli scioperi nelle varie città italiane, non dava adito a possibili vie di fuga. Il disagio, l’ intolleranza, l’ insofferenza verso tutto ciò che non andava bene, prendeva il sopravvento» Galatro, Martedì 10 Dicembre 2013

@  am: «John Fitzgerald Kennedy un mito o il nuovo, San Nicola? Ripercorrere quanto stava sucedendo cinquant'anni fa in america, con quegli gli occhi di un bambino o di un adolescente, rende ancora oggi struggente il ricordo vivissimo di quelle sbiadite immagini in bianco e nero che arrivavano su quell'unico canale televisivo che esisteva. Arrivavano da un mondo lontanissimo che un'improvvisa tragedia rese incredibilmente e dolorosamente vicino. Il mondo era certamente molto diverso. Quelle vicende si fissarono molto più facilmente nel cuore e nella mente, sebbene i mezzi di comunicazione fossero quelli che erano» Galatro, Sabato 30 Novembre 2013

@ am: «Bomba d’acqua, San Nicola! Non erano passati che pochi giorni dalla chiacchierata su “Piove, governo ladro!” che una vera bomba d’acqua si stava abbattendo sulla Sardegna e su di noi. “Una bomba d’acqua sulla Sardegna”, “Un inferno d’acqua sulla Sardegna”, “Il ciclone Cleopatra fa una strage” , “Il ciclone Cleopatra semina morte, terrore e distruzione in Sardegna”, “Sardegna in ginocchio” ... questi i titoli dei vari giornali che leggevamo per capire cosa stesse succedendo» Galatro, Martedì 26 Novembre 2013

@ am: «Piove, governo ladro! San Nicola. Sino a pochi giorni orsono ero fermamente convinto che “Piove, governo ladro!” fosse un’imprecazione inventata nell’era della Prima repubblica, ma in questi giorni mi sono ricreduto. Visitando la mostra “Casimiro Teja, sulla vetta dell’umorismo”. Con mio grande stupore ho scoperto che correva l’anno 1861 quando Casimiro Teja usò questa espressione a corredo di una vignetta che illustrava un comizio indetto dai mazziniani ed interrotto a causa della pioggia. Per certi versi i mazziniani dell’epoca si potrebbe dire sono i grillini di oggi: ai mazziniani ieri, come ai grillini oggi, non andava mai bene nulla. L’imprecazione, però, andava bene allora come va bene oggi per la Prima, la Seconda e la Terza repubblica» Galatro, Sabato 16 Novembre 2013 ... continua a leggere

@  am: «Ognuno ha un prezzo, San Nicola! Quando muore un amico e viene celebrato il funerale ti accorgi che non tutti i funerali sono tristi. La chiesa è piena zeppa delle persone più diverse, gente del popolo, ex colleghi di lavoro, amici e nemici. Tutti hanno bisogno di ringraziarlo per aver reso migliore la propria vita. Il valore di quell’amico lo si vede lì. Poi nei  giorni scorsi leggendo i giornali, ascoltando i telegiornali, si restava sbigottiti nel sentire che alcune minorenni offrivano prestazioni sessuali in cambio di una ricarica telefonica. Per complicare il tutto si aggiungeva anche la notizia che qualche madre prendeva la percentuale sui proventi della prostituzione della propria figlia quindicenne. Era troppo. Tutto diventava insopportabile e rinasceva spontanea la domanda: "Qual' è il valore della nostra vita?"» Galatro, Sabato 9 Novembre 2013

@  am: «Il Papa spiato, San Nicola! Il Papa, gli spionaggi e i social network» Galatro, Sabato 2 Novembre 2013

@  am: «La chiave che apre la porta alla fede, San Nicola.  Immaginate una chiesa chiusa nella quale la gente, che passa davanti non può entrare e da dove il Signore che è dentro non può uscire. Ecco sovente molti cristiani hanno in mano la chiave e la portano via, non aprono la porta; o peggio, si fermano alla porta e non lasciano entrare» Galatro, Sabato 26 Ottobre 2013

Don Giuseppe Calimera: «“Beato l'uomo che confida nel Signore”... è con questa esclamazione che voglio salutare il Professore Cordiani. Ho voluto scegliere questa frase del Salmo 1 perchè così mi piace ricordare il professore, uomo timorato di Dio, uomo che confidava in Dio, uomo che aveva sempre il pensiero alle cose di Dio. Posso confermarlo sopratutto pensando a qualche mese fa quando lui stesso mi chiamò che voleva confessarsi e ricevere il sacramento dell'unzione. Non poteva essere diversamente essendo uscito da una formazione Salesiana dove ha ricevuto i principi cristiani, i valori umani, la conoscenza di Dio, che lui non ha mai smesso di trasmettere a chiunque lo incontrava. Galatro oggi perde un altro dei suoi figli che ha segnato le pagini di questo paese e ha servito questo paese formando diverse generazioni di ragazzi. Avendo studiato pedagogia non poteva che uscirne un uomo, un maestro di vita di valori fondati. La pagina della storia di Galatro da un lato è ricca di figli che hanno dato la vita per questo paese, da un altro lato è povera perché perde un suo figlio che poteva essere ancora strumento di crescita», Omelia per il Funerale di Carmelo Cordiani, Galatro, Domenica 20 Ottobre 2013

Gli amici di Carmelo Cordiani: «QUANDO NOI VEDREMO TUTTO, SAN NICOLA! Era da qualche giorno che il banco davanti a San Nicola era vuoto. Eppure Carmelo non aveva fato altro che raccomandarsi con i suoi amici di andare a trovare il suo Santo protettore, specialmente ora che doveva continuamente rifare il tagliando. Così gli piaceva ricordare i suoi continui viaggi della speranza per rimettere in sesto il suo corpo martoriato. Pieni di dolore e tristezza ci sedemmo al solito posto, ma neanche il tempo di aprire bocca che subito il Santo sbottò.», Galatro, Sabato 19 Ottobre 2013

@ Cordiani Carmelo: «QUANTA MISERICORDIA, SAN NICOLA!. Mi alzai piano piano perché volevo spendere ancora due parole davanti al Tabernacolo. Mi venne a mente di dire a Gesù che, senza la sua presenza nella nostra vita, ci sentiamo vuoti e inutili. Gli dissi anche di scuoterci, quando persistiamo in un atteggiamento orgoglioso che ci tiene distaccati e ci fa credere autosufficienti. Ma anche qui intervenne San Nicola…», Galatro, Domenica  22  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «COSA VUOLE IL SIGNORE, SAN NICOLA? Lo sai che, a volte, ci mandi fuori strada? Nel libro della Sapienza riconosci Tu stesso che il nostro corpo corruttibile appesantisce l’anima e la tenda d’argilla opprime una mente piena di preoccupazioni. Affermi, inoltre, che a stento immaginiamo le cose della terra, scopriamo con fatica quelle a portata di mano. Come possiamo, allora, conoscere il tuo volere? Come possiamo stabilire una relazione con Te se non sappiamo chi sei e cosa vuoi? Addirittura, tramite Luca ci dici che se amiamo il padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli… più di Te non possiamo essere tuoi discepoli. E di chi, allora? Rimaniamo chiusi nel nostro vaso d’argilla, come si è espresso anche il tuo servo Francesco, continuamente in ansia che quella piccola fiammella che abbiamo ereditato, o ci hai dato, si spenga e restiamo al buio?», Galatro, Domenica  15  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «PERCHE’ ULTIMI, SAN NICOLA? “Senti un po’, San Nicola, la faccenda degli ultimi non mi convince. Possibile che tra i tanti guai che ci affliggono dobbiamo metterci da parte se ci siamo sacrificati per un posto in prima fila? Se i primi diventano ultimi e questi i primi, mi sai dire che fine faranno i primi diventati ultimi?”», Galatro, Sabato 7  Settembre 2013

@ Cordiani Carmelo: «QUANT’E’ STRETTA, SAN NICOLA ? “Abbi pazienza, mio Signore. Non solo hai ristretto la porta, ma non si passa nemmeno sforzandosi per entrare. E allora, cosa ci resta?  Prima hai dichiarato di essere venuto a gettare fuoco sulla terra, poi ci inviti alla conversione, altrimenti periremo tutti allo stesso modo, concludi restringendo la porta … mi sai dire cos’altro ci aspetta? Già è difficile capire il tuo messaggio d’amore, di perdono; quando fai queste dichiarazioni, scusami, ci scoraggi. Possibile che tutta la partita tra Te e noi debba svolgersi sul filo della fede? E chi non ce l’ha? Non ci lasci un po’ di spazio anche per capirti quando il discorso diventa, per noi, assurdo?”», Galatro, Martedì  27 Agosto 2013

@ Cordiani Carmelo: «CHE SPLENDORE, SAN NICOLA! Un tunnel di luci, via Garibaldi di Galatro. Infondo, la chiesetta della Madonna del Carmine, con il portone spalancato. Vigilia della festa e, come per tradizione, la statua era stata portata al “catafalco”, una mini processione nell’altra parte del paese, la sezione Montebello. Suoni, canti, preghiere e un commento del giovane parroco. Poi il ritorno nella chiesetta, uno spazio ricco di ricordi per chi è nato a soli cinquanta metri. Nel fiume Metramo uno spettacolo insolito, un brulicare di fiammelle al passaggio della processione... Quello che conduce alla Madonna è un percorso di luce in cui, più ti immergi, più senti il profumo di cielo .... la madre di Gesù è più onorata, sia sotto il titolo di Madonna del Carmine che quello di Maria SS. Della Montagna. E’ la madre e, con le mamme, si ha più confidenza. Anche per i pellegrinaggi è così: La Salette, Fatima, Lourdes, Loreto…luoghi sacri alla Madonne, dove apri il tuo cuore pieno di rughe e di pieghe sclerotiche, un vero labirinto in cui trovi di tutto», Galatro, Venerdì 16 Agosto 2013

@ Cordiani Carmelo: «SOLO SODOMA, SAN NICOLA? “Ma perché questo uomo, questo capolavoro uscito dalla tue mani, ha combinato e continua a combinare guai?», Galatro, Mercoledì 31 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «PORRO UNUM”! RICORDI, SAN NICOLA? D’altra parte, una sola cosa è necessaria», Galatro, Giovedì 25 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"CHE FIGURACCIA, SAN NICOLA!". Il levita ed il sacerdote passarono indifferenti. E mi ritorna ancora la riflessione di papa Francesco quando ha parlato della “globalizzazione dell’indifferenza”. Sagge parole che, un padre passionista nell’omelia di domenica, ha  allargato aggiungendo che l’indifferenza è peggiore dell’odio, perché l’odio ha un avversario di fronte. L’indifferenza annienta ogni cosa, spegne la coscienza, annulla ogni legame, isola sempre di più spingendo l’uomo verso l’egoismo squallido. Ecco, allora, che si spezza il legame tra marito e moglie, tra padri, madri e figli, al punto di cancellare ogni traccia di rapporto umano», Galatro, Giovedì 18 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"PERCHE’ DUE, SAN NICOLA?". Ci hanno pensato i nemici interni a mettere tutto in crisi ... recentemente ha sottolineato Papa Francesco, una “globalizzazione dell’indifferenza” in materia di fede, come se credere significa solo accettare quello che fa comodo ... Francesco ha detto che, quando vede suore e preti con macchine di ultima moda, sente una fitta al cuore. La macchina serve, ma se ne compri una più modesta, pensando a quanti bambini muoiono di fame. E se alle macchine aggiungiamo le ville al mare, in montagna, gli appartamenti in città?», Galatro, Venerdì 12 Luglio 2013

@ Cordiani Carmelo: «"CHE RETATA, SAN NICOLA!" La fede è un grosso libro in cui si legge una parola sola: Credo», Galatro, Venerdì 5 Luglio 2013

@  Cordiani Carmelo: «SAN BRUNO 2011 ... come gli altri precedenti, quando Bruno Marazzita era il personaggio più amato e più odiato dai galatresi e dopo quel sette dicembre 2002 che fermò il suo tempo. Ma cosa si può augurare ad un amico ormai nell’eternità, al quale il nostro tempo è qualcosa così piccola e meschina che può anche non interessare?  Si è sempre tentati di parlare con un amico scomparso convinti che, vedendo le nostre cose da una dimensione immensa, le riporti al giusto valore, prive di quelle scorie che le appesantiscono, le inaspriscono, le intrecciano in maniera così complicata da rendercele incomprensibili », Galatro (RC),  Giovedì  6 Ottobre 2011

Archivio

 

Galatro

 

 

Meditazioni della Domenica

 

Memorare
Pino Mulone

 

lo Straniero
Il blog di Antonio Socci

 

 

Radio LONDRA: Giuliano Ferrara, guarda i video

SamizdatOnLine - Una via per ricominciare

 

Christmas Truce 1914
OPERATION PLUM PUDDINGS

«È meraviglioso che la tregua tra gli eserciti sia stata generata da un evento accaduto una notte di duemila anni fa». Tra gli orrori della Grande Guerra, un episodio di straordinaria umanità

 

 

Opportunità

 

Piepoli Vito

 

 

 

 

 

 


#Galatro

 ID
 

   

Tempi.  Settimanale di cronaca, giudizio, libera circolazione di idee  ... per abbonarsi a TEMPI